Postato da: Steven Guinness

Questa importante recensione del libro di Steven Guinness (Regno Unito) rivela lo stesso vecchio linguaggio di “interdipendenza”, collaborazione e cooperazione che fu ascoltato dalla Commissione trilaterale nel 1973. L’obiettivo di allora è lo sviluppo sostenibile, alias Tecnocrazia, e il risultato sarà nella più grande risorsa nella storia del mondo. ⁃ TN Editor

Poche settimane dopo che il World Economic Forum ha lanciato la loro iniziativa “Great Reset“, è stata seguita dall’uscita di un nuovo libro intitolato “Covid-19: The Great Reset“, scritto dal presidente esecutivo del WEF, Klaus Schwab e il direttore senior del Global Risk Network presso l’istituto, Thierry Malleret.

Dopo aver letto il libro, volevo condividere con voi alcune riflessioni iniziali sul potenziale significato della pubblicazione.

Come accennato nel mio ultimo articolo, ci sono 5 assi per il Grande Ripristino – economico, sociale, geopolitico, ambientale e tecnologico – che il libro copre in dettaglio. Ma voglio concentrarmi in gran parte sulla conclusione, poiché è qui che le motivazioni e le motivazioni dell’autore per sostenere un Great Reset, sulla scia del Covid-19, diventano più chiare.

Schwab e Malleret definiscono la direzione futura del mondo come “Era The Post Pandemic“, una frase che viene ripetuta fino alla nausea in tutto il mondo. Piuttosto che definirlo in base a un risultato particolare, gli autori optano invece per chiedersi se questa nuova era sarà contrassegnata da più o meno cooperazione tra le nazioni. I paesi si rivolgeranno verso l’interno determinando la crescita del nazionalismo e del protezionismo, o sacrificheranno i propri interessi per una maggiore interdipendenza?

Nessuna previsione definitiva viene fatta in entrambi i casi, ma riusciamo a ottenere un certo grado di comprensione del modo di pensare degli autori quando discutono di ciò che chiamano ” la direzione della tendenza “. Scrivono che le preoccupazioni per l’ambiente (principalmente attraverso il prisma del cambiamento climatico) e il progresso della tecnologia (parte integrante della quarta rivoluzione industriale) erano pervasivi molto prima che il Covid-19 entrasse in scena. Con le implicazioni economiche e sanitarie dei blocchi ora radicate nella società, Schwab e Malleret sostengono che le preoccupazioni a lungo consolidate tra i cittadini “sono state messe a nudo perché tutti possano  vederle” e “amplificate“.’a causa della pandemia. In altre parole, se le menti non erano concentrate sui problemi e sulle minacce che il mondo doveva affrontare prima del Covid-19, allora lo sono certamente adesso.

E mentre la direzione di queste tendenze sull’ambiente e la tecnologia potrebbe non essere cambiata, con l’inizio del Covid-19 “è diventato molto più veloce “. È per questo che Schwab e Malleret ritengono che queste due questioni in particolare “entreranno a far parte dell’agenda politica” a causa della crescente pressione dell’opinione pubblica. Un movimento come Extinction Rebellion è un esempio. Un altro è la rapida crescita della comunità Fintech che sta portando le persone a chiedersi cosa costituisca il denaro ” nell’era digitale “.

Per quanto riguarda l’andamento futuro delle cose, il suggerimento è che le tendenze attuali puntano a un mondo che sarà ” meno aperto e meno cooperativo rispetto a prima della pandemia“.

In effetti, il WEF ha presentato al mondo due potenziali risultati. Il primo è che il Great Reset può essere raggiunto in modo relativamente pacifico con le nazioni che acconsentono agli obiettivi promossi dai pianificatori globali. Il secondo risultato, avvertono, sarebbe molto più distruttivo e dannoso. Avrebbe avuto luogo attraverso paesi che non riuscivano ad affrontare i “mali profondi delle economie e delle società“, che potrebbero vedere un ripristino “imposto da shock violenti come conflitti e persino rivoluzioni“.

E, a quanto pare, non abbiamo molto tempo per decidere il nostro destino. Quello che abbiamo ora, secondo gli autori, è “una rara e ristretta finestra di opportunità per riflettere, reimmaginare e resettare il nostro mondo“. Se si vuole realizzare un “corretto ripristino“, può avvenire solo attraverso un maggiore livello di collaborazione e cooperazione tra nazioni. Come la vedono Schwab e Malleret, l’alternativa è un mondo trincerato in una crisi perpetua che alla fine porterebbe alla disintegrazione dell ‘ ” ordine globale basato sulle regole ” del secondo dopoguerra e ad un vuoto di potere globale.

Esiste quindi un rischio molto concreto che il mondo diventi “più diviso, nazionalista e incline ai conflitti di quanto non sia oggi“.

