Home

L’Ossimoro della decrescita felice

Lascia un commento

 Il lavoro da casa aiuta l’ambiente

La Decrescita Possibile – Su cosa dovremo “Decrescere”

di Fabio Pipinato 
La “decrescita felice” è una sorta di ossimoro in quanto,
la felicità viene sempre contrabbandata con la crescita, e l’infelicità con la decrescita.
Per certi versi è così basta vedere la crisi del ’29 con famiglie sul lastrico o a quella più recente del 2008 con il fallimento della Lehman Brothers che causò milioni di licenziamenti, sfratti, fallimenti, una paralisi dell’economia e tanta disperazione.

Questo articolo analizzerà su cosa dovremmo “decrescere” e il prossimo articolo si concentrerà su cosa dovremmo invece “crescere”.

Naturalmente sono solo alcuni punti rubati dal web che potrebbero essere dai lettori addizionati o moltiplicati.
Buona lettura…
Energia

In casa consumiamo:

  1. Fuori casa, in hotel o B&B
  2. In ufficio
  3. Una famiglia di 3 persone consuma a casa 3, mentre un ufficio di 10 impiegati 50. Se siamo impiegati di un’assicurazione che, secondo Jacopo Fo, dovrebbe stare più che attenta a come si spendono le risorse, 6, e se lavoriamo in banca, 7.
Gli impiegati di banca costretti a temperature tropicali d’inverno e glaciali d’estate appena tornano a casa consumano 1.
Insomma, il lavoro da casa, aiuta l’ambiente.
Armi
I 131 bombardieri F35 acquistati dall’Italia dagli USA, descritti da Rocco Buttiglione come la madre di tutte le tangenti costano circa 15 mld di Euro.
Solo Mario Monti riuscì, a budget invariato, a farli diminuire a 91 unità.
Ma il problema non sono solo i caccia ma le armi d’uso comune come fucili e pistole che rendono sempre più insicuro il nostro Paese mentre le armi esportate nei Paesi dittatoriali e non solo rendono insicuri i paesi oltremare.
Ne consegue che ad ogni export corrisponda un proporzionale import di migranti che fuggono da quelle terre.
Come sortire dal “progresso scorsoio” descritto da Andrea Zanzotto?
Carne

Mangiare troppa carne fa male all’ambiente e al clima.

Con il 14,5% delle emissioni totali di gas serra, infatti, il settore zootecnico è una delle principali fonti di emissione di gas climalteranti. Un terzo delle terre coltivate in tutto il mondo serve a produrre un miliardo di tonnellate di mangime, soprattutto attraverso monocolture di soia e mais, destinate agli allevamenti intensivi.
Il 23% dell’acqua dolce disponibile sul Pianeta viene usato per l’allevamento. E servono 15.500 litri di acqua per produrre un chilo di carne di manzo.
Per Slow Food non si dovrebbe mangiare più di 500 grammi di carne a settimana per un totale di 30 kg di carne l’anno. Gli europei ne mangiano in media 74 kg, gli statunitensi arrivano a 125 kg l’anno.
Ciò significa che se la nonna prepara il cappone a Natale è maleducato rimproverarla mentre potremmo volerci un po’ più bene durante l’anno perché oltre a far male all’ambiente e al clima ne va anche della nostra salute.
A.A.A. – Auto, Aereo, Allarme clima

A Copenaghen,

negli anni ’70 c’erano 350 mila automobili e 100 mila velocipedi, e la crisi petrolifera portò in piazza i ciclisti a chiedere più spazio e più sicurezza.
Nel 2017 nel centro di Copenaghen circolavano in media 250 mila vetture e 260 mila biciclette.
Ma il sorpasso non bastò.
Il Sindaco ora vuole/pretende una città ad inquinamento 0 per il 2020.
Aereo

Per i voli interni italiani si consiglia “meno aereo e più treno”.

