Osama Shukir Muhammed Amin FRCP(Glasg) [CC BY-SA 4.0  (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)

 

Premessa – ndr – corsivo della premessa mio:

Mi viene sempre detto: “mai una gioia”, ebbene oggi dopo aver pubblicato l’articolo precedente “La Mantide” che divora qualsiasi cosa compreso il suo partner, non certo legato all’insetto ma al suo agire, agire che sembra sia molto in auge nella politica nostrana. 

  

Ebbene, oggi vi voglio parlare di un nostro antenato e più precisamente di un Imperatore Romano del I° secolo d.C. “Antonino Pio”. Ho fatto una ricerca per trovare qualcosa di positivo nella nostra millenaria Storia.

Buona Lettura

 

Antonino Pio: il più grande imperatore romano di cui non hai mai sentito parlare

 

Antonino Pio: il più grande imperatore romano di cui non hai mai sentito parlare

Antonino Pio, sebbene imperfetto, governò per lo più con prudenza, contenzione e moderazione.  

 

Nel libro della Genesi, Dio accettò di non distruggere Sodoma se Abramo avesse trovato lì 10 persone giuste. Abramo fallì e Dio cancellò la città dalla faccia della terra.

Più recentemente (e molto meno importante), il mio amico ed ex presidente della Fondazione per l’Educazione Economica Larry Reed ha lanciato una sfida simile: mi ha chiesto di identificare un buon imperatore romano, oltre a Marco Aurelio. Mi sono subito sentito un po’ come Abramo, che cercava freneticamente un ago in un pagliaio. Per fortuna, Larry non ha minacciato di distruggere Roma se la mia ricerca fosse fallita.

 

Imperatori romani

Ma è stato comunque uno sforzo difficile perché la maggior parte degli imperatori romani, almeno in certi punti della loro vita, erano poco più che megalomani omicidi troppo disposti a scatenare guerre a proprio vantaggio e ad eliminare le libertà dei romani. Questo vale anche per gli imperatori più venerati, tra cui Augusto, Adriano e Costantino.

Dopo aver accettato la sfida di Larry e aver riflettuto su di essa, alla fine venne in mente un imperatore: Antonino Pio. Mentre imperfetto, per la maggior parte, Antonino governava con prudenza, contenzione e moderazione. È conosciuto come uno dei cosiddetti “cinque buoni imperatori”, ma il suo nome è sopravvissuto nella relativa oscurità perché la storia è spesso più gentile con conquistatori ambiziosi e grandi costruttori rispetto a quelli che rispettano la libertà e governano con il cuore di un servo. 

 

“Antonino capì che se avesse governato giustamente per l’imperatore sarebbe stato un grande sacrificio, non una manna.”  

 

Nato nell’86 d.C., Antonino proveniva da una famiglia influente e ricca. All’inizio della sua vita, ha goduto di una carriera di successo come amministratore pubblico. Ma quando la salute dell’Imperatore Adriano iniziò a vacillare, chiamò Antonino suo erede anche se Antonino non avrebbe voluto l’onore. In effetti, Adriano presumibilmente riconobbe che Antonino era “lungi dal desiderare tale potere”, ma tuttavia credeva che avrebbe “accettato l’ufficio anche contro la sua volontà”.

Non molto tempo dopo, Adriano morì e Antonino divenne imperatore. Quando Antonino assunse l’incarico, disse a sua moglie: “Ora che abbiamo guadagnato un impero, abbiamo perso anche quello che avevamo prima.” Queste parole mostrano che Antonino capì che se avesse governato giustamente per l’imperatore sarebbe stato un grande sacrificio, non un manna.

 

Regola di Antonino

Antonino si dimostrò un sovrano indulgente e scrupoloso. Uno dei suoi primi atti da imperatore fu l’annullamento di alcuni decreti finali di Adriano. Il malato romano aveva condannato un numero imprecisato di senatori, ma Antonino optò per la misericordia e liberò gli uomini. Secondo alcuni storici, questo è il motivo per cui il Senato ha conferito la denominazione di “Pio” ad Antonino. Ma il nuovo imperatore non risparmiò semplicemente i nemici degli altri. Quando si formò una cospirazione contro di lui, il Senato, non Antonino, perseguì il tentato usurpatore, ma Antonino proibì di indagare sui cospiratori ribelli. Oltre a questi atti di misericordia, Antonino abolì anche l’impiego di informatori e annunciò che nessun senatore sarebbe stato giustiziato durante il suo regno.

