Perché i medici non prescrivono la curcuma se è così terapeutica?

 

Sayer Ji, GreenMedinfo
Waking Times


Uno dei più grandi trionfi della scienza biomedica oggi
è il suo ruolo nel convalidare le antiche modalità di guarigione che molto prima dell’avvento della scienza, e persino la storia stessa, furono tramandate “oralmente” di generazione in generazione nel vasto corpo della conoscenza medica folcloristica che costituisce ancora la base per la maggior parte del sistema sanitario primario del mondo. Queste cosiddette modalità “naturali” o “alternative”, che la nostra specie deve la sua sopravvivenza ai giorni nostri, dopo aver eoni di dipendenza da esse, stanno guadagnando sempre più l’attenzione di uomini e donne in camici bianchi intenti a svelare i misteri di come lavoro, e in molti casi, perché funzionano meglio di farmaci brevettati, sintetici, a base chimica. Non esiste esempio migliore di questo oggi di curcuma.

L’immenso corpo di ricerca che rafforza la curcuma per la prevenzione e il trattamento delle malattie

Nel corso degli ultimi sette anni, abbiamo indicizzato oltre 2.700 studi che studiano i benefici per la salute della curcuma (o dei suoi componenti) nella prevenzione e nel trattamento delle malattie, scoprendo una stupefacente 800+ diverse malattie che potrebbe essere utile nel migliorare. La complessità di questa sostanza nel modulare oltre 150 percorsi biologici nel corpo, simultaneamente, in un modo che produce quasi sempre risultati positivi è semplicemente sbalorditiva, e potrebbe essere interpretata come esemplificativa di un tipo di intelligenza vegetale se non anche di compassione interspecifica tra regni vegetali e animali.

La ricerca continua ad accumularsi, con un nuovo studio pubblicato aggiunto a Medline ogni pochi giorni; al momento della stesura di questo articolo, ci sono oltre 9.000 studi pubblicati sull’argomento. In effetti, il nostro database su curcuma è diventato così grande da richiedere un intero server solo per caricare i dati per i membri professionisti che eseguono il filtraggio dinamico per tipo di studio, data, ecc.

I nostri seguaci regolari sanno che riportiamo ampiamente le prove che indicano che la curcuma, e in particolare il polifenolo di colore dorato noto come curcumina che contiene, è superiore a una vasta gamma di prodotti farmaceutici sia in termini di sicurezza che di efficacia. Alcuni degli esempi più interessanti sono elencati di seguito:

 

Questo è solo un piccolo sottoinsieme di studi disponibili che dimostrano l’eccezionale versatilità della curcuma (curcumina) nella prevenzione e nel trattamento delle malattie. Puoi cercare attraverso più ricerche di questo tipo sul nostro database di ricerca di Turmeric.

 

Perché la curcuma non ha ricevuto l’approvazione della FDA

Considerando l’enorme densità di dati disponibili oggi per sostenere gli effetti di promozione della salute di questo ingrediente culinario sicuro e testato nel tempo, si potrebbe pensare che il governo consentirebbe il suo uso per “prevenire, curare o curare le malattie” – i criteri tecnici per qualcosa da essere definito come una “droga” legittima dalla FDA. In effetti, la dichiarazione della missione della FDA comprende il seguente obiettivo:

La FDA è anche responsabile per far progredire la salute pubblica contribuendo a velocizzare le innovazioni che rendono i farmaci più efficaci, più sicuri e più accessibili e aiutando il pubblico a ottenere le informazioni accurate e scientifiche di cui hanno bisogno per usare medicine e alimenti per mantenere e migliorare la loro Salute.”

Quando qualcosa di così sicuro, così conveniente, così accuratamente testato nel tempo in una moltitudine di culture, ha così tante prove dietro dimostrando la sua capacità di alleviare la sofferenza, non è altamente immorale non usarlo, specialmente nei casi in cui i trattamenti convenzionali falliscono?