Un esempio è la tratta Milano-Roma, per cui il treno è la soluzione più rapida e sostenibile:
il viaggio dura 1 ora e 06 minuti in meno rispetto all’aereo, l’anidride carbonica risparmiata è 89,3 kg, mentre la quantità risparmiata di benzina è di 33,5 litri.
Una convenienza simile è stata riscontrata per il viaggio in treno da Milano a Zurigo:
si guadagnano 15 minuti rispetto a un viaggio in aereo, mentre si consumano anche 102,2 kg di CO2 e 39,8 litri di benzina in meno.
E-commerce

Lo shopping on line, senza relazioni di piazza, è di una tristezza infinita.

Non solo. L’impatto ambientale è impressionante.
Secondo Gabanelli nell’ultimo anno 22 milioni di italiani hanno comprato scarpe, cellulari, frullatori, libri e cibo per cani rimanendo seduti sul divano:
clicchi, paghi e in pochi giorni il prodotto è recapitato in casa…
In Italia nel 2017 si stima siano stati fatti 150 milioni di ordini, che vuol dire 150 milioni di pacchi spediti, e altrettanti citofoni suonati. Quando lo stesso prodotto è in vendita nel negozio vicino a casa, comprarlo lì.
Eviteremo di vederlo chiudere e sostituito con una sala giochi.
Fumo

Droghe o alcol. La gara su chi fa più male non mi appassiona.

Detto ciò la scienza afferma che l’alcol è la sostanza psicotropa che miete più vittime in termini di dipendenza, rispetto a fumo, droghe sintetiche e cocaina.
Le cifre sono spaventose.
In un decennio sono morte 435.000 persone per malattie alcol correlate.
Ma il dato più impressionante è che la metà dei minorenni (54%), per l’Eurispes, ha acquistato alcolici nonostante una legge che lo vieti espressamente.
A condannare l’alcol non si giustificano le droghe e tantomeno quelle leggere che alimenta un mercato criminale da 14 mld. di Euro.
Slot Machine

Queste creano dipendenza e povertà.

Queste macchinette infernali sono distribuite capillarmente in quanto fanno guadagnare mafie e Stato. Creano un introito di 86 miliardi di Euro, (di cui 10 miliardi derivanti dal gioco illegale).
Parliamo della terza impresa del Paese con circa 1.260 Euro di spesa pro capite e una struttura fondata su 400mila slot machine che invadono le città, una ogni 150 abitanti.
Lo Stato ci guadagna molto e si limita a metter il cartello:
“gioca con moderazione”…
A riguardo, alcuni esercenti hanno fatto la scelta etica di farne a meno nonostante significativi guadagni.
I consumatori consapevoli dovrebbero premiare in primis chi rinuncia a questo business rovinafamiglie

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

Il Vitale Boccone Indigesto

Lascia un commento

 

 

Stomaco: senso biologico e “patologie”

 

di: Marcello Pamio 

 

Il mercato italiano dei prodotti venduti in farmacia chiudeva il 2018 con un fatturato totale di 24,4 miliardi di euro, registrando soprattutto una crescita del consumo di farmaci oncologici.


Esattamente come negli anni precedenti, i prodotti per il sistema cardiovascolare si sono confermati quelli con la maggior spesa.


Tra le 10 categorie di farmaci più prescritti nel 2018 si collocano al primo posto gli inibitori della pompa acida (farmaci per gastrite, ulcera, reflusso gastrico, ecc.).


Ecco i dieci gruppi terapeutici più prescritti l’anno scorso.

 

 

 

La spesa globale dei farmaci continua a crescere anno dopo anno.
Attualmente è circa 1200 miliardi di dollari (nel 2018), e le previsioni dicono che si arriverà a 1500 miliardi entro il 2023. Cifre annuali! 

 

I 10 gruppi terapeutici a maggior spesa nel 2018 

 

1) sistema cardiovascolare
2) apparato gastrointestinale e metabolico
3) sistema nervoso
4) sistema respiratorio
5) antimicrobici generali per uso sistemico
6) sangue ed organi emopoietici
7) sistema muscolo-scheletrico
8) sistema genito-urinario ed ormoni sessuali
9) farmaci antineoplastici ed immunomodulatori
10) ormonali sistemici,escl.ormoni sessuali e insuline

Ora vediamo le dieci categorie più usate 

 

Le 10 categorie terapeutiche più prescritte nel 2018 

 