Mentre accettava alcuni onori, incluso il cognomen di Pio, ne respingeva altri. Ad esempio, il Senato e il popolo romano adorarono così tanto Antonino che si offrirono di rinominare il mese di settembre dopo di lui, ma rifiutò categoricamente l’onore. Anzi, Antonino sembrava spesso evitare la grandezza del suo ufficio. Vendette terre imperiali, ridusse o eliminò i salari superflui e visse nelle sue ville piuttosto che nelle proprietà imperiali. Non ha mai nemmeno viaggiato oltre la Campania durante il suo regno perché credeva semplicemente di non poter giustificare il drenaggio del tesoro pubblico per i viaggi.

 

“Mentre molti conflitti sono scoppiati durante il suo lungo regno, molti erano di natura difensiva.”  

“Antonino non cercò di aumentare in modo massiccio il dominio di Roma.”  

 

Antonino era frugale anche in altri modi. Ha sorvegliato coscienziosamente il tesoro pubblico riducendo contemporaneamente le confische e il carico fiscale dei suoi sudditi. In più di un’occasione, ha scelto di spendere risorse personali per sostenere l’impero. Ad esempio, ha contribuito con denaro per riparare i progetti di costruzione di Adriano e, durante una carestia, ha fornito gratuitamente vino, olio e grano ai romani a proprie spese. Gestì con tanta prudenza le finanze dello stato che, quando morì, lasciò il tesoro pubblico con un enorme surplus: una rarità nella vecchia Roma.

Parte di questo surplus sembra essere correlato all’avversione di Antonino nei confronti dei progetti di vanità e di guerre inutili. Come molti imperatori, era un costruttore, sebbene non quasi al livello degli altri, e i suoi progetti di costruzione non sembrano essere stati progettati per glorificarsi, almeno non apertamente. E mentre sono scoppiati diversi conflitti durante il suo lungo regno, molti erano di natura difensiva. Inoltre, Antonino non ha cercato di aumentare notevolmente il dominio di Roma. Durante il suo mandato si verificarono solo due piccoli avanzamenti, in Britannia e Germania, ma sembra che la sua logica potesse essere stata, almeno in parte, quella di adeguare i confini in modo che i romani potessero difendere più economicamente la frontiera.

 

Un imperatore virtuoso

A differenza di molti dei suoi predecessori e successori, Antonino sembrava prendersi cura legittimamente dei suoi sudditi e dello stato. Ha istituito una dotazione per sostenere le ragazze orfane e colpite dalla povertà; prestava denaro personale a un tasso di interesse del quattro per cento (un tasso basso al momento) a chi era nel bisogno; non ha avviato alcuna persecuzione cristiana e ha cercato di restituire prestigio e rispetto al Senato. In effetti, il suo unico grande errore è stato il fatto di aver degradato il denario romano d’argento di circa il cinque percento per finanziare una grande celebrazione.

A parte questo passo falso, si potrebbero scrivere volumi sulle virtù di Antonino. La sua vita è forse meglio riassunta dal suo successore, Marco Aurelio, che descrisse Antonino come un uomo radicato, introspettivo e umile, rispettoso delle libertà altrui. Aurelio scrisse: “Sebbene tutte le sue azioni fossero guidate dal rispetto del precedente costituzionale, non avrebbe mai fatto di tutto per corteggiare il riconoscimento pubblico di questo”.

Il biografo di Antonius, Giulio Capitolino, allo stesso modo ha brillantemente registrato:

 

“Quasi solo di tutti gli imperatori [Antonino] visse del tutto privo di macchia non essendosi mai macchiato del sangue di un cittadino o di un nemico per quanto era in suo potere.“

 

di Marc Hyden

Marc Hyden è un attivista politico conservatore e uno storico romano dilettante.

Fonte: https://fee.org/ 

®wld