Home

I passaporti immunitari rappresentano una minaccia per la nostra privacy e sicurezza delle informazioni

1 commento

Di Alexis Hancock e Karen Gullo

Con gli stati che iniziano ad allentare le restrizioni sul posto sul posto, la conversazione su COVID-19 si è rivolta a domande su quando e come possiamo tornare al lavoro, portare i bambini a scuola o pianificare i viaggi aerei.

Diversi paesi e stati degli Stati Uniti, tra cui Regno Unito, Italia, Cile, Germania e California, hanno espresso interesse per i cosiddetti “passaporti di immunità”, un sistema che richiede alle persone di presentare presunte prove di immunità a COVID-19 per accedere spazi pubblici, siti di lavoro, aeroporti, scuole o altri luoghi. In molti schemi proposti, questa prova verrebbe archiviata in un token digitale su un telefono. I passaporti di immunità minaccerebbero la nostra privacy e sicurezza delle informazioni e costituirebbero un passo significativo verso un sistema di identificazione digitale nazionale che può essere utilizzato per raccogliere e archiviare le nostre informazioni personali e tracciare la nostra posizione.

Si presume che i passaporti dell’immunità aiutino a combattere la diffusione di COVID-19. Ma ci sono poche prove che lo avrebbero effettivamente realizzato.

A livello pratico, non esiste attualmente alcun test per l’immunità COVID-19; quello che abbiamo sono test anticorpali. Ma non sappiamo se le persone con anticorpi hanno immunità. Nel frattempo, c’è stata un’ondata di test imperfetti e schemi di marketing fraudolenti sui test anticorpali. Anche quando i test validati sono ampiamente disponibili, potrebbero non essere precisi al 100%. Il sistema dovrebbe essere un dispositivo di avviamento a meno che non sia in grado di garantire il giusto processo per coloro che desiderano contestare i risultati dei test. Questo è stato spesso un problema prima; come abbiamo visto con le liste “no-fly” create dopo l’11 settembre, è molto difficile uscire dalla lista, anche per coloro la cui inclusione è stata un errore.

Il problema con i passaporti dell’immunità non è solo medico, è etico. L’accesso ai test COVID-19 e ai test anticorpali è discutibile. I rapporti abbondano di persone che temono di essere state infettate disperatamente nel tentativo di sottoporsi a test inutili. L’analisi ha dimostrato che gli afroamericani hanno molte meno probabilità di essere sottoposti a test sui pazienti bianchi, ispanici o asiatici prima che finiscano al pronto soccorso. I siti di test mobili gestiti da Verily (una consociata di Alphabet parent di Google) richiedono alle persone di avere uno smartphone e un account Google. I residenti nel quartiere Tenderloin di San Francisco , uno dei quartieri più poveri della città, sono stati allontanati dai siti di prova perché non avevano telefoni cellulari.

Richiedere una verifica dell’immunità basata su smartphone per accedere agli spazi pubblici come gli uffici e le scuole aggraverebbe le disuguaglianze esistenti e rafforzerebbe un sistema a due livelli di privilegiati, che possono muoversi liberamente nella società e i vulnerabili, che non possono lavorare, fare acquisti o frequentare la scuola perché non hanno un telefono cellulare o l’accesso ai test. Siamo stati qui prima. Quando la febbre gialla colpì il Sud negli anni ’50 del XIX secolo, quelli che si ritenevano “non acclimatati” dalla malattia erano disoccupati. Ciò ha gravato sui neri e sui redditi più bassi rispetto ai membri privilegiati della società.

Come abbiamo visto allora, il condizionamento dell’accesso alla società sull’immunità incentiva la “ricerca di bug”, vale a dire, le persone cercano deliberatamente di ammalarsi per ottenere il passaporto dell’immunità. Nessuno dovrebbe esporsi a una malattia potenzialmente mortale senza cure per trovare lavoro.

Rischi di passaporti di immunità digitalizzati

La spinta per i passaporti dell’immunità è stata in gran parte basata sulla promessa di soluzioni tecnologiche per una crisi della salute pubblica. Una proposta di legge in California, ad esempio, userebbe la tecnologia blockchain per facilitare un sistema di passaporto dell’immunità sugli smartphone delle persone. Siamo contrari a questo disegno di legge. I progressi tecnologici come la tecnologia blockchain o altri metodi di implementazione non affrontano le nostre obiezioni a questo tipo di sistema in sé.