1) inibitori di pompa protonica (acidità gastrica)

2) inibitori della hmg coa reduttasi (colesterolo alto)
3) ace inibitori non associati (ipertensione)
4) betabloccanti, selettivi, non associati (ipertensione)
5) antiaggreganti piastrinici, esclusa l’eparina (anti-trombotici)
6) vitamina d ed analoghi (ossa)
7) derivati diidropiridinici (ipertensione)
8) antagonisti dell’angiotensina II (ipertensione)
9) biguanidi (diabete)
10) antagonisti dell’angiotensina II e diuretici (ipertensione)

In Italia – e la situazione non è molto diversa negli altri paesi occidentali – tra le categorie più prescritte vi sono i farmaci per i disturbi dello stomaco (gastrite, reflusso, iperacidità, ecc.).

 

Nel solo mese di settembre 2019, secondo i dati Federfarma, tra i primi sei farmaci venduti, ben tre sono inibitori di pompa protonica:

  • PANTOPRAZOLO
    Numero fustelli venduti: 3.089.743
    Valore commerciale: € 20.573.113,80
  • LANSOPRAZOLO
    Numero fustelli venduti: 1.684.140
    Valore commerciale: € 11.869.362,82
  • OMEPRAZOLO
    Numero fustelli venduti: 1.735.553
    Valore commerciale: € 11.073.788,36

 

Come mai gli italiani ingollano sempre più farmaci per problematiche gastriche?
La dieta mediterranea non è il migliore regime alimentare mondiale? O forse c’è dell’altro?

 

Per cercare di dare una risposta, è necessario conoscere come funziona lo stomaco, comprenderne il “senso biologico”… 

 

LO STOMACO QUESTO SCONOSCIUTO 

 

Lo stomaco è un organo situato tra l’esofago e il duodeno e fa parte del tratto gastro intestinale.

 

La sua superficie è costituita da una mucosa (e sottomucosa) che secerne succo gastrico per la digestione. 

 

L’entrata si chiama cardias e non è una vera e propria valvola, ma uno sfintere fatto da muscoli, esattamente come l’uscita, chiamata piloro.

Subito dopo il piloro c’è il duodeno.

 

Qual è la funzione funzione principale dello stomaco? Accogliere il cibo che proviene dall’esofago.

 

Il cibo è anche l’informazione esterna, l’evento o la relazione, che da fuori viene portato dentro per essere assorbito e poi assimilato.

 

Infatti grazie all’azione dei succhi molto acidi, il cibo (o l’informazione) subisce la prima importante digestione. Le varie secrezioni gastriche contengono muco, enzimi proteici (pepsina) e acido cloridrico.

 

Inoltre il succo gastrico contiene il famoso “fattore intrinseco” che permette il riassorbimento della vitamina B12. 

 

I DUE TESSUTI DELLO STOMACO

 

E’ importante distinguere due zone specifiche dello stomaco: la piccola curva e la grande curva.
La piccola curvatura origina da un tessuto “ectodermico”, mentre tutto il restante deriva dal tessuto endodermico, anche se vi sono frange ectodermiche. Questa differenza diventa fondamentale per comprendere da una parte la funzionalità dell’organo, dall’altra le sue “problematiche” o manifestazioni patologiche. 

 

PICCOLA CURVA (assorbente) 

 

Questa zona risponde a conflitti di “CONTRARIETA’ INDIGESTA”, ed ha a che fare con il nostro mondo relazionale.

 

Il conflitto che riguarda questa zona ha a che fare con persone e/o situazioni lavorative con le quali dobbiamo convivere, nelle quali ci sentiamo incastrati.

 

Il maschio in questa zona fa rabbia/rancore per contrarietà nel territorio (familiare o lavorativo), mentre la donna mancina fa il conflitto per l’identità, il non sentirsi per esempio riconosciuta nel suo ruolo e posizione…

 

Il carcinoma si origina solo nel tessuto di derivazione ectodermica, per cui sarà sicuramente più facile trovarlo nella piccola curva, anche se potrebbe formarsi nelle zone dello stomaco dove vi sono frange ectodermiche. 

