Home

Trump e Q sul nemico invisibile – il fattore Extraterrestre

Lascia un commento


by Michael Salla
July 01, 2020 from Exopolitics Website

Ci sono stati più riferimenti a un “nemico invisibile” del presidente Donald Trump e “Q” (alias QAnon ), che White Hats nella comunità dell’intelligence militare americana sta attualmente combattendo in una “guerra dell’informazione”.

Mentre i principali organi di informazione sostengono che Trump si sta semplicemente riferendo a COVID-19 come il “nemico invisibile” che ha afflitto gli Stati Uniti e il resto del pianeta, ciò che emerge dall’esame del contesto più ampio delle sue osservazioni e dei post su “Q” è che il vero il nemico a cui Trump allude è uno stato profondo che,

ha una dimensione non umana che sta dietro la “pandemia” …

I ripetuti riferimenti di Trump al nemico invisibile sono stati notati dai media più diffusi come un semplice sviluppo retorico nella lotta contro il virus COVID-19 .

Ad esempio, Jack Shafer, scrivendo come Politico, ha dichiarato il 9 aprile:

Da quando il presidente Donald Trump ha lanciato il suo bootleg sul coronavirus a metà marzo, concedendo finalmente l’entità della pandemia, ha tentato di marchiare il contagio come un “nemico invisibile“.

Trump ha usato la frase per la prima volta in una conferenza stampa della task force del coronavirus del 16 marzo, dicendo:

“Non importa dove guardi, questo è qualcosa: è un nemico invisibile.”

Ovviamente una monetazione consapevole progettata per aggiungere il condimento di Trumpian ai titoli, il presidente si è assicurato di tornare alla frase circa un minuto dopo, dicendo:

“Dico solo questo: abbiamo un nemico invisibile.”

Da allora, Trump ha usato l’espressione in lettere, commenti, interviste, tweet, video blog, ma soprattutto negli addetti ai lavori in stile campagna sul virus che ha messo in scena quasi ogni giorno dalla sua inversione di tendenza.

Secondo il database Factbase, Trump ha sfruttato l’espressione almeno 44 volte in quello che sembra il suo sforzo di antropomorfizzare il virus in una cosa senziente con cattive intenzioni sull’umanità.

È questo ciò che Trump sta facendo con i suoi ripetuti riferimenti a un “nemico invisibile” alludendo semplicemente a qualcosa di così piccolo che non può essere visto?

O si riferisce a un nemico invisibile che ha orchestrato l’emergere di COVID-19?

I ripetuti riferimenti di Trump (sotto il video – minuto 6:10 in poi) alla Seconda Guerra Mondiale in vista della seguente citazione forniscono un contesto che suggerisce che si sta riferendo a qualcosa di molto più sinistro dietro il virus globale rispetto a un semplice evento naturale accidentale:

Nella seconda guerra mondiale i giovani durante l’adolescenza si sono offerti volontari per combattere.

Volevano combattere così tanto perché amavano il nostro paese. I lavoratori si sono rifiutati di tornare a casa e hanno dormito nei piani della fabbrica per mantenere in funzione le linee di assemblaggio …

Dobbiamo sacrificarci insieme perché siamo tutti in questo insieme e arriveremo insieme. È il nemico invisibile .

Questo è sempre il nemico più duro: il nemico invisibile . Ma sconfiggeremo il nemico invisibile . Penso che lo faremo anche più velocemente di quanto pensassimo.

E sarà una vittoria completa.

Il più ampio contesto delle osservazioni di Trump sull’invisibile nemico lo indica come lo Stato profondo, che lui e la sua amministrazione hanno combattuto anche prima della sua inaugurazione presidenziale.

La guerra civile tra l’amministrazione Trump e lo stato profondo è una battaglia tra coloro che vogliono liberare l’umanità da un gruppo oppressivo di controllori globali che ha schiavizzato l’umanità attraverso il suo dominio di,

i media principali e le istituzioni politiche, finanziarie, culturali e religiose per secoli, se non per millenni …

Autori come Jim Marrs, Rule by Secrecy (2001) e William Bramley, Gods of Eden (1993), hanno presentato prove convincenti esponendo i controllori globali / Deep State come famiglie di stirpi al potere che riportano i loro antenati ai coloni extraterrestri banditi da Terra millenni fa.

Entrambi rivelano che nel lontano passato dell’umanità,

gli extraterrestri governarono direttamente sull’umanità, e quindi installarono ibridi umano-alieni per governare come delegati come descritto in documenti storici come “King’s List” di Sumer e la cronaca di Manetho dei sovrani egiziani pre-dinastici.

Questi sovrani proxy ibridi si sono evoluti per diventare le famiglie di stirpi dominanti che hanno controllato l’umanità da dietro le quinte usando antiche conoscenze e tecnologie tramandate dai loro signori extraterrestri – entità rettili, secondo Marrs e altri.

Negli anni ’30 e ’40, queste famiglie di linee di sangue ottennero l’accesso a tecnologie extraterrestri più recenti e potenti acquisite attraverso visitatori fuori dal pianeta attratte dalla rapida industrializzazione della Terra e dallo sviluppo incombente di armi atomiche.

Primo,

Germania, Italia, quindi Stati Uniti, Gran Bretagna, Unione Sovietica / Russia e Cina,

… tutti hanno avuto accesso a tecnologie extraterrestri che sono diventate i segreti più altamente classificati nei rispettivi complessi industriali militari.

Le tecnologie avanzate sono state tutte sviluppate in programmi compartimentati controllati da élite al potere che non avevano intenzione di condividere tali tecnologie con il resto dell’umanità, ma semplicemente appropriarsi di esse per il loro uso esclusivo.