Inoltre, i passaporti di immunità in formato digitale potrebbero normalizzare i documenti di prova dello stato in formato digitale più in generale. I sostenitori dei passaporti dell’immunità visualizzano un mondo in cui non possiamo attraversare una porta verso un posto di lavoro, una scuola o un ristorante fino a quando il gatekeeper non analizza le nostre credenziali. Ciò abituerebbe i guardiani a richiedere tali credenziali di status e abituerebbe il pubblico a sottomettersi a tali richieste.

Questo sistema digitale potrebbe essere facilmente ampliato per controllare non solo lo stato di immunità di una persona, ma qualsiasi altra informazione personale che un gatekeeper potrebbe ritenere rilevante, come l’età, la gravidanza, lo stato dell’HIV o la storia criminale. Il sistema potrebbe anche essere adattato per documentare non solo lo stato di una determinata persona, ma anche quando quella persona passava attraverso una porta che richiedeva la prova di tale stato. E tutti i dati di tutti questi passaggi potrebbero essere accumulati in un database. Questo sarebbe un passo preoccupante verso l’identificazione nazionale digitale, a cui il FEP si è opposto da tempo perché creerebbe nuovi modi per monitorare digitalmente i nostri movimenti e attività.

La documentazione in formato digitale comporta anche il rischio di presentare tale documentazione sotto coercizione a varie autorità. Consegnare il telefono alla polizia, sbloccato o meno, comporta rischi significativi, in particolare per le persone nelle comunità vulnerabili, rischi che potrebbero portare a conseguenze indesiderate per il presentatore e un potenziale abuso di potere da parte delle forze dell’ordine.

Inoltre, richiedere alle persone di archiviare i risultati dei test medici in formato digitale esporrebbe le informazioni mediche private al pericolo di violazioni dei dati. Ancora una volta, questa non è una novità: abbiamo visto esattamente questi tipi di violazioni in passato quando le informazioni mediche sono state digitalizzate e raccolte. Proprio l’anno scorso, ad esempio, un database sull’HIV a Singapore ha trapelato le informazioni personali di oltre 14.000 persone che vivono con l’HIV.

Dovremmo imparare dai nostri errori passati e garantire che la tecnologia funzioni per potenziare le persone, invece di creare nuove vulnerabilità.

Fonte: EFF.org

Credito d’immagine: BioEdge.org

Fonte articolo: https://www.activistpost.com/

*************************************************

Correlati:

Coronavirus: un gioco psicologico di gestione della percezione

COVID-19 segna la fine del liberalismo occidentale e il trionfo della tecnocrazia

Una tirannia medica

®wld

Complottando ma … non troppo!

Lascia un commento

Proteste di Lockdown – Il Grande Risveglio in tutto il mondo Enorme Compilazione Maggio 2020 – QUI il link alternativo nell’eventuale rimozione

MONTANARI II – LA RIVINCITA – vediamo se anche questo video verrà rimosso QUI le motivazioni sulla violazione della “community” – Poliziotti attoniti e increduli QUI

IN GERMANIA SI STANNO RIBELLANDO SUL SERIO (ndr) e noi multati ma…solo alcuni – Dicono: Video non disponibile Questo video è stato rimosso dall’utente che lo ha caricato

 

https://mail.google.com/mail/u/0?ui=2&ik=d230fda565&attid=0.1&permmsgid=msg-f:1666507597025746186&th=17209fd478359d0a&view=att&disp=safe&realattid=17209fb280dc0b3df411Silvana Demari #complottista 11 Maggio  silvana.demarchiocciolalibero.it

______________________________________________________________________

QUI invece: Portano via un bambino alla madre per non mantenere la distanza sociale! Qui non si tratta neppure più di dittatura, qui si tratta di sorprusi inumani! Due risposte a frequenti commenti: 1) E´recentissimo ed è avvenuto in Australia dove l’uso di mascherine (come in Germania) non è obbligatorio in luoghi aperti. Ma se anche non fosse recente NULLA giustificherebbe un tale comportamento. 

2) Se c’è una legge va rispettata. Con questo ragionamento allora tutti i nazisti dovrebbero essere scusati: obbedivano agli ordini. ANZI, ovviamente non si giustificano, ma e´più comprensibile il comportamento dei nazisti che quello degli odierni poliziotti. I nazisti o ubbidivano o finivano fucilati. I poliziotti odierni NON RISCHIANO NULLA, ma agiscono di propria volonta´. Non per nulla nelle forze dell´”ordine” abbiamo una grande percentuale di individui con QI basso e particolarmente crudeli. Devono solo UBBIDIRE. CHIUNQUE che abbia un minimo di intelligenza ed empatia non puo´che indignarsi.