 

GRANDE CURVA (secretiva) 

 

La grande curvatura rappresenta tutto lo stomaco restante e risponde a conflitti di “BOCCONE VITALE INDIGESTO”. 

 

Qui siamo in piena sopravvivenza, dove il boccone è assolutamente vitale!

Il conflitto è molto forte perché il “BOCCONE E’ TROPPO GROSSO DA DIGERIRE” 

 

Grosse contrarietà familiari e/o lavorative, qualcosa che proprio non digeriamo più!

 

Il risentito potrebbe essere: “HO INGOIATO IL BOCCONE, MA NON RIESCO A DIGERIRLO”, non va giù…

 

Nella grande curva si può formare l’adenocarcinoma. 

 

IL SENSO BIOLOGICO DELLO STOMACO 

 

Quando viviamo una situazione veramente difficile da “digerire”, il cervello attiva l’organo e nel caso dello stomaco, essendo costituito da due tessuti diversi, avremo due diverse attivazioni. 

 

Se il conflitto riguarda un “boccone vitale indigeribile”, si attiva la grande curva con un aumento di funzione secretiva (succhi gastrici, enzimi, ecc), il cui senso biologico è migliorare la digestione del “boccone”. Arrivando alla formazione di un adenocarcinoma, che non a caso fa aumentare di molto la secrezione. Nella grande curva NON c’è dolore gastrico! 

 

Se invece il conflitto ha sempre una connotazione di indigeribilità ma non riguarda un boccone vitale, perché ha più a che fare con le relazioni (famiglia per esempio), allora la mucosa prima si ulcera, per poi venire ricostruita e riparata se si risolve il conflitto. 

 

I dolori gastrici (bruciori) avvengono solo nella piccola curva! 

 

STOMACO & COMPRENSIONE 

 

Lo stomaco quindi deve digerire il “cibo-evento-relazione“, deve far proprio, e da un certo punto di vista deve COMPRENDERE, cioè CUM-PRENDERE, prendere dentro.

 

Per cui tutte le persone che hanno problematiche allo stomaco, sono PERSONE IN-COMPRESE, o almeno questo è ciò che percepisce il loro cervello. 

 

DIETRO LO STOMACO → PERCEPITO DI NON ESSERE COMPRESI Il MITICO HELICOBACTER PYLORI 

 

Lo stomaco è un organo programmato per sviluppare un’acidità anche molto intensa: il pH infatti varia molto e può raggiungere valori inferiori a 2.

 

Con una simile acidità nessun batterio sarebbe in grado di resistere!

 

Quindi come fa l’Helicobacter a sopravvivere? Possiamo credere alla favoletta secondo la quale il terribile microbo si protegge dall’ambiente ostile nascondendosi sotto la mucosa?

 

O forse sarebbe più corretto parlare di micobatterio? Ricordo che i funghi e i micobatteri sono gli esseri viventi più antichi della Terra e quindi possono resistere a pH così bassi.

 

La realtà è che in soluzione di un conflitto dello stomaco, l’organismo necessita di questi germi (micobatteri) per caseificare il tumore. Solo allora il cervello attiva l’Helicobacter Pylori…

 

Fare la guerra chimica a questo microrganismo estremamente funzionale per l’ecologia organica, è non solo un assurdo, ma è soprattutto anti-biologico! 

 

CONCLUSIONE 

 

Le vendite di farmaci sono oggettive e mettono in luce un quadro allarmante: uno dei problemi più diffusi tra la popolazione italiana riguarda la digestione e lo stomaco in particolar modo! 

 

Svariati milioni di italiani non digeriscono qualcosa o qualcuno (o entrambi) nella propria vita, ma invece di cambiare, mettendosi in azione modificando l’alimentazione e/o cambiando lavoro, compagno o compagna, ingurgitano droghe per anni o decenni, con la vana speranza che il problema si risolva grazie alla chimica! Questa si chiama follia. 