Negli Stati Uniti, queste tecnologie extraterrestri di nuova acquisizione sono state utilizzate per promuovere le agende di controllo nazionali e globali delle famiglie di sangue al potere.

I leader nazionali influenti che non sostenevano l’agenda del controllo d’élite, come il primo segretario alla Difesa degli Stati Uniti, James Forrestal e il presidente John F. Kennedy, furono eliminati in un suicidio organizzato e assassinati in pubblico per mettere in guardia gli altri leader nazionali dal resistere alla agenda di controllo globale attuata dallo Stato profondo.

In Kennedy’s Last Stand, viene spiegato come e perché sia ​​Forrestal che Kennedy, che hanno goduto di una calorosa amicizia,

furono uccisi dallo Stato profondo per i rispettivi sforzi per rivelare o ottenere l’accesso a tecnologie extraterrestri classificate e rivelare le figure e le entità principali dietro i loro rispettivi omicidi.

Oggi la Cina è stata pesantemente infiltrata dallo Stato profondo che ha compromesso le sue principali istituzioni scientifiche e militari.

Non è un caso che l’epicentro dell’emergenza del virus COVID-19 sia la Cina, che il Deep State sostiene segretamente dalla Rivoluzione Comunista.

Questo ci porta al presidente Trump, che è stato reclutato dalla comunità dell’intelligence militare americana nel 2015 per aiutare gli Stati Uniti a liberarsi dal potere dello Stato profondo, di cui abbiamo discusso in precedenza .

Trump si circondò di figure di “Deep State” e di “White Hats” per mascherare le sue vere intenzioni.

Gli sforzi inventati dallo Stato profondo per impedire prima che Trump venisse eletto, e poi rimuoverlo dall’incarico, sono ben illustrati nella bufala della Russia Collusion , l’indagine falsa del suo primo consigliere per la sicurezza nazionale, il tenente generale Michael Flynn , e l’Ucraina inventata accuse di impeachment.

Mentre ci avviciniamo alle elezioni del 3 novembre 2020, Deep State ha finalmente lanciato il suo mazzo di carte di controllo globali per impedire a Trump di vincere la rielezione.

La “plandemica ” Covid-19 e i disordini civili attraverso una guerra razziale forzata sono entrambi guidati da una narrativa mediatica incessante condotta dallo Stato profondo per manipolare il grande pubblico nel rinunciare alle proprie libertà civili. Immagine del calendario 2020 …!

The Deep State ha anche organizzato le principali piattaforme di social media per censurare i giornalisti cittadini e i media alternativi, che sono sempre più visti come rivelatori di verità da parte del pubblico in fase di risveglio che sono disgustati dalla paura continua del porno generato dai media mainstream.

Qui è dove ‘Q’ e il movimento globale che ha generato diventano importanti per comprendere il “nemico invisibile” che è bloccato in una lotta dietro la scena della vita e della morte con l’amministrazione Trump.

La maggior parte di coloro che seguono ‘Q’ accettano che rappresenti un gruppo di individui collegati alla comunità dell’intelligence militare e funzionari strettamente legati al presidente Trump.

Le immagini multiple fornite da “Q” sono originali tratte all’interno dell’ufficio ovale di Trump e dell’Air Force One che confermano che il presidente è direttamente coinvolto.

Molti credono che una delle firme usate da ‘Q’, ‘Q +’, sia Trump stesso.

“Q”, come Trump, ha fatto riferimento al “nemico invisibile” che sta tentando di schiavizzare l’umanità.

In un post del 29 giugno (# 4545) “Q” ha scritto :

Se l’America cade, lo stesso vale per il mondo.


Se l’America cade l’oscurità seguirà presto.


Solo quando stiamo insieme, solo quando siamo uniti, possiamo sconfiggere questo nemico oscuro fortemente trincerato …


Viviamo in tempi biblici.


Figli della luce contro figli dell’oscurità.


Uniti contro il nemico invisibile di tutta l’umanità.
‘Q’

Chiaramente, “Q” non si riferisce al virus COVID-19, ma sta invece descrivendo un potente gruppo di individui e organizzazioni, i “figli dell’oscurità”, ovvero lo Stato profondo .

‘Q’ cita inoltre in toto una lettera indirizzata a Trump dall’ex nunzio papale negli Stati Uniti, l’arcivescovo Carlo Maria Vigano che allo stesso modo si riferisce allo “Stato profondo” come un nemico invisibile che tenta di schiavizzare l’umanità:

Ci sono fedeli pastori che si prendono cura del gregge di Cristo , ma ci sono anche infedeli mercenari che cercano di disperdere il gregge e consegnare le pecore per essere divorate da famelici lupi.

Non sorprende che questi mercenari siano alleati dei figli delle tenebre e odiano i figli della luce:

così come esiste uno stato profondo, esiste anche una chiesa profonda che tradisce i suoi doveri e rinuncia ai propri impegni davanti a Dio .

Quindi il nemico invisibile, contro il quale i buoni sovrani combattono negli affari pubblici, viene anche combattuto dai buoni pastori nella sfera ecclesiastica …

Uniti contro il nemico invisibile di tutta l’umanità, benedico te e la First Lady, l’amata nazione americana e tutti gli uomini e le donne di buona volontà.

Vigano identifica una “Chiesa profonda” demoniaca che esercita un’influenza corruttiva sugli onesti sacerdoti che vogliono servire l’umanità, con lo Stato profondo che fa lo stesso con il servizio ufficiale del governo.