______________________________________________________________________

  

 

Twitter alza la barra della censura su COVID-19

 

Twitter è pieno di tecnocrati che vogliono controllare la narrazione di ogni problema. Una volta iniziata la censura su COVID-19, è andata in una sola direzione: più di essa. Ora, Twitter ti avvertirà e / o censurerà su tutto ciò che differisce dalla narrativa ufficiale WHO / CDC. ⁃ Editor TN  

 

Sembra che sia stato solo ieri che  abbiamo sottolineato  che la macchina censuratrice di Twitter era andata in overdrive, occupandosi di commenti meschini di polizia e parolacce. Ora, la macchina della censura sta scivolando ancora più in basso lungo il pendio scivoloso.

In un  post sul blog  pubblicato ieri, Twitter ha affermato che sarebbe “l’introduzione di nuove etichette e messaggi di avviso che forniranno ulteriori contesto e informazioni su alcuni tweet contenenti informazioni contestate o fuorvianti relative a COVID-19”. 

 

In altre parole, gli sforzi del sito per sorvegliare la discussione sul coronavirus usando l’OMS come una rubrica di verità – che ha portato al divieto permanente di Zero Hedge  dal sito  di prevedere con precisione che l’Istituto di Virologia di Wuhan era probabilmente al centro dell’attuale pandemia globale – è stato abbastanza. 

 

Il sito afferma che ora aggiungerà etichette ai Tweet “contenenti informazioni potenzialmente dannose e fuorvianti relative a COVID-19” e che la modifica sarà adattata a tutti i Tweet precedenti.

 

Le etichette si collegheranno a una “pagina curata da Twitter  o a una fonte attendibile esterna contenente informazioni aggiuntive sui reclami presentati all’interno del Tweet”.

 

Gli avvisi potrebbero anche essere applicati ai Tweet, ha detto il sito. Gli avvertimenti “informeranno le persone che le informazioni contenute nel Tweet sono in conflitto con le indicazioni degli esperti di salute pubblica prima che le visualizzino.”

 

Twitter ha dichiarato che agirà in base a tre grandi categorie:

  • Informazioni fuorvianti  : dichiarazioni o affermazioni che sono state confermate false o fuorvianti da esperti in materia, come le autorità di sanità pubblica.
  • Reclami contestati  – dichiarazioni o asserzioni in cui l’accuratezza, la veridicità o la credibilità del reclamo sono contestate o sconosciute.
  • Reclami non verificati  : informazioni (che potrebbero essere vere o false) non confermate al momento della condivisione.

Ha quindi pubblicato questo grafico vago, che fa ben poco per chiarire qualsiasi cosa:

 

 

Leggi la storia completa qui …

 

®wld

LA SESTA COLONNA

Lascia un commento

 

Competenza di Dugin: la globalizzazione è abolita – cosa verrà dopo? 

Ciao, stai guardando la competenza di Dugin. 

Il video di oggi è stato creato in circostanze insolite – in quarantena e auto-isolamento. Sebbene l’argomento sia già mortalmente noioso per tutti gli spettatori e le persone, così come lo è la quarantena stessa, volevo ancora dire alcune parole su come capisco tutto ciò che sta accadendo. 

 

Ci sono molte interpretazioni diverse, posizioni diverse – ma vorrei prestare attenzione a una cosa. Il fatto è che nel corso dei cambiamenti che sono già avvenuti nell’economia mondiale, nella politica, nella cultura, nelle tecnologie, nelle strutture di gestione e amministrazione in quasi tutti i paesi del mondo – da questo punto di vista, stiamo già vivendo una realtà completamente nuova.

 

Non si tratta se questo o quel paese stia combattendo il coronavirus in modo efficace o meno, se le autorità russe stiano agendo correttamente o no – non importa nemmeno se la minaccia del coronavirus fosse abbastanza grave da richiedere la demolizione del economia mondiale e sistema globale globale di governance. Questo è tutto secondario.I fatti che possono essere discussi tranquillamente e consapevolmente sono molto più ovvi di un numero enorme di ipotesi, opinioni, opinioni su come il mondo sta affrontando il coronavirus. 