 

In pratica navighiamo nell’oceano su una nave con un incendio a bordo, e invece di andare alla ricerca del focolaio iniziale per spegnerlo definitivamente, spacchiamo con un martello la sirena per non sentire più il rumore fastidioso, con i risultati che stiamo vedendo tutti…

 

Fonte articolo: https://disinformazione.it/

 

®wld

Il compostaggio umano – cremazione liquida

Lascia un commento

 

 

IN BAD OLE’ USSA: COMPOSTAGGIO … DAGLI UMANI …

 

Sembra che ci sia un nuovo oltraggio ogni settimana da una delle due coste sinistre in questo paese, al punto che forse inizierò un nuovo premio: “L’indignazione della settimana” da accompagnare con la “High Octane Speculation Of Il giorno.” Questo è stato individuato da BH: lo stato di Washington, a quanto pare, ha approvato una legge che è stata firmata in legge dal governatore di quello stato, per consentire il “compostaggio umano”:

La diffusione del biosludge sulle colture alimentari conterrà presto tessuti umani morti mentre Washington legalizza il “compostaggio umano”

Ora, che ci crediate o no, c’è una certa parte di questo disegno di legge che ha attirato la mia attenzione, ed è stato questo:

 

“Sono molto favorevole al compostaggio dei corpi umani!” Ha dichiarato Wes McMahan, un’infermiera cardiovascolare in pensione che recentemente ha testimoniato a sostegno del disegno di legge. “Quando avrò finito con questo corpo che mi ha servito molto bene negli ultimi 64 anni, voglio avvelenarlo con formaldeide e altri prodotti chimici per imbalsamazione? No”, ha aggiunto. “Bruciato? Non è la mia prima scelta. Ma che dire di tutti i batteri con cui ho lavorato così a lungo in questo corpo – voglio dare loro la possibilità di fare ciò che fanno naturalmente? Credo nel fare le cose nel modo più naturale possibile.”

Ora, per quanto possibile, sono tutto per il decadimento naturale del corpo e non pomparlo pieno di formaldeide. In effetti, essendo ortodossi orientali, questa è la tradizione: sepoltura in una scatola, senza imbalsamazione (attenzione ai parenti!). A questo proposito la tradizione è molto simile a quella del giudaismo ortodosso, completa di memoriale di quaranta giorni (di nuovo: attenzione ai parenti!).

Ma essendo questo il moderno “Amair’kuh” ci si può aspettare che dietro una storia come questa si nasconda un po’ di follia mascherata da “preoccupazione per l’ambiente” e in questo non sono rimasto deluso. Tuttavia, per prima cosa, notiamo che i Republiwimps si sono uniti ai Looneycrats in modo che in questo caso la follia abbia un supporto bipartisan. Con quello sul disco, notiamo ora – cuori in fiamme – come una persona entusiasta dello sviluppo, e nel farlo, forse ha dato via un po’ al gioco:

 

Katrina Spade, fondatrice e CEO di una società conosciuta come Recompose che aspira ad essere la prima casa funeraria di “riduzione organica naturale” negli Stati Uniti, è anche entusiasta del disegno di legge, che secondo lei soddisfa “una speranza da molto tempo” creare “un’opzione di cura della morte urbana, basata sul suolo ed ecologicamente compatibile” (enfasi aggiunta)

Ecco qua: “un’opzione ecologica per la cura della morte”. In altre parole, sei un compost – forse – per l’agricoltura biologica urbana? “Aspetta un minuto”, pensai mentre lo leggevo. “Vuoi dire, non mi metterai semplicemente in una scatola di legno di pino e mi lascerai nel terreno lasciando che le cose procedano lentamente e naturalmente?”

Apparentemente no:

Molti altri sostenitori del disegno di legge affermano che legalizzare il compostaggio umano sarà ottimo per l’ambiente, dal momento che si presume “così vicino al processo naturale di decomposizione [come] supponeresti che un corpo subirebbe prima di avere una società industrializzata”.
Ma è davvero una buona idea diffondere fanghi liquidi prodotti da esseri umani morti in tutte le nostre colture alimentari? Perché è esattamente dove andrà gran parte di esso, specialmente quando la “cremazione liquida” finisce per essere scaricata nello scarico o nella toilette e nel sistema fognario locale.
Come rivelato nel film Biosludged, le acque reflue in tutto il paese vengono ora “riciclate” e diffuse in tutto il terreno agricolo, il che significa che tutto ciò che vi si trova viene assorbito nella riserva alimentare. Se l’America ora inizia a “riciclare” gli esseri umani come liquidi piuttosto che seppellire semplicemente i corpi o cremarli in cenere, come è sempre stato il caso, allora questi resti finiranno quasi sicuramente per essere convertiti in “fango-biologico” riciclato e diffondersi come “fertilizzante” sulle colture alimentari.
Sappiamo già che questo fa parte del piano, in quanto persone come McMahan sono davvero entusiaste della prospettiva di creare “foreste alimentari” con il compost umano – “così i miei nipoti sapranno da dove proviene il cibo”, afferma.
È vero che i protocolli di sepoltura tradizionali non sono necessariamente rispettosi dell’ambiente, visto che i fluidi per imbalsamazione e la formaldeide sono prodotti da sostanze chimiche tossiche e sintetiche. Ma i corpi umani, specialmente nel mondo tossico di oggi, sono anche velenosi e carichi di ogni sorta di sostanze chimiche, prodotti farmaceutici e altri veleni che probabilmente non dovrebbero essere “riproposti” per aiutare a far crescere i cibi che mangiamo tutti. “Rilascio di mercurio, prodotti farmaceutici e malattie nell’approvvigionamento idrico. Sembra un’ottima idea, cosa potrebbe mai andare storto? ”Ha scherzato un commentatore del Seattle Times.

“Biosludge” (ndr. fango biuologico), lo chiamano.

La chiamo follia ambientale biologica, disordine biobipolare bipartisan. Follia. Decidi tu come chiamarlo.

Facciamo un po’ di speculazioni ad alto numero di ottani per capire perché. In primo luogo, hai notato qualche citazione di uno studio intergenerazionale sull’impatto ambientale o sulla salute umana? No? Beh, immagino sia perché se potessimo gettare semi geneticamente modificati nel terreno senza alcun studio intergenerazionale sull’impatto ambientale o sulla salute umana, potremmo anche rendere felice IG Farbensanto e irrigarlo con un “biosludge” umano. Risparmierà denaro e sarà l’ennesimo esempio glorioso di progresso. E sapremo che è una “buona idea” se i cinesi iniziano a farlo. Potrebbe diventare un’altra megaindustria per IG Farbensanto, che potrebbe imparare a disidratare il biosludge, metterlo in grandi sacchi e spedirlo in tutto il mondo. Basta aggiungere acqua e mescolare. E aspetta solo che l'”industria dei biosludge” si colleghi all'”industria” dell’aborto-eugenetico: dopo che tutte le parti del corpo necessarie sono state raccolte e vendute, perché, il genocidio dell’infante può essere “commercializzato” con tutto il piagnucolio appropriato “preoccupandosi” poiché sia ​​rispettoso dell’ambiente e un modo per aumentare i raccolti!

Domanda due: con questo in mente, chiediti questo: quanto tempo passerà prima che interi segmenti della popolazione, ingerendo le loro verdure OGM irrigate con biosludge, sviluppino encefalopatie spongioforme di una forma o di un’altra? È una possibilità reale? Beh, non lo so, ma non lo so perché quei fastidiosi studi intergenerazionali sull’impatto ambientale e sulla salute umana sono stati condotti in segreto e i risultati sono stati tenuti segreti (accidenti, mi chiedo perché) o non sono stati fatti affatto (vedi domanda uno sopra). Ma ho il sospetto che la possibilità sia lì: basta guardare le culture cannibali che, in effetti, hanno una sorta di approccio “biosludge” alla loro cucina preferita (lo stufato, dopo tutto, non è poi così lontano dal biosludge).

Domanda tre, e questa è per me la clincher, ed è suddivisa in tre parti: (a) pensi che l'”élite” mangerà colture coltivate con biosludge? Se è così, perché? In caso contrario, perché no? (Personalmente, sospetto piuttosto fortemente che la salsa di mirtilli rossi biosludge non verrà servita durante la cena di Natale della Regina). (b) Ciò avrà un impatto negativo sulla capacità internazionale dell’America di vendere i suoi prodotti agricoli? Sospetto piuttosto che potrebbe, visto che non lo vedo conforme molto bene alle leggi halal del mondo islamico, e – aspettatelo – (c) chi intensificherà e colmerà il vuoto agricolo non biologico? Guarda per la Russia e alcuni altri paesi di vietare e mettere fuorilegge l’idea per la loro agricoltura, e così riempire il vuoto.