Significativamente, ‘Q’ ha accennato a un’influenza extraterrestre rettiliana sul Vaticano in un post del 3 aprile 2018 (1002) che conteneva un meme con un serpente e la domanda:

“Se i satanisti conquistassero il Vaticano, noteresti …?”

In un articolo che esamina il post di Q, è stato spiegato come le immagini dei serpenti si adattino a molteplici affermazioni interne di extraterrestri rettiliani che controllano segretamente il Vaticano.

Dall’esame dei ripetuti riferimenti del presidente Trump a un nemico invisibile , e riferimenti simili di “Q” e dell’arcivescovo Vigano, emerge chiaramente che si sta riferendo allo Stato profondo come la vera minaccia per l’umanità.

Un esame degli individui e dei gruppi che compongono lo Stato profondo rivela un significativo fattore extraterrestre nelle sue origini e operazioni.

Se Trump e White Hats riusciranno a sconfiggere il Deep State , l’umanità si sarà liberata da un antico nemico invisibile che ha manipolato gli affari umani attraverso eventi globali inventati per secoli, se non per millenni.

Viviamo veramente in tempi biblici, come afferma l’Arcivescovo Vigano, dove i figli della luce sono chiusi in una guerra spirituale contro i figli delle tenebre

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

*********************************************************

Ti potrebbero interessare:

GDO: Riprogrammazione genica

Ti fidi di loro per dirti cosa fare?

®wld

È possibile che l’Antartide nasconda davvero ‘prove’ di antiche civiltà altamente avanzate?

Lascia un commento

Alla ricerca degli Anunnaki: esplorare l’Antartide

di Janice Friedman

È possibile che l’Antartide nasconda davvero ‘prove’ di antiche civiltà altamente avanzate sotto i suoi spessi strati di ghiaccio? È possibile che la mappa Piri-Reis, la mappa Buache e la mappa Orontius Finaeus siano prove che prima che l’Antartide fosse scoperta nei tempi moderni, qualcuno riuscì a mappare i contenuti prima che fosse coperto di ghiaccio? E, potrebbe essere questo il motivo per cui i nazisti erano così interessati al contenuto ormai ghiacciato?

L’Antartide è uno dei luoghi più misteriosi della Terra. È lì che scienziati e personale militare hanno visto e assistito a molte cose strane.

È un luogo avvolto nel mistero in cui apparentemente sono state fatte scoperte straordinarie.

Dalle piramidi alla tecnologia ultraterrena, sembra che l’Antartide offra tutto.

Ma cosa sta succedendo davvero? C’è una leggera possibilità che ci sia davvero qualcosa nascosto sotto gli spessi strati di ghiaccio in Antartide?

Hai mai pensato che in un lontano passato, quando l’Antartide era molto diversa da come lo è oggi – senza ghiaccio che copre la sua vasta superficie – che in qualche modo la civiltà potrebbe essersi sviluppata lì?

Una mappa scoperta nel 1900 ha creato un dibattito mondiale sull’Antartide e su ciò che realmente è laggiù.

La mappa insolita dettaglia una costa che rispecchiava il continente dell’Antartide. Tuttavia, invece di essere ricoperta di ghiaccio, la mappa raffigura l’Antartide come un continente coperto di vegetazione, pieno di giungle, fiumi senza ghiaccio. La mappa si chiama Piri Reis.

Questa mappa significa che qualcuno ha effettivamente visto il continente dell’Antartide centinaia o forse migliaia di anni fa, quando i continenti non erano coperti dal ghiaccio.

La mappa suggerisce che qualcuno abbia trovato ufficialmente l’Antartide circa trecento anni prima che gli esploratori ufficiali si imbattessero in esso.

Tuttavia, oltre alla mappa Piri-reis, altre carte cartografiche simili sono state scoperte nel corso dei secoli.

Queste mappe suggeriscono che centinaia, forse migliaia di anni fa, potrebbe esistere una civiltà tecnologicamente avanzata sulla Terra.

Gli studiosi tradizionali non sono d’accordo.

Inoltre la mappa di Piri Reis, un’altra controversa carta cartografica è stata creata da un geografo francese di nome Philippe Buache de la Neuville.

La mappa Buache ha due versioni. Si ritiene che una delle carte rappresenti accuratamente la costa libera dai ghiacci dell’Antartide, mentre l’altra non fa alcun riferimento al continente. Molti indicano che Buache non era a conoscenza dell’esistenza del continente ghiacciato e che le sue rappresentazioni non erano altro che un’ipotesi.

La mappa di Orontius Finaeus è un’altra mappa che mostra Antartide senza ghiaccio. È interessante notare che, usando il metodo di datazione del dottor WD Urry della Carnegie Institution di Washington DC, gli scienziati hanno scoperto che i fiumi dell’Antartide, fonti di depositi dispersi fine, scorrevano come raffigurato sulla mappa di Orontius Finaeus, circa 6.000 anni fa.

È interessante notare che i nazisti erano a conoscenza di queste mappe e pensarono a se stessi “L’Antartide deve essere stato un posto molto importante”. Hitler è noto per essere stato fissato sull’occulto, sulle civiltà perdute, sulla tecnologia antica e su Atlantide.

Alla fine si convinse che l’Antartide era la patria di Atlantide e credeva che da qualche parte laggiù avrebbe trovato antichi manufatti mistici sepolti nel ghiaccio che potrebbero aiutarlo a raggiungere il suo obiettivo finale: il dominio del mondo.

Si dice che i nazisti alla fine formarono una squadra per indagare sul continente e durante la loro spedizione esplorativa, crearono un’enorme grotta artificiale nei continenti, che era abbastanza grande da nascondere veicoli e attrezzature militari mentre esploravano la terra ghiacciata.