 

Il primo punto che vorrei sottolineare: un sistema globale di governance basato sul liberalismo, la democrazia liberale, il mercato mondiale, la società aperta e il movimento di tutti i paesi a diverse velocità verso un unico mondo globale – l’intera linea ha fallito. Allo stesso tempo, molte persone dimenticano che solo 2 mesi fa, con tutte le resistenze di Cina e Russia offerte nella multipolarità della difesa, le cosiddette tendenze globali e fondamentali della civiltà umana si stavano ancora muovendo verso la globalizzazione. 

 

Abbiamo parlato molte volte della multipolarità e ne siamo ancora sostenitori. Ma se osserviamo come le istituzioni di controllo, governance e influenza del sistema democratico liberale sono penetrate nella Federazione Russa, come è stata effettuata la digitalizzazione, come la democrazia digitale, sebbene con un numero di fallimenti, alla fine sia penetrata nella nostra società, come i rappresentanti dell’élite globale (la “sesta colonna”) controllavano i principali processi della nostra società in larga misura, anche in Cina …  

 

Si potrebbe dire che prima del coronavirus, il globalismo stava vincendo. Sia nel caso della Cina che della Russia, non si trattava di decidere se spostarsi o meno nella direzione dell’Occidente (democrazia liberale), ma in quale direzione muoversi – e con quale velocità muoversi. E in questo caso, la Russia e la Cina hanno solo proposto un rallentamento: “rimandiamo, non ora, ma domani”.

Loro (in qualche modo la Cina e la Russia in pieno) non offrivano alcuna alternativa all’ordine mondiale globale: “Ok, ma non così in fretta per favore. LGBT + sì, ma non ora, apri la democrazia libera, il cambiamento di tutte le strutture con il cosiddetto globale istituzioni del governo mondiale, ma rimandiamolo per domani, diamo l’opportunità di mantenere il sistema di governance in uno stato di transizione per un po ‘più a lungo e aspettiamo che prepareremo la nostra società,il governo mondiale sarà comunque istituito … “ 

Prima dell’inizio dell’epidemia di coronavirus, andavamo tutti in quella direzione e discutevamo più o meno solo della velocità con cui si verifica. Ecco perché la “sesta colonna” in Russia – liberali, sostenitori della via occidentale di sviluppo, capitalismo mondiale, sistema borghese, mercato, democrazia e ideologia dei “diritti umani” – durante i 20 anni del dominio di Putin, non è stata ripulita e fu persino schiacciato. Come era prima, così è adesso.

Continua a mantenere le sue posizioni principali nella struttura di potere. Perché né Putin né i conservatori si sono posti il ​​compito di proporre un progetto alternativo per lo sviluppo futuro. Siamo andati tutti verso lo sviluppo di una società globale. Anche la Cina (con tutta la sua resistenza e il desiderio di adattare la globalizzazione ai suoi interessi economici nazionali) faceva parte di questo processo. 

 

Pertanto, la multipolarità era solo il nostro desiderio: coloro che non volevano stare al passo con i globalisti venivano presentati come oppositori della globalizzazione. Ma non stavamo parlando del fatto della globalizzazione, ma solo della velocità – ora o domani. I conservatori volevano solo ritardare il momento inevitabile, eppure lasciavano entrare il mercato, la digitalizzazione, le nuove tecnologie, le nuove tendenze dell’istruzione e della cultura nella loro società. 

 

La globalizzazione ha attaccato e penetrato la nostra società – ha avuto un supporto fondamentale di fronte a una parte significativa (se non alla maggioranza) delle élite al potere, nelle società russe e in altre. Quindi, ci stavamo muovendo a velocità diverse nella stessa direzione. 

 

E improvvisamente questo modello, questo obiettivo, questo orizzonte verso il quale l’umanità si stava muovendo, si rivelò incapace di superare il problema del coronavirus. 

Questo porta alla nostra prima osservazione: il nostro movimento non può continuare nella stessa direzione, almeno nella stessa forma. Questa è una questione di principio: siamo entrati in una crisi fondamentale, un’era di catastrofe paragonabile alla prima e alla seconda guerra mondiale (almeno dato che crisi come il crollo della borsa di New York e dell’Europa alla fine hanno portato alla seconda guerra mondiale). 

