Alla ricerca degli Anunnaki: esplorare l’Antartide

di Janice Friedman

È possibile che l’Antartide nasconda davvero ‘prove’ di antiche civiltà altamente avanzate sotto i suoi spessi strati di ghiaccio? È possibile che la mappa Piri-Reis, la mappa Buache e la mappa Orontius Finaeus siano prove che prima che l’Antartide fosse scoperta nei tempi moderni, qualcuno riuscì a mappare i contenuti prima che fosse coperto di ghiaccio? E, potrebbe essere questo il motivo per cui i nazisti erano così interessati al contenuto ormai ghiacciato?

L’Antartide è uno dei luoghi più misteriosi della Terra. È lì che scienziati e personale militare hanno visto e assistito a molte cose strane.

È un luogo avvolto nel mistero in cui apparentemente sono state fatte scoperte straordinarie.

Dalle piramidi alla tecnologia ultraterrena, sembra che l’Antartide offra tutto.

Ma cosa sta succedendo davvero? C’è una leggera possibilità che ci sia davvero qualcosa nascosto sotto gli spessi strati di ghiaccio in Antartide?

Hai mai pensato che in un lontano passato, quando l’Antartide era molto diversa da come lo è oggi – senza ghiaccio che copre la sua vasta superficie – che in qualche modo la civiltà potrebbe essersi sviluppata lì?

Una mappa scoperta nel 1900 ha creato un dibattito mondiale sull’Antartide e su ciò che realmente è laggiù.

La mappa insolita dettaglia una costa che rispecchiava il continente dell’Antartide. Tuttavia, invece di essere ricoperta di ghiaccio, la mappa raffigura l’Antartide come un continente coperto di vegetazione, pieno di giungle, fiumi senza ghiaccio. La mappa si chiama Piri Reis.

Questa mappa significa che qualcuno ha effettivamente visto il continente dell’Antartide centinaia o forse migliaia di anni fa, quando i continenti non erano coperti dal ghiaccio.

La mappa suggerisce che qualcuno abbia trovato ufficialmente l’Antartide circa trecento anni prima che gli esploratori ufficiali si imbattessero in esso.

Tuttavia, oltre alla mappa Piri-reis, altre carte cartografiche simili sono state scoperte nel corso dei secoli.

Queste mappe suggeriscono che centinaia, forse migliaia di anni fa, potrebbe esistere una civiltà tecnologicamente avanzata sulla Terra.

Gli studiosi tradizionali non sono d’accordo.

Inoltre la mappa di Piri Reis, un’altra controversa carta cartografica è stata creata da un geografo francese di nome Philippe Buache de la Neuville.

La mappa Buache ha due versioni. Si ritiene che una delle carte rappresenti accuratamente la costa libera dai ghiacci dell’Antartide, mentre l’altra non fa alcun riferimento al continente. Molti indicano che Buache non era a conoscenza dell’esistenza del continente ghiacciato e che le sue rappresentazioni non erano altro che un’ipotesi.

La mappa di Orontius Finaeus è un’altra mappa che mostra Antartide senza ghiaccio. È interessante notare che, usando il metodo di datazione del dottor WD Urry della Carnegie Institution di Washington DC, gli scienziati hanno scoperto che i fiumi dell’Antartide, fonti di depositi dispersi fine, scorrevano come raffigurato sulla mappa di Orontius Finaeus, circa 6.000 anni fa.

È interessante notare che i nazisti erano a conoscenza di queste mappe e pensarono a se stessi “L’Antartide deve essere stato un posto molto importante”. Hitler è noto per essere stato fissato sull’occulto, sulle civiltà perdute, sulla tecnologia antica e su Atlantide.

Alla fine si convinse che l’Antartide era la patria di Atlantide e credeva che da qualche parte laggiù avrebbe trovato antichi manufatti mistici sepolti nel ghiaccio che potrebbero aiutarlo a raggiungere il suo obiettivo finale: il dominio del mondo.

Si dice che i nazisti alla fine formarono una squadra per indagare sul continente e durante la loro spedizione esplorativa, crearono un’enorme grotta artificiale nei continenti, che era abbastanza grande da nascondere veicoli e attrezzature militari mentre esploravano la terra ghiacciata.

Si dice che i nazisti abbiano costruito una massiccia base in Antartide chiamata Stazione 211.

Secondo una serie di voci, esisteva la “Stazione 211” e, in caso affermativo, doveva essere stata (forse lo è ancora) situata all’interno della catena montuosa priva di ghiaccio nelle montagne Muhlig-Hofmann del Neuschwabenland, alias Queen Maud Land.

Secondo i geologi che hanno partecipato alla spedizione tedesca, le aree in cui era presente la vegetazione erano dovute a sorgenti termali o altre fonti geotermiche.

Una delle citazioni più interessanti sul Neuschwabenland e sull’Antartide proviene dal grande ammiraglio della marina tedesca Karl Dönitz che ha affermato che: “La flotta sottomarina tedesca è orgogliosa di aver costruito per il Führer in un’altra parte del mondo uno Shangri-La a terra, un inespugnabile fortezza.”

Alla fine, gli americani hanno scoperto che i nazisti esploravano l’Antartide e decidono di lanciare una propria missione esplorativa.

Molte affermazioni dubbie sono state fatte su questa storia. Però. ci sono altre affermazioni che sono supportate da fatti.

Secondo i rapporti di scienziati americani che hanno partecipato alla missione in Antartide, durante il loro soggiorno, hanno assistito a imbarcazioni a forma di disco che volavano nel cielo e una tecnologia tutt’altro che ordinaria.

Ma per anni, scienziati e ricercatori che viaggiano nei continenti ghiacciati hanno visto cose che ricordano ciò che molti chiamano tecnologia ALIEN. Un massiccio avvistamento di UFO avvenne nel 1965 quando scienziati e personale militare della Gran Bretagna, Cile e Argentina, furono testimoni di numerosi UFO vicino all’Antartide. Secondo i rapporti, questi UFO hanno causato malfunzionamenti delle apparecchiature di navigazione e scientifiche.

Ma furono fatte molte altre sensazionali scoperte che hanno portato a numerose spedizioni scientifiche e militari in Antartide.

Ma … cosa c’è di così importante? C’è davvero qualcosa in Antartide che tutti vogliono trovare?

Esistono, come suggeriscono alcuni, le prove di un’antica civiltà tecnologicamente avanzata sepolta sotto gli spessi strati di ghiaccio in Antartide?

Numerosi documentari indicano che per decenni se non secoli, le persone hanno viaggiato in Antartide alla ricerca di qualcosa di prezioso.

Forse, dopo tutto, potrebbero esserci tracce di civiltà tecnologicamente avanzate sepolte sotto il ghiaccio.

Queste civiltà potrebbero essere fiorite nel continente ormai ghiacciato in un lontano passato, quando l’Antartide era coperta da una fitta vegetazione e da una vita animale esotica.

Come sempre, affermazioni straordinarie richiedono prove straordinarie.

Credito immagine in primo piano

https://www.ancient-code.com/

Articoli correlati:

Una strana struttura in Antartide

Antartide: il varco impenetrabile

Leggi anche:

Il rifugio di Enki durante il Diluvio

ANUNNAKI: le Tavole del Destino rubate

®wld