Si dice che i nazisti abbiano costruito una massiccia base in Antartide chiamata Stazione 211.

Secondo una serie di voci, esisteva la “Stazione 211” e, in caso affermativo, doveva essere stata (forse lo è ancora) situata all’interno della catena montuosa priva di ghiaccio nelle montagne Muhlig-Hofmann del Neuschwabenland, alias Queen Maud Land.

Secondo i geologi che hanno partecipato alla spedizione tedesca, le aree in cui era presente la vegetazione erano dovute a sorgenti termali o altre fonti geotermiche.

Una delle citazioni più interessanti sul Neuschwabenland e sull’Antartide proviene dal grande ammiraglio della marina tedesca Karl Dönitz che ha affermato che: “La flotta sottomarina tedesca è orgogliosa di aver costruito per il Führer in un’altra parte del mondo uno Shangri-La a terra, un inespugnabile fortezza.”

Alla fine, gli americani hanno scoperto che i nazisti esploravano l’Antartide e decidono di lanciare una propria missione esplorativa.

Molte affermazioni dubbie sono state fatte su questa storia. Però. ci sono altre affermazioni che sono supportate da fatti.

Secondo i rapporti di scienziati americani che hanno partecipato alla missione in Antartide, durante il loro soggiorno, hanno assistito a imbarcazioni a forma di disco che volavano nel cielo e una tecnologia tutt’altro che ordinaria.

Ma per anni, scienziati e ricercatori che viaggiano nei continenti ghiacciati hanno visto cose che ricordano ciò che molti chiamano tecnologia ALIEN. Un massiccio avvistamento di UFO avvenne nel 1965 quando scienziati e personale militare della Gran Bretagna, Cile e Argentina, furono testimoni di numerosi UFO vicino all’Antartide. Secondo i rapporti, questi UFO hanno causato malfunzionamenti delle apparecchiature di navigazione e scientifiche.

Ma furono fatte molte altre sensazionali scoperte che hanno portato a numerose spedizioni scientifiche e militari in Antartide.

Ma … cosa c’è di così importante? C’è davvero qualcosa in Antartide che tutti vogliono trovare?

Esistono, come suggeriscono alcuni, le prove di un’antica civiltà tecnologicamente avanzata sepolta sotto gli spessi strati di ghiaccio in Antartide?

Numerosi documentari indicano che per decenni se non secoli, le persone hanno viaggiato in Antartide alla ricerca di qualcosa di prezioso.

Forse, dopo tutto, potrebbero esserci tracce di civiltà tecnologicamente avanzate sepolte sotto il ghiaccio.

Queste civiltà potrebbero essere fiorite nel continente ormai ghiacciato in un lontano passato, quando l’Antartide era coperta da una fitta vegetazione e da una vita animale esotica.

Come sempre, affermazioni straordinarie richiedono prove straordinarie.

Credito immagine in primo piano

https://www.ancient-code.com/

Articoli correlati:

Una strana struttura in Antartide

Antartide: il varco impenetrabile

Leggi anche:

Il rifugio di Enki durante il Diluvio

ANUNNAKI: le Tavole del Destino rubate

®wld

Davanti agli occhi – oltre il mistero delle costruzioni antiche

Lascia un commento

 

 

Gli strumenti usati per costruire antichi monumenti potrebbero esserci stati davanti agli occhi da sempre   

di HAF

 

Uno dei motivi principali per cui oggi restiamo affascinati dalle strutture antiche è il mistero di quanto spesso le pietre massicce venissero tagliate e montate insieme con una precisione inspiegabile.

Usando i tuoi occhi, un chiaro difetto nella narrativa tradizionale diventa palesemente evidente.

Le spiegazioni tradizionali suggeriscono che strumenti ordinari e primitivi combinati con straordinarie imprese dello sforzo umano hanno reso tutto possibile.

Non c’è una buona spiegazione del perché le tecniche di costruzione e i progetti condividano così tante somiglianze in tutto il pianeta quando emerge il quadro generale.  

 

Oltre al mistero della costruzione, c’è un altro anello mancante: cosa è successo agli strumenti? Inoltre, perché non vediamo le informazioni registrate che spiegano questi sorprendenti metodi di costruzione?

Questi metodi erano intenzionalmente tenuti segreti o le risposte ci hanno sempre guardato in faccia?

È la ragione per cui non abbiamo trovato prove evidenti di strumenti perché uno di questi è il suono e le vibrazioni effimere? E, è un’altra ragione perché abbiamo frainteso gli strumenti utilizzati?

Le “Pietre veliche d’Egitto”

Un antico racconto di un antico storico e geografo arabo suggerisce che gli egiziani usassero il suono per trasportare enormi blocchi di pietra. Conosciuto come Erodoto degli Arabi, registrò una leggenda secolare nel 947 d.C.

Secondo Mysterious Universe, la leggenda dice così:

“Quando costruirono le piramidi, i loro creatori posizionarono con cura ciò che era descritto come magico papiro sotto i bordi delle possenti pietre che dovevano essere usate nel processo di costruzione.

“Poi, uno ad uno, le pietre furono colpite da ciò che era curiosamente, e piuttosto enigmaticamente, descritto solo come un’asta di metallo.

“Ecco, le pietre iniziarono lentamente ad alzarsi in aria e – come soldati diligenti che seguono indubbiamente gli ordini – procedettero in modo lento, metodico, a file singole un numero di piedi sopra un sentiero lastricato circondato da entrambi i lati da simili, aste di metallo misteriose.”

 

 

Lo scettro di Was

 

Abbiamo visto tutti divinità egiziane come Anubi, in piedi con una strana asta in mano come nella foto sopra.