 

In effetti, siamo in una crisi fondamentale dell’ordine mondiale – e se dopo il crollo dell’URSS fosse possibile in qualche modo mantenere il resto del sistema, avendo abbandonato o perso il modello sovietico, oggi l’unico polo geopolitico rimasto, il unico punto di riferimento del mondo, è crollato. Le conseguenze di ciò sarebbero difficili da sopravvalutare. 

 

L’ordine mondiale è crollato. O è già crollato o sta per: il sistema mondiale non sarà in grado di tornare al suo stato pre-coronavirus. La domanda non è più quanto velocemente accadrà, dal momento che non sarà affatto possibile. Abbiamo un futuro completamente imprevedibile davanti a noi. Era assolutamente prevedibile fino all’ultimo momento: tutti discutevano solo ora o più tardi, tutti discutevano della velocità, ma non della direzione. L’umanità si stava muovendo verso l’ontologia orientata agli oggetti,

 

un unico governo mondiale, a diverse velocità – qualcuno si affidava alla comprensione di essere stati condotti al macello (come la Russia), la Cina stava cercando di essere coinvolta nel processo nei propri interessi, per cavalcare la tigre,scivolare tra vicinanza e apertura (aveva almeno una prospettiva maggiore) – ma tutti stavano andando in una direzione. Ora abbiamo raggiunto un punto in cui è impossibile continuare a farlo, c’è stato un problema tecnico, una crisi fondamentale dell’efficacia dei sistemi di controllo di gestione …

Nel cuore della globalizzazione, è apparso il virus – con frontiere aperte, la capacità di viaggiare ovunque, in un’economia mondiale completamente dipendente dalla delocalizzazione (produzione in un posto, centro finanziario in un altro, gestione politica nel terzo, militare nel quarto. ..).

La dispersione di centri di influenza in tutto il mondo e l’apertura dei confini, l’apertura delle società di fronte al coronavirus, non li hanno resi in grado di far fronte a questa sfida (ad esempio sviluppando un vaccino o arrestando la diffusione del virus), potevano non rispondere all’epidemia.

 

La diffusione globale del virus divenne rapidamente un fatto compiuto – nessun vaccino, nessuna azione efficace – tutte le società iniziarono a sopravvivere come meglio potevano, tutte le società chiuse. Siamo convinti che questo sia temporaneo, che tutto si aprirà presto – ma non c’è niente di più eterno di qualcosa di “temporaneo”. Non solo nel nostro paese, ma in generale. La reazione di persone, governi, sistemi amministrativi al coronavirus è stata la stessa: chiudere. Non aprire ancora di più, non rivolgersi a strutture transnazionali (che dovrebbero dimostrare la loro efficacia in queste condizioni

… Al contrario, tutti, ovunque, chiusi: regioni e stati chiusi, le persone sono state costrette a rimanere nella loro case, interi paesi erano chiusi, centri pubblici chiusi – tutto era chiuso.Questa è l’unica risposta efficace alla minaccia del coronavirus. Il liberalismo e il globalismo hanno creato le condizioni più favorevoli per la diffusione dell’infezione globale – e quando si è verificato, non hanno avuto risposta. L’intero sistema è inefficace. Questa è una conclusione fondamentale.  

 

E cosa succede dopo? E come usciamo? Quando usciremo dalla quarantena? Ma prima di tutto, dobbiamo renderci conto che ciò che è accaduto è irreversibile. Il mito sull’ultimo, l’unico polo – il futuro occidentale, il liberalismo, i diritti umani, la società civile, la globalizzazione, il capitalismo e la sua incondizionata efficacia – è crollato. Tutto questo è andato.  

 

Qual è il prossimo? Spazio aperto, qualcosa di ancora più spaventoso. Se l’ultimo polo è caduto, nessuno accetterà nulla automaticamente. La Cina stessa ha sofferto molto. Sebbene abbia fatto meglio di altri, l’intera economia e il sistema cinesi, la prosperità del paese, si basavano su un’effettiva partecipazione alla globalizzazione. Quando Trump ha chiuso le attività cinesi, le attività commerciali in America e la Belt and Road Initiative sono state temporaneamente sospese: la Cina ha dovuto affrontare una sfida che sarebbe stata difficile da affrontare.

 

In ogni caso, nessuno accetterà il sistema cinese – almeno non ora. Nonostante il coronavirus e la dimostrazione dell’efficienza del governo, la Cina è un paese prospero solo grazie al suo coinvolgimento nei processi globali. Di conseguenza, non è un sistema che può essere accettato come alternativa. Tuttavia, la Cina deve essere presa sul serio,dato che è finito nella migliore posizione rispetto all’epidemia. 