Purtroppo, la FDA richiede che vengano condotte prove cliniche proibitive per garantire il diritto legale alla popolazione di essere trattato con sostanze medicinali di qualsiasi tipo. In effetti, la droga media approvata dalla FDA sul mercato oggi richiedeva da quattro a undici miliardi di dollari di capitale da investire sul front-end. Le sostanze non brevettate, non importa quanto bene lavorino per produrre risultati positivi per la salute, non sono ovviamente in grado di produrre un ritorno sull’investimento in quanto non garantiscono esclusività di mercato. Le considerazioni economiche (vale a dire i motivi di profitto), quindi, sono la ragione principale per cui la medicina naturale viene ancora praticata solo al di fuori delle mura di cinta.

Come siamo arrivati ​​a questo punto chiaramente dissonante e cognitivo nel tempo? Ho affrontato alcuni di questi problemi in un precedente articolo, Perché la legge vieta l’uso medicinale di sostanze naturali, “osservando una delle radici storiche dell’impasse:

È una nota interessante nella storia che, poco dopo la Dichiarazione di indipendenza, il Congresso ha dichiarato che le sostanze naturali, ad esempio l’acqua o il sale, erano il dono di Dio per l’umanità e che quindi i prodotti della natura dovrebbero essere limitati nella loro tutela brevettuale. Mentre questa era una dichiarazione nobile, è stata effettivamente usata contro coloro i cui diritti proteggerebbe. Ha costretto gli interessi privati ​​a alterare sinteticamente le sostanze naturali – ad esempio il fiorente campo biotecnologico della tecnologia del DNA ricombinante, cioè gli organismi geneticamente modificati (OGM) – per la sola ragione che garantisce loro proprietà / diritti di brevetto”.

E così, perché le sostanze naturali sono un dono dato da Dio [inserire la parola “Natura data” se si preferisce], liberamente disponibile senza adulterazione per essere usato per curare e persino curare le malattie, il sistema medico – il cui obiettivo attuale è il profitto fuori dalla malattia invece di alleviare la sofferenza – si fa in quattro per evitare il loro uso, persino per ostracizzare e / o punire quei professionisti medici che incorporano il loro uso nella loro pratica. Allo stesso modo, gli interessi farmaceutici capitalizzati armeggiano con composti naturali di piombo per alterarli in modo tale da essere convertiti in sostanze chimiche xenobiotiche, garantendo virtualmente la loro tossicità, e rendendo la loro successiva approvazione della FDA come un nuovo composto chimico brevettabile l’equivalente del bacio della morte.

Questa situazione ha creato una grande spaccatura tra coloro che credono che il governo dovrebbe avere l’autorità di dirci cosa possiamo e non possiamo fare dal punto di vista medico, e coloro che credono che sia il nostro innato diritto di scegliere cibo o sostanze naturali per prevenire o curare le malattie indipendentemente di ciò che lo Stato ritiene legale. Ovviamente, sto dalla parte della libertà per la salute. Finché ciò che scegli di fare per te non nuoce a nessun altro, quel diritto di scelta dovrebbe essere considerato inviolabile e sacrosanto. A dire il vero, la curcuma non danneggia nessuno ma il fondo della linea delle compagnie farmaceutiche. In definitiva, è altamente immorale che l’establishment medico faccia un servizio a parole con la medicina basata sull’evidenza e chiudendo un occhio sulla ricerca che questa spezia e le 1.700 altre sostanze naturali che abbiamo indicizzato nel nostro database non hanno valore legittimo come trattamenti per la vasta gamma di disturbi che ora affliggono i membri della nostra società.

Dichiarazione di non responsabilità: questo articolo non è destinato a fornire consulenza medica, diagnosi o trattamento.

Fonte: https://www.wakingtimes.com/

Articolo correlato: Il Potere Divino della FDA nella cura delle malattie

®wld