Tuttavia, non molte persone sanno cos’è quell’oggetto. Si chiama Was-sceptre, un bastone con una base a forcella e sormontato da una testa a punta a forma di canino stilizzato o di un altro animale.

L’asta è sottile e perfettamente diritta e associata ad altri oggetti misteriosi come l’Ankh e il Djed. Erano semplicemente simbolici o avrebbero potuto essere strumenti di qualche tipo?

Ankh, Djed & Was di Kyera Giannini (CC BY 2.0)

  Djed di Mark Cartwright (CC-BY-NC-SA)

 

Secondo l’Enciclopedia della storia antica, questi oggetti sono simboli che rappresentano il potere e il dominio reali.

“I tre simboli più importanti, che spesso appaiono in tutti i modi di opere d’arte egiziane, dagli amuleti all’architettura, erano l’ankh, il djed e lo scettro.

“Questi sono stati spesso combinati in iscrizioni e spesso compaiono su sarcofagi insieme in un gruppo o separatamente. Nel caso di ciascuno di questi, la forma rappresenta l’eterno valore del concetto: l’ankh rappresentava la vita; la stabilità djed; era il potere.”

In alcune raffigurazioni, gli scettri Was sono visti sostenere il tetto di un santuario mentre Horus guarda.Allo stesso modo, il Djed è visto su architravi del tempio che sembrano reggere il cielo nel complesso di Djoser a Saqqara.

Un video di Ancient Architects esplora questa idea, mostrando esempi di diapason usati dagli egiziani.

Il narratore Matthew Sibson dal Regno Unito solleva alcune idee affascinanti su come gli egiziani potrebbero aver usato oggetti come lo scettro di Was e le forchette di sintonia per tagliare le pietre più dure usando il potere del suono e delle vibrazioni. (vedi video sotto)

Una statua di diapason è raffigurata su una statua di Iside e Anubi, ognuna con in mano un’asta. Tra le divinità, una scultura mostra due diapason che sembrano essere collegati da fili.

Sotto le forche, un oggetto arrotondato con quattro punte è centrato e appare quasi come una freccia rivolta verso l’alto.

Nel video, Sibson fa apparire un’e-mail interessante ma non verificata sul sito Web KeelyNet.com dal 1997. L’e-mail suggerisce che gli egittologi hanno trovato antiche forcelle in sintonia e potrebbero averle etichettate come “anomale” quando non potevano immaginare quale fosse il loro scopo.

“Alcuni anni fa un amico americano ha scelto la serratura di una porta che conduceva ad un magazzino del museo egiziano di circa 8 piedi x dieci piedi. All’interno ha trovato “centinaia” di ciò che ha descritto come “diapason”.

Queste dimensioni variavano da circa 8 pollici a circa 8 o 9 piedi di lunghezza complessiva e assomigliavano a catapulte, ma con un filo teso teso tra i denti della “forcella”. Insiste, per inciso, sul fatto che questi non erano sicuramente non ferrosi, ma “acciaio”.

Questi oggetti assomigliavano a una lettera “U” con una maniglia (un po’ come un forcone) e, quando il filo veniva strappato, vibravano per un periodo prolungato.

Mi viene in mente di chiedermi se questi dispositivi avrebbero potuto avere degli utensili temprati fissati sul fondo delle loro maniglie e se avrebbero potuto essere usati per tagliare o incidere la pietra, una volta che fossero stati messi in vibrazione.

Sebbene l’e-mail sia solo una prova aneddotica, sembra confermare il geroglifico di diapason sulla statua di Iside e Anubi, con filo teso tra i denti.

Successivamente, vediamo un sigillo Sumerian Cylinder molto più vecchio che mostra una figura che regge quello che sembra essere un diapason. Come vedi di più, sembra che gli antichi sapessero molto di più sugli effetti del suono e delle vibrazioni di quanto attualmente comprendiamo.

Oggi stiamo imparando nuovi modi di guardare alle strutture antiche. L’archeoacustica sta rivelando come il suono abbia giocato un ruolo vitale nella costruzione di siti in tutto il mondo.

Nel frattempo, lo studio dei cimatici rivela come le vibrazioni alterano la geometria della materia in modi intricati e inspiegabili.

Inoltre, i misteri della meccanica quantistica si stanno svelando quando troviamo nuove particelle e utilizziamo algoritmi di intelligenza artificiale per scoprire come funziona la materia stessa.

Potremmo finalmente raggiungere la fase in cui inizieremo a capire esattamente come gli antichi popoli del mondo hanno creato enormi monumenti in tutto il mondo? 

Riferimento: Ancient-code.com

Fonte: https://humansarefree.com/

®wld

L’oscura materia del DNA fantasma

Lascia un commento

 

Gli scienziati stanno apprendendo l’antica conoscenza di come cambiare il DNA?

da Corbin Nero

Uno dei motivi principali dell’antica teoria degli astronauti è che gli esseri antichi potrebbero aver manipolato il DNA degli esseri umani e di altre forme di vita. Numerose incisioni antiche sembrano mostrare il motivo a doppia elica del DNA, spingendo i teoristi a speculare: E se gli esseri extraterrestri diedero agli esseri umani un kickstart evolutivo? Forse hanno anche creato ibridi con il proprio DNA?

Un’altra idea è che le culture antiche sapevano di un Terzo Occhio situato nella ghiandola pituitaria del cervello. I simboli della ghiandola a forma di cono appaiono collegati a strani esseri che sembrano condurre qualche alterazione dell’Albero della Vita. Per alcuni, l’albero appare simbolo del DNA e delle vertebre umane.