 

Il futuro è ora aperto. Un futuro prevedibile e stantio si incarnò nell’economia e nella politica occidentali e nella diffusione della “sesta colonna” – élite orientate all’occidente che controllavano i centri vitali chiave delle società, anche in Cina, nella sfera economica. Oggi, quelle forze si scatenano da un colpo colossale. 

 

Ciò che era prevedibile è diventato imprevedibile, ciò che era garantito ora è tutt’altro che e il guasto del sistema richiede nuove risposte. Allora cosa sono? Non vorrei saltare alle conclusioni. Capire che non c’è via di ritorno è un’idea così fondamentale che bisogna pensarci da soli durante l’intera quarantena senza andare oltre. Se non c’è ritorno, allora cosa ci aspetta? 

 

La seconda conclusione mostra una profonda paralisi della volontà: emergeranno teorie della cospirazione che suggeriscono che i globalisti lo hanno fatto apposta, che non possono più continuare il modello di governance mondiale che avevano praticato a lungo e che si sono posti il ​​compito di ridurre la loro popolazione, di stabilire una sorveglianza diretta in una dittatura digitale, di introdurre microchip, di vaccinazioni su scala globale e di istituire un governo mondiale non in una forma morbida dalla società civile, ma in una forma dura: se vuoi vivere, prendere il vaccino e, in esso, forse, un ulteriore gene di controllo.

Da qui l’orrore, il panico e la paralisi del futuro. Il futuro è ancora una volta determinato – solo che non sarà un graduale movimento verso la globalizzazione, ma più acuto e più duro, la democrazia sarà definitivamente eliminata, verrà istituita una dittatura satanica liberale globale, le chiese chiuderanno, la “sesta colonna” che controlla che lo stato passerà rapidamente al dominio totalitario.

E invece della pseudo-democrazia, verrà istituita la tirannia globale della schiavitù digitale e dei campi di concentramento, e la quarantena e l’isolamento vengono istituiti per questo scopo. Tali sentimenti sono molto popolari nella nostra società e in tutto il mondo e dagli studi sulla cospirazione è emersa un’intera tendenza.

I media hanno iniziato a censurare queste idee e chiamandole notizie false. Queste idee sono soggette a rigida censura,il che spinge le persone a convincersi solo che esiste un piano del genere. 

 

Tuttavia, tieni presente che la teoria di una cospirazione mondiale ha, a mio avviso, due difetti fondamentali. La prima è la mancanza di volontà. Le persone che lo notano non sono pronte a dire di no, a resistere, a proporre un progetto alternativo dicendo che una volta che il mondo è crollato, costruiamone uno nuovo. Credono che il prossimo passo sia completamente predeterminato, non si può fare altro che cadere nella disperazione e protestare istericamente nel loro isolamento o cercare di sfuggire alla supervisione. 

Tutte queste reazioni indicano che le persone non sono pronte per il futuro. Se il sistema ha fallito, in questo momento, si è aperta una finestra, un momento di opportunità; dovremmo e potremmo far avanzare il nostro piano alternativo per il futuro. Ma invece, sentiamo “di cosa stai parlando, quale piano alternativo? Tutto è predeterminato!” È così che uccidiamo e paralizziamo la nostra volontà. 

 

Se pensiamo che il sistema mondiale globale sia scivolato e crollato, dobbiamo pensare a ciò che dobbiamo fare dopo: creativo, significativo e, naturalmente, rischioso (costruire il futuro è sempre rischioso). Ma almeno questo risveglia l’insubordinazione in noi. E la teoria della cospirazione secondo cui tutto ciò è intenzionale, che non esiste alcun virus – questo negazionismo paralizza ogni sforzo, speranza e desiderio di fare qualcosa di costruttivo, dato che il modello unipolare è collassato con il coronavirus. 

 

Ancora una cosa: c’è stato un appello alla “sesta colonna”. “La sesta colonna” è un parassita. Le reti di influenza liberale in ogni società non sono solo liberali convinti. Tra questi, non ci sono molti fanatici che seguirebbero il globalismo verso il totalitarismo satanico. Ci sono sostenitori di Ayn Rand e dei liberali satanisti che odiano veramente il lavoro, la società, le persone e la giustizia sociale, ma ce ne sono pochissimi. Le masse semplicemente credevano nell’efficacia di questo sistema e delle élite globali, erano convinte che avrebbe funzionato senza intoppi e in linea con il modello dominante. 