Consentitemi di esprimere chiaramente la mia opinione: questa è un’idea cattiva, malata, disgustosa. La follia e la mancanza di pensiero, per non parlare dell’immoralità assoluta, non potevano che essere state inventate e confezionate come una buona idea nella moderna Amair’kuh, perché è, quando tutto è detto e fatto, un altro trambusto.

Il cannibalismo arriva ad Amair’kuh. Soylent Green …

 

Fonte:  https://gizadeathstar.com/ 

 _______________________________

2022 i sopravvissuti – Soylent Green (1973)

N.d.r: Se hai letto l’articolo, converrai che non siamo molto lontani da questo film del 1973 (46 anni fa) – “Il Soylent Green sono gallette (biscotti) fatte con il corpo dei defunti raccolti con mezzi usati per i rifiuti; i mari e gli oceani sono diventati sterili, il plancton si è esaurito”

 

®wld

L’altra colazione della Kellogg’s

Lascia un commento

Kelloggs-All-Together-Cereal-Spirit-Day

 

Kellogg’s introduce nuovi cereali gay per insegnare ai bambini come diventare transgender mentre mangiano a colazione cibo spazzatura  trasformato

 

( Natural News)

Ti svegli mai la mattina e pensi a te stesso, accidenti, vorrei che i miei cereali per la colazione fossero solo un po ‘più gay . Bene, non temere, Kellogg’s è qui con un nuovissimo cereale per la colazione gay che la compagnia spera incoraggerà più bambini a “essere se stessi”, anche facendo in modo che i cambiamenti sessuali diventino “transgender”.

 

Secondo i rapporti, il nuovo “All Together Cereal” di Kellogg’s combina Corn Flakes, Froot Loops, Frosted Flakes, Frosted Mini Wheats, Raisin Bran e Rice Krispies “esclusivamente insieme” in una scatola viola brillante con la scritta “Insieme” impressa su fronte e retro in un display a colori arcobaleno LGBT.

In coincidenza con il recente “Spirit Day” di Gay & Lesbian Alliance Against Defemation (GLAAD) il 17 ottobre, il rilascio di All Together Cereal di Kellogg’s è uno sforzo per promuovere “l’uguaglianza e l’inclusione sul posto di lavoro, sul mercato e nelle comunità in cui lavoriamo e viviamo ”, afferma Priscilla Koranteng, responsabile della diversità di Kellogg.

Secondo Koranteng, Kellogg’s ha anche donato $ 50.000 a GLAAD per continuare a promuovere l’agenda LGBT per i bambini, che presumibilmente include avere bambini drag queen lettori nelle biblioteche pubbliche.

“Apparteniamo tutti insieme”, dice Kellogg’s sul suo sito web sul suo nuovo cereale gay, sottolineando il tema della coesistenza LGBT come parte della sua tattica di marketing.

“Quindi, per la prima volta nella storia, le nostre famose mascotte e cereali sono offerti esclusivamente insieme nella stessa confezione per All Together Cereal”, continua il sito web spiegando. “È un simbolo di accettazione, non importa come sembri, da dove vieni o chi ami. Crediamo che tutte le persone meritino un ambiente in cui possano essere il meglio di sé.”

Per notizie più correlate su come tutto sta politicizzando in questi giorni, compresi i cereali per la colazione dei bambini, assicurati di dare un’occhiata a PoliticalCorrectness.news .

Fare colazione gay è costoso, poiché All Together Cereal di Kellogg costa $ 20

A quanto pare Kellogg’s ha l’impressione che essere gay e godersi i cereali per la colazione significhi che hai anche un sacco di soldi da bruciare, visto che secondo quanto riferito, All Together Cereal costa $ 19,99 per scatola di “edizione speciale”.