  

La ghiandola pineale e il terzo occhio

Sorgono domande più inconoscibili. Come sono collegati il Terzo Occhio e il DNA? Questi antichi esseri avevano una conoscenza avanzata di come cambiare la struttura del DNA attraverso una coscienza superiore?

Certo, sembra davvero assurdo. Tuttavia, alcuni scienziati oggi sembrano arrivare a conclusioni simili.

Prima di guardare a queste scoperte relativamente nuove, considerare che molto poco è noto per certo circa la stragrande maggioranza del DNA. Solo di recente, nel 2018, hanno scoperto una strana forma aggrovigliata di DNA, un nodo a quattro filamenti di codice genetico soprannominato i-motif. 

 

 Illustrazione: Chris Hammang  

 

DNA scuro?


Più o meno nello stesso periodo, gli scienziati hanno pubblicato le loro scoperte sul DNA della “materia oscura”, sequenze misteriose quasi identiche in tutti i vertebrati, dagli esseri umani, dai topi ai polli. Il DNA oscuro è pensato vitale per la vita, eppure non sappiamo ancora come. In realtà, non sappiamo cosa fa il 98% del nostro DNA, ma stiamo scoprendo che non è ‘spazzatura’ dopo tutto.

Seeker ha discusso l’Oscuro DNA qui sotto:

Come potete vedere, gli scienziati ancora non sanno molto sui nostri genomi genetici, tanto meno ciò che crea coscienza.

Correlazione: Nuova Teoria della Coscienza: Gli Antichi e gli Hippies avevano ragione tutto insieme a ‘Vibes’

Allo stesso tempo, alcuni studi sembrano dimostrare che le influenze intracellulari, ambientali ed energetiche possono cambiare il DNA. Il campo dell’epigenetica esamina come fattori diversi dal nostro codice genetico non cambiano solo chi e cosa siamo. 

Screenshot tramite YouTube

Alcuni ricercatori suggeriscono che possiamo cambiare il nostro DNA attraverso l’intenzione, i pensieri e le emozioni. Mantenere pensieri positivi e superare efficacemente lo stress può aiutare a mantenere il benessere emotivo, e può anche mantenere il nostro stesso DNA.

D’altra parte, uno studio su 11.500 donne ad alto rischio di depressione nel Regno Unito ha determinato che il DNA mitocondriale e la lunghezza dei telomeri sono stati cambiati.

Secondo Science Alert:

 

“La scoperta più notevole è stata che le donne che avevano depressione legata allo stress – depressione associata a una sorta di avversità durante l’infanzia come l’abuso sessuale – avevano più DNA mitocondriale (mtDNA) dei loro coetanei. I mitocondri sono gli organelli della centrale elettrica che forniscono l’energia per il resto della cellula, e un aumento del DNA mitocondriale ha portato i ricercatori a credere che il fabbisogno energetico delle loro cellule fosse cambiato in risposta allo stress.”

Questi cambiamenti alla struttura del DNA sembrano far avanzare il processo di invecchiamento.

“Dopo essere tornati indietro rispetto ai loro risultati, i ricercatori hanno anche scoperto che le donne con depressione legata allo stress avevano telomeri più corti delle donne sane. Telomeri sono i tappi alla fine dei nostri cromosomi che naturalmente accorciare con l’età, e il team ha cominciato a chiedersi se questo processo fosse stato accelerato dallo stress.”

Altri risultati suggeriscono che la meditazione e lo yoga possono aiutare a mantenere i telomeri.

Andando un grande passo avanti, alcuni ricercatori ritengono che il nostro DNA è in ultima analisi collegato al nostro sé spirituale superiore. A questo punto, cominciamo a corrispondere con il pensiero degli antichi, secondo gli antichi teoristi astronauti.

Se questo suona lontano a voi, allora si potrebbe non voler procedere perché sta per diventare più strano.

DNA fantasma?

Nel 1995, un biologo quantistico russo, Vladimir Poponin condusse uno studio strabiliante chiamato “The DNA Phantom Effect”.

Secondo Medium:

 

“In un articolo apparso negli Stati Uniti nel 1995, hanno descritto una serie di esperimenti che suggeriscono che il DNA umano influenza direttamente il mondo fisico attraverso quello che credevano fosse un nuovo campo di energia che collega i due.”

Lo studio ha scoperto che i fotoni di luce si disponevano in modo diverso quando in presenza di materiale vivente del DNA.

“Il DNA stava chiaramente avendo un’influenza diretta sui fotoni, come se li modellasse in schemi regolari attraverso una forza invisibile. Questo è importante, dal momento che non c’è assolutamente nulla nei principi della fisica convenzionale che consentirebbe questo effetto. Eppure, in questo ambiente controllato, il DNA – la sostanza che ci compone – è stato osservato e documentato per avere un effetto diretto sulla roba quantistica di cui è fatto il nostro mondo!”

In un altro esperimento del 1993, l’esercito ha testato come campioni di DNA avrebbero reagito alle emozioni dei donatori umani. Il DNA è stato osservato mentre i donatori guardavano i video in un’altra stanza. I sentimenti della persona influenzavano il DNA, indipendentemente da quanto la persona fosse lontana dal campione di DNA. Sembra essere un caso di entanglement quantistico.

“Quando il donatore ha sperimentato “picchi” e’emotivi’ e ‘dips’, le sue cellule e il suo DNA hanno mostrato una potente risposta elettrica nello stesso istante nel tempo. Anche se le distanze misurate in centinaia di metri separavano il donatore e i campioni, il DNA agiva come se fosse ancora fisicamente collegato al suo corpo. La domanda è ‘Perché?'”

Anche quando un soggetto era a 350 miglia di distanza, il loro campione di DNA ha reagito simultaneamente. Un campo di energia sconosciuto collegava i due.