 

Ora, di fronte al coronavirus, la maggior parte dell’élite globale è completamente confusa. In realtà sono disarmati dal fatto che il loro “simbolo di fede”, i loro scambi, i prezzi del petrolio, le loro tendenze, le loro fonti di reddito, sono crollati. Nel complesso, sono in stato di shock. Semplicemente non sono pronti per la prospettiva di stabilire una dittatura globale dell’anticristo, soggettivamente o emotivamente. 

 

Ciò non significa che non esiste una tale minaccia. In effetti, a giudicare da ciò che gli oratori estremisti del liberalismo globale, le persone antidemocratiche e completamente ciniche come Bernard Henri Levy, George Soros, Mark Zuckerberger o Bill Gates, stanno cercando di dirci, sembra abbastanza probabile che ci sia. 

In effetti, l’idea di utilizzare la situazione attuale per istituire un campo di concentramento postliberale digitale gestito dalle élite politiche ed economiche occidentali è rilevante, ma guardando a come lo fanno, lo stupore dei loro stessi sostenitori e delle loro sette globaliste alla testa di molti stati, compresa una parte significativa dell’élite al potere russa, si può solo concludere che nessuno di loro era pronto per la situazione attuale in anticipo.

 

Se tentano di utilizzare la situazione per far avanzare ulteriormente i piani di cifratura, vaccinazione e creazione della tirannia, che non possono essere esclusi, non avranno automaticamente e facilmente successo. Dobbiamo essere pronti per questo, ma la cosa più importante, penso, è che dobbiamo fissare le posizioni più fondamentali nella storia del coronavirus.Il sistema mondiale che esisteva e sembrava eterno tre mesi fa è già crollato. Viviamo, se lo confronti con l’Unione Sovietica, proprio all’ultimo momento, l’ultimo secondo della sua esistenza. 

 

Siamo ora tra la fine del 1990 e l’inizio del 1991 e non ci sarà modo di tornare al periodo precedente. 

 

Non escludo la possibilità che accada qualcosa di peggio, dobbiamo essere preparati anche per quello, ma cosa ci impedisce di approfittare di questa situazione?

Tutto ciò che sta accadendo non sta accadendo da solo e ci sono molti rischi e pericoli, ma penso che oggi dobbiamo presentare un nuovo programma mondiale, un programma per una nuova umanità, un nuovo programma di sistema economico, sociale, politico, educativo , completo di una nuova cultura e una nuova civiltà.

Dobbiamo considerare il crollo dell’ordine mondiale globale come un’opportunità, un’opportunità. Non è un dato di fatto che saremo in grado di sfruttare questa opportunità, non è un dato di fatto che vinceremo, non è un dato di fatto che saremo anche in grado di iniziare questa guerra per il futuro – ma siamo in un situazione in cui sarà possibile farlo per qualche tempo. 

La finestra delle opportunità potrebbe chiudersi in un modo o nell’altro, ma l’attuale quarantena, a mio avviso, dovrebbe essere utilizzata principalmente per concentrarsi sull’immagine del futuro.  

 

Anche qui i patrioti e i sostenitori della giustizia sociale, della destra, della sinistra e di tutti gli oppositori del sistema mondiale liberale globale devono unire le forze. È necessario lasciare offese e differenze ideologiche in passato, dobbiamo creare un quartier generale per progetti di civiltà alternativa, contatto con rappresentanti di altre culture e popoli, che si trovano in situazioni molto simili.

Oggi nessuno ha una mappa per il futuro ed è più difficile che mai per i globalisti imporre la propria volontà senza alternative e senza ostacoli. Stanno andando peggio che mai. Se stiamo andando male, l’élite al potere sta andando molto peggio, perché l’intero modello con cui hanno sfruttato ideologicamente e quindi economicamente, politicamente e socialmente le masse del mondo ha toccato il fondo e collassato. Oggi,le persone hanno la possibilità di ribellarsi al sistema unipolare globalista e questa possibilità deve essere colta.

 

®wld 

Il Ministero della Verità

Lascia un commento

Questo è il link da far girare: youtu.be/mvDrRYvqBfo Grazie

 

 

 

Video-appello collettivo contro la censura della rete e a favore della libertà di espressione. PER FAVORE NON RICARICATE IL VIDEO SU ALTRI ACCOUNT, altrimenti le visualizzazioni si disperdono. Fate invece circolare questo link: https://youtu.be/mvDrRYvqBfo. Grazie. 

®wld 

E-Mail: leggerne il contenuto è un giochetto da ragazzi

Lascia un commento

Email sicure e criptate 

Marcello Pamio

La nostra identità quando siamo in Rete si basa fondamentalmente su due cardini: la connessione (Sim del telefono dell’operatore scelto) e l’indirizzo email. Identità ovviamente a rischio, se l’email o il numero di telefono infatti vengono compromessi, avremo moltissimi problemi seri.

In Italia dal 2017 la Guardia di Finanza può leggere tranquillamente tutte le email senza il nostro consenso, cioè a nostra insaputa. Per non parlare dell’intelligence, come l’Agenzia per la Sicurezza nazionale statunitense…

Tra le comunicazioni più facili da spiare ci sono proprio le mail perché basta avere l’accesso ai server del provider sul quale viaggiano i dati. Questi dati di solito vengono conservati per qualche tempo (non sappiamo quanto) e chiaramente non sono criptati, quindi leggerne il contenuto è un giochetto da ragazzi.

Tutta la nostra vita viaggia sotto forma di byte nel web, e le nostre email vengono e rimangono memorizzate nei mega server di pochi colossi del web.

Ma cosa succede alle email che eliminiamo? Siamo sicuri che spariscano veramente o rimangono da qualche parte? Le decine di migliaia di e-mail cancellate, ma ancora conservate nei misteriosi cloud, un giorno anche molto lontano nel tempo, potrebbero essere usate contro di noi?

Ecco alcune soluzioni che garantiscono una certa sicurezza e privacy. 

 

ProtonMail

 

E’ il servizio che offre il miglior bilanciamento tra sicurezza e facilità nell’utilizzo.

Fa uso di un codice open-source e garantisce una cifratura end-to-end.

Questo significa che quando scriviamo una email, il messaggio verrà cifrato prima di essere inviato a Protonmail, rendendo la versione cloud completamente illeggibile senza la tua password.

E’ gratis per un account che può ricevere allegati per un massimo di 500Mb in totale, e per avere più spazio è necessario pagare un account Premium.

ProtonMail garantisce l’anonimato per chi possiede un account, senza richiedere dati personali identificativi in fase di registrazione e senza tracciare gli IP di accesso (e quindi la posizione dove lo stiamo usando). C’è la funzione anche per Android e iPhone.

ProtonMail non memorizza alcun dato una volta che viene eliminato, quindi quando si cancella una mail questa è irrecuperabile, a meno che non sia stata memorizzata in un backup, che viene rinnovato ogni 14 giorni, trascorsi i quali però viene eliminato definitivamente.

Anche se le email verso altri utenti ProtonMail sono crittografate, se si si ricevono email da servizi come Gmail, ProtonMail fa una scansione di queste e-mail per la protezione contro lo spam.

Tutti i dati sono memorizzati sul server di una società svizzera, paese la cui posizione è nota per essere dura e pura in materia di privacy e protezione dei dati.

Protonmail è sopravvissuto a attacchi hacker importanti che gli hanno permesso di guadagnarsi un’ottima reputazione.

Attualmente conta più di 30 milioni di utenti mensili ed è la soluzione ideale per chi vuole un account di posta sicuro, affidabile e anonimo, anche perché il datacenter si trova sotto 1000 metri di roccia granitica in un bunker super sorvegliato in grado di resistere ad un attacco nucleare.

 

Mailfence

 

Un altro tra i migliori servizi di posta sicura e crittografata in circolazione è Mailfence.

Mailfence è mantenuto in Belgio, paese che non risulta aver collaborato con la NSA per i programmi di sorveglianza e che ha leggi sulla privacy piuttosto forti a garanzia dei consumatori.

Garantisce la privacy delle email e di altri strumenti integrati come i calendari e l’archiviazione di documenti.

Non è open source, quindi non è possibile controllare come funziona in modo diretto e bisogna aver fiducia nell’azienda che lo cura, ContactOffice.

Mailfence supporta la crittografia end-to-end e supporta lo standard OpenPGP.
Al momento non fornisce applicazioni per smartphone    

 

Lavabit (da 30€ / anno)

 

Lavabit è stato uno dei pionieri in materia di