Una cosa su cui gli autori scrivono da una posizione di chiarezza è che il mondo non potrà mai tornare alla normalità. O più precisamente, essere autorizzati a tornare alla normalità. La loro opinione è che prima che il Covid-19 prendesse piede, prevaleva un ” senso di normalità rotto “. La situazione ora è che il virus “segna un punto di svolta fondamentale nella nostra traiettoria globale“. In un brevissimo lasso di tempo ha” ingigantito le faglie che assediano le nostre economie e società“.

Se non era già ovvio, gli autori confermano nelle ultime pagine del libro che il programma di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite è intrecciato con il Great Reset. Ciò è evidente quando si studia l’unità di intelligence strategica del WEF. Lo sviluppo sostenibile e il grande ripristino vanno di pari passo.

Affinché l’Agenda 2030 venga implementata con successo, Schwab e Malleret offrono un’alternativa alla possibilità che i paesi non riescano a riunirsi. Come ci si potrebbe aspettare, ruota attorno alla collaborazione e alla cooperazione. Ai loro occhi non si possono fare progressi altrimenti. Covid-19 offre l’opportunità di “incorporare una maggiore uguaglianza sociale e sostenibilità nella ripresa“. E, soprattutto, ciò ” accelererebbe anziché ritardare i progressi verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile del 2030“.

Ma non si conclude semplicemente con la piena attuazione dell’Agenda 2030. Schwab e Malleret vogliono andare oltre. Il loro scopo è che l’esposizione aperta delle debolezze all’interno dell’infrastruttura globale esistente ” possa costringerci ad agire più rapidamente sostituendo istituzioni, processi e regole falliti con nuovi più adatti alle esigenze attuali e future “. Per trasmettere l’importanza di questa affermazione, gli autori affermano che questa da sola è ” l’essenza del Grande Reset” Quello che sembrano cercare è la trasformazione globale in cui i sistemi e l’era dell’algoritmo hanno la precedenza sulle istituzioni politiche. Stiamo già cominciando a vedere le mosse delle principali istituzioni globali come la  Commissione trilaterale, l’ Organizzazione mondiale del commercio e l’  Unione europea  a ” riformare ” e ” ringiovanire ” sia il loro lavoro che i membri. Il Covid-19 ha senza dubbio raddrizzato la mano dei pianificatori globali e la loro ricerca di riforma.

Man mano che veniva pubblicato “Covid-19: The Great Reset”, era accompagnato da un articolo scritto da Schwab e Malleret. Chiamati ” l’eredità di COVID-19: questo è come ottenere il grande ripristino giusto “, hanno affermato chiaramente che non solo molte cose cambieranno per sempre, ” il peggio della pandemia deve ancora venire” :

Affronteremo le sue ricadute per anni e molte cose cambieranno per sempre. Ha provocato (e continuerà a farlo) sconvolgimenti economici di proporzioni monumentali.

In effetti, nessuna industria o azienda potrà evitare l’impatto dei cambiamenti futuri. O si adattano per adattarsi all’agenda del Great Reset (supponendo che abbiano le risorse per farlo), o non sopravviveranno. Secondo Schwab e Malleret, ” milioni di aziende rischiano di scomparire “, mentre solo ” poche “, ad esempio monoliti aziendali, saranno abbastanza forti da sopportare il disagio. Sono le vostre aziende più piccole e le imprese a gestione indipendente che devono affrontare la rovina, aprendo la porta a una nuova era di fusioni e acquisizioni che eroderanno ulteriormente la scelta e la concorrenza dei consumatori.

Schwab e Malleret ci dicono che il peggio della pandemia deve ancora arrivare e da un punto di vista economico non ne dubiterei. Ma guardiamo per un momento l’aspetto della salute. La copertura mediatica globale del Covid-19 lo ha caratterizzato come un virus mortale che uccide impunemente e senza l’antidoto di un vaccino potrebbe divorare intere comunità.

Forse sorprendentemente, gli autori offrono un po ‘di logica basata sui fatti. Ammettono che il Covid-19 è ” una delle pandemie meno mortali degli ultimi 2000 anni ” e, salvo qualcosa di imprevisto, ” le conseguenze del virus saranno lievi rispetto alle precedenti pandemie “. Al momento della pubblicazione del libro, è stato riferito che lo 0,006% della popolazione mondiale è morta a causa del Covid-19. Ma anche questa cifra bassa non è del tutto accurata.

Nel Regno Unito, ad esempio, il modo in cui è stato calcolato il tasso di mortalità ha significato che le persone a cui è stato diagnosticato il virus e poi sono morte in un incidente entro 28 giorni dal test avranno la loro  causa di morte contrassegnata come Covid-19 .

Per citare il professor Yoon Loke, dell’Università dell’East Anglia, e il professor Carl Heneghan, dell’Università di Oxford:

Chiunque sia risultato positivo al test COVID ma successivamente sia deceduto in un secondo momento per qualsiasi causa sarà incluso nei dati di morte PHE COVID.