“Quando il donatore ha avuto un’esperienza emotiva, il DNA ha reagito come se fosse ancora collegato al corpo del donatore in qualche modo. Come afferma il dr. Jeffrey Thompson, un collega di Cleve Backster, da questo punto di vista: “Non c’è posto dove il proprio corpo finisce e non c’è posto dove inizia”.

Un terzo esperimento del 1995 di HeartMath suggerisce anche che le persone possono cambiare la forma del DNA attraverso le loro emozioni. I ricercatori Glen Rein e Rollin McCraty hanno scoperto che, a seconda di quali soggetti stavano pensando, il DNA sarebbe cambiato.

“Nelle parole di uno dei ricercatori, “Questi esperimenti hanno rivelato che diverse intenzioni hanno prodotto effetti diversi sulla molecola del DNA causandone il vento o la riavvolgimento.” Chiaramente, le implicazioni sono al di là di tutto ciò che è stato permesso nella teoria scientifica tradizionale fino ad ora.”

Questi esperimenti di anni fa suggeriscono:

  • Possiamo cambiare la nostra struttura del DNA attraverso i pensieri. 
  • Siamo collegati al nostro DNA in qualche modo misterioso. 
  • Il nostro DNA cambia le vibrazioni dei fotoni di luce intorno a noi.

Queste idee senza dubbio suonano strane a molte persone, ma la realtà è spesso più strana della finzione. Allo stesso modo, gli scienziati e gli scettici tradizionali hanno a lungo creduto che le questioni degli antichi teoristi astronauti fossero assurde.

Secondo Scientific American:

“L’antica teoria degli alieni è fondata su un errore logico chiamato argumentum ad ignorantiam, o ‘argomento dall’ignoranza’. Il ragionamento illogico è questo: se non c’è una spiegazione terrestre soddisfacente per, per esempio, le linee di Nazca del Perù, le statue dell’Isola di Pasqua o le piramidi egizie, allora la teoria che sono stati costruiti da alieni dallo spazio esterno deve essere vera.”

Screenshot tramite YouTube

La verità è che non abbiamo una spiegazione soddisfacente di come gli esseri umani si sono evoluti nella nostra forma attuale oggi. Tutti noi continuiamo a cercare le risposte, ma la verità può essere più inaspettata di quanto chiunque di noi possa credere. Non lo scopriremo mai se non manteniamo una mente aperta, e forse questa è la chiave per sbloccare risposte nascoste nel profondo dell’antico codice chiamato DNA.

Sembra che i nostri pensieri abbiano un profondo effetto sul nostro corpo e sul mondo che ci circonda.

Ulteriori informazioni su Sumerian Genetic Manipulation from Ancient Aliens qui sotto:

Immagine in primo piano: Screenshot tramite YouTube con DNA tramite Pixabay 

Fonte: https://www.ancient-code.com/

_______________________________

Ndr: sulla Manipolazione genetica del DNA potrebbe essere esaustivo questo VIDEO sottotitolato in lingua italiana.

®wld

Le Favolose Tavolette del Destino Babilonese

Lascia un commento

syria-2932498_1280

 

INTERVENTO ARCHEOLOGICO?

 

Da qualche tempo propongo la speculazione che l’intervento militare americano in Iraq e in Siria e che la “primavera araba” sponsorizzata dagli Stati Uniti in Egitto, abbia avuto, come ragione più profonda e segreta, il controllo di siti di antichità e una ricerca, forse, per scoprire informazioni sull’antica tecnologia perduta e antica. Quando il saccheggio del museo di Baghdad avvenne poco dopo che le forze americane raggiunsero quella città, i miei sospetti andarono nella zona rossa, e allora credetti, e credo ora, che il saccheggio fosse “un lavoro interno”, e fatto proprio per acquisire informazioni. L’Iraq, in altre parole, mi ha reso estremamente sospettoso che lo sforzo archeologico fosse al primo posto tra le priorità americane di qualsiasi altra ragione pubblicamente dichiarata all’epoca sulle “armi di distruzione di massa”. In effetti, ho intrattenuto la possibilità – e ancora lo intrattengo – che queste “armi di distruzione di massa” che stavamo cercando (e presumibilmente mai trovato) non fossero il tipo a cui tutti stavano pensando (atomico, biologico e chimico), ma di un tipo molto diverso, molto più esotico e molto antico. Nel mio scenario, ci veniva detta una verità, ma una verità parziale che conteneva molte indicazioni errate. Poi venne la Siria, un paese con le sue ricche antichità, e poi la spinta per un’azione militare contro l’Iran, l’ennesimo paese con ricche antichità.

 

Fondamentale per le mie speculazioni qui è una vecchia “epica” babilonese chiamata epica di Ninurta, che ho incluso nel mio libro La guerra cosmica, nella sua interezza, perché volevo che le persone fossero effettivamente in grado di leggere qualcosa che gli accademici consideravano un “epico.” “Bene, Homer non lo è. È emozionante quasi quanto leggere l’indice del catalogo Sears, perché in effetti è quello che è, un inventario di “cose” associate a un’antica “guerra degli dei” e potenzialmente le favolose babilonesi “Tablets of Destinies”. “Alcune caratteristiche del testo suggeriscono che sta descrivendo una tecnologia di qualche tipo. Certo, questa è un’ipotesi altamente speculativa e l’intera idea di invadere i paesi per il fine ultimo nascosto di ottenere l’accesso o informazioni su tali cose putative sembra, a prima vista, scandalosa. Ma ancora una volta, se esistessero queste cose, darebbero a chiunque le acquisisse un’enorme leva tecnologica, a tal punto che si potrebbe davvero rischiare interventi militari semplicemente per acquisirla e impedire ad altri di farlo.