In altre parole, al fine di celebrare appieno il tuo “orgoglio” prima di andare al lavoro, dovrai erogare circa sei volte il prezzo normale per la stessa schifezza carica di zucchero, OGM (geneticamente modificata) prodotta da Kellogg’s per persone eterosessuali.

Nulla dice “accettazione” e “tolleranza” come soffiare l’intera busta paga sui cereali arcobaleno, dopo tutto. E le speranze di Kellogg farai proprio questo per celebrare i membri della setta LGBT squilibrati che tagliano le loro parti intime e prendono ormoni artificiali nei vani tentativi di cambiare genere.

Questa malattia mentale di massa, secondo Kellogg’s, è qualcosa da celebrare a colazione con i tuoi figli – e se non sei d’accordo, beh, allora sei un bigotto non svegliato.

Quelli che un tempo erano personaggi dei cartoni animati innocenti come Tony the Tiger e Toucan Sam sono stati trasformati da Kellogg in icone LGBT che, a un prezzo basso e basso di soli $ 20 per scatola, possono sashay sul tavolo della colazione e ricordare a te e ai tuoi figli che genere è un costrutto sociale e che puoi ancora essere una “donna” anche se hai un pene.

“Se non c’è alcun respingimento su cose come questa e” drag queens “che leggono storie perverse ai bambini delle biblioteche, entro cinque anni le persone saranno etichettate come” pedofobiche “per difendere i bambini dai pedofili”, ha scritto un commentatore di Newsbusters . “Perché le persone non sono infuriate da questo?”

“Perché il pubblico non è stato infuriato per tutto il sudiciume degli ultimi 55 anni?”, Ha scritto un altro, rispondendo al primo commentatore. “Il pubblico è peggio che stupido.”

Per notizie più correlate sull’agenda LGBT rivolta a bambini innocenti, visitare Evil.news.

Le fonti per questo articolo includono:

Newsbusters.org

NaturalNews.com

 

Fonte: https://www.naturalnews.com/

 

®wld

I Sopravvissuti

Lascia un commento

anni '60

Come ha fatto la nostra generazione a sopravvivere ai cibi contenenti lattosio? Come siamo potuti crescere senza omogeneizzati, integratori, ormoni e multivitaminici?

external-content.duckduckgo.com

Come siamo vissuti senza Coca zero, Red Bull, aperitivi e long drink, se aspettavamo la domenica per bere l’acqua gasata con polverine disciolte? Come abbiamo superato gli inverni rigidi col panino nella cartella, senza le merendine, la nutella e gli immunostimolanti

Come ci siamo accontentati della merenda del pomeriggio fatta di pane, burro e zucchero, senza ricorrere ai centrifugati di frutta e verdura?

Come abbiamo superato le sere d’estate con una fetta di anguria per strada, senza la baldoria degli happy hour? Come abbiamo sopportato la punizione di un professore, e abbracciato incontrandolo dopo tanti anni, senza aggredirlo con l’approvazione dei genitori?

Come abbiamo potuto corteggiare la compagna di banco senza epilazione sul petto, e un fisico da bodybuilding? Come abbiamo potuto fare a meno del personal trainer, avendo giocato solo a calcetto sui terreni sterrati, mentre il compagno più sfigato faceva da arbitro?

Come siamo sopravvissuti alle ginocchia sbucciate e disinfettate con la sola saliva, senza ricorrere ad antibiotici antisettici e medicazioni?

Come siamo riusciti ad incontrarci con la ragazza se non esisteva il cellulare e gli unici sms erano un bigliettino nel diario e un bacio rischiato? Come accettava di uscire con noi, se andavamo a prenderla a piedi sapendo che volevamo regalarle le ali?

 

Come abbiamo potuto scrivere poesie e comporre canzoni senza l’uso del computer? Come siamo riusciti ad aspettare un tempo infinito per dare il primo bacio, se ora è l’ultimo ad arrivare dopo un amplesso?

 

Eppure, la nostra generazione che non faceva l’alba, ha saputo sognare. Perché il cibo più sano che l’ha nutrita, era la speranza.

 

®wld

Older Entries