Schwab e Malleret non potrebbero essere più chiari quando scrivono che Covid-19 ” non costituisce una minaccia esistenziale o uno shock che lascerà la sua impronta sulla popolazione mondiale per decenni “. Allo stato attuale, l’influenza spagnola e l’HIV / AIDS hanno un tasso di mortalità maggiore.

Non è stata una diffusione incontrollabile del Covid-19 che ha indotto i governi di tutto il mondo a chiudere le loro economie nazionali, ma la modellazione dei dati di tecnocrati inspiegabili come Neil Ferguson dell’Imperial College di Londra che ha predetto che centinaia di migliaia di persone erano a rischio immediato di morte. senza l’imposizione di restrizioni sociali, che ora sappiamo essere una combinazione di misure di allontanamento sociale e di blocco.

Quando Schwab e Malleret parlano di Covid-19 che lascia la sua impronta nel mondo, la verità è che sono le misure imposte in nome del Covid-19 ad aver causato una distruzione economica diffusa, non il virus stesso. Questa distinzione è quella con cui i principali punti vendita in particolare si rifiutano di impegnarsi.

In sintesi, se vogliamo prendere gli autori sulla parola, allora vedono un aumento del nazionalismo e del protezionismo sul retro del Covid-19 come un danno alla ricerca di un grande ripristino. I tanto ambiti Obiettivi di Sviluppo Sostenibile potrebbero anche essere a rischio se le nazioni si volgessero verso l’interno. L’amministratore delegato della FISM ha detto che il mondo  ha una scelta tra il grande ripristino o il grande inversione  (il grande inversione è “ più povertà, più frammentazione e meno commercio ”). Direi che c’è un altro modo di vederlo.

Nel libro Schwab e Malleret descrivono come in un mondo interdipendente – che è precisamente il tipo di mondo che i pianificatori globali hanno difeso almeno dalla fine della seconda guerra mondiale – ‘i rischi si confondono tra loro, amplificando i loro effetti reciproci e ingrandendo i loro conseguenze ‘. Quando le nazioni sono interdipendenti, ” la connettività sistemica tra rischi, problemi, sfide determina il futuro “. È il vecchio cliché del domino che cade. Una volta che uno vacilla, scatena una reazione a catena, che è stata evidenziata nel 2008 quando Lehman Brothers è crollata.

La portata del cambiamento che i globalisti chiedono attraverso il veicolo di un grande ripristino, che per definizione è di natura globale, a mio avviso richiederà l’implosione dell’attuale ordine mondiale per gettare le basi per un nuovo ordine mondiale. Il vecchio deve lasciare il posto al nuovo. E l’unico metodo per ottenere ciò è attraverso un maggiore contraccolpo contro l’interdipendenza. Le crisi prolungate offrono molte opportunità ai pianificatori globali. Il potenziale per un’elezione statunitense contestata, un’imminente Brexit senza accordo e avvertimenti sul “ nazionalismo dei vaccini‘sono tre eventualità che, se messe in atto, potrebbero essere sfruttate e utilizzate per promuovere la causa di un grande ripristino. Direi che più il mondo appare dalla collaborazione e cooperazione, più persone chiederanno le stesse cose se diventano sempre più disperate.

Gli autori dicono che c’è solo una stretta finestra di opportunità per il Grande Reset. Teniamo presente però che finora sono solo le istituzioni globali come il WEF a promuovere l’iniziativa, non le amministrazioni nazionali. Quando inizia a permeare la politica è quando sai che l’agenda sta avanzando. Ma quali saranno esattamente le condizioni economiche e sociali quando il Great Reset diventerà parte della conversazione globale? Quello che abbiamo visto fino ad ora è stato sufficiente per costringere le persone a chiedere un cambiamento su scala globale? Il degrado e il cambiamento materiale degli standard di vita sono già stati sufficienti per i cittadini da implorare le istituzioni globali di agire? Direi di no.

Sono già state pubblicizzate ” soluzioni ” come Universal Basic Income. Ma finora non c’è una richiesta a gran voce per il cambiamento. Ma quel momento sta arrivando. Che sia nel nome dell’Agenda 2030 (alias Sviluppo sostenibile), del Green New Deal o del Great Reset, equivarrebbe in gran parte allo stesso risultato: la sottomissione una volta per tutte della sovranità nazionale in cui lo stato nazione è subordinato al globale governance.

Leggi la storia completa qui …

Fonte: https://www.technocracy.news/global-technocracy-and-the-great-reset-is-coming-like-a-bullet-train/

**********************************************

Ottma lettura:

Ahi serva Italia, di dolore ostello, Nave sanza nocchiere in gran tempesta, Non donna di provincie, ma bordello

®wld