 

Finora, tuttavia, questa è stata una speculazione interamente discussa, a seconda del punto di connessione e della speculazione lungo il percorso su ciascun punto dati. In altre parole, è una proposta molto “incerta”. Ma ora c’è una storia molto affascinante là fuori che è stata avvistata da FLM e ha passato una lunga, e a mio avviso, tende a confermare la mia selvaggia speculazione ad alto numero di ottani sugli interventi militari che hanno uno scopo in definitiva archeologico:

 

 Israeli-secret-biblical-dig-Syria-600x315-cropped

 

Le truppe russe proteggono lo scavo biblico segreto in Siria

 

Uno scavo top-secret si sta svolgendo nella città di Palmira, in Siria, allo scopo di trovare antichità bibliche ebraiche sotto la protezione delle truppe militari russe. Tre archeologi israeliani senza nome, sostenuti da truppe russe, stanno prendendo parte… Continua a leggere

La cosa molto interessante in questo articolo è la seguente serie di dichiarazioni:

A Palmira, secondo le fonti, i soldati e l’intelligence russi hanno lavorato a lungo con mercenari e soldati del regime siriano. Durante quel periodo, furono partner nella rapina e nella vendita di manufatti archeologici in base al loro potere e presenza militare; tuttavia, questa collaborazione non durò a lungo poiché i russi rivelarono rapidamente le loro intenzioni. Hanno escluso il regime e individuato il potere per se stessi nel cuore della città storica che è considerato un museo pieno di tesori e antichità rari da trovare nel mondo. 

 

Forse i russi hanno individuato il potere per se stessi spiegando anche se in ritardo il segreto dietro Mosca si precipita a partecipare a una forza efficace senza precedenti per riconquistare la città. Mosca fece precipitare truppe di terra efficaci accompagnate da intensi e violenti raid aerei.

L’entità delle perdite subite dai russi sul fronte di Palmyra può dare una chiara idea dello slancio della corsa russa. I russi hanno subito la più grande perdita di Palmira dal suo intervento diretto e immediato nella guerra siriana.

Le nostre fonti private hanno chiarito che i russi hanno recintato il loro accampamento nel cuore della città storica e hanno vietato a qualsiasi personale del regime o mercenari di entrare o avvicinarsi all’area sotto pena e responsabilità.

Questa procedura è andata di pari passo con l’arrivo di 3 esperti stranieri che hanno iniziato a spostarsi tra i punti di riferimento di Palmyra con guardie e protezione intensiva. Risiedevano nel campo russo situato nelle piste dei cammelli e nei cimiteri che si estendevano al teatro e al Bel Temple.

Le fonti affermano che gli esperti stanno comunicando con il russo esclusivamente tramite un interprete. Il loro lavoro si limita principalmente alla ricerca di incisioni ebraiche che potrebbero essere un documento per collocare Palmyra nella prima delle città ebraiche in base a ciò che stanno cercando. (Enfasi aggiunte)

In altre parole, se le affermazioni di questo articolo sono vere, c’era una chiara motivazione archeologica dietro l’intervento russo in Siria, e quell’intervento includeva mettere un sito archeologico noto e famoso sotto il controllo dell ‘”intelligenza”, in questo caso, presumibilmente Intelligence militare russa. Non posso fare a meno di tracciare qui il parallelo con l’Iraq prima dell’invasione americana dopo l’11 settembre di quel paese, poiché si ricorderà che prima di quell’invasione, sia la Francia che la Germania avevano squadre di archeologi che scavavano in Iraq per Saddam Hussein, e Si dice che la Germania avesse una forte presenza della sua agenzia di intelligence del BND in quel paese. Ciò di per sé non è sorprendente, dal momento che c’era stata una rete di intelligence tedesca che operava in quel paese durante la seconda guerra mondiale che ha contribuito a organizzare il colpo di stato in Iraq e costringendo gli inglesi a spendere risorse militari per metterlo da parte. (In effetti, ho fortemente sospettato che, dal momento che la storia del saccheggio di Baghdad è stata interrotta per la prima volta dai media tedeschi , l’intero saccheggio potrebbe essere stato un’operazione tedesca, con individui che indossavano uniformi americane.)

C’è un ulteriore fattore qui, e questa è la presenza di un’antica comunità ebraica a Palmira, che potrebbe implicare che i russi stiano cercando “qualcosa”. E data la “alleanza” della Russia con l’Iran, è forse pertinente notare che la Russia, con le sue vaste riserve di petrolio e gas naturale, non ha quasi bisogno dell’Iran. Quindi quella “alleanza” di più per impedire a Occidente / America di accedere ai siti di antichità dell’Iran? (E allo stesso modo, e dal momento che siamo in tema: la Russia ha squadre archeologiche che esplorano l’Iran?)

Qualunque cosa si faccia di queste domande e speculazioni, questo articolo sembra corroborare i miei sospetti originali di “intervento archeologico”, sollevandolo di una o due tacche.

Fonte: https://gizadeathstar.com/

 

Qualche ipotetico addentellato li si può trovare nel quinto capitolo dei questo pdf de: Il Pianeta degli Dei di Zacharia Sitchin Capitolo Quinto “NEFILIM: IL POPOLO DEI RAZZI FIAMMEGGIANTI

 

Nota mia:

L’articolo sopra parla di Ninurta, va detto che nelle raffigurazioni antiche Ninurta tiene sempre in mano un’arma molto particolare, senza dubbio la stessa arma con laquale scagliava “dardi di luce”.

 

®wld

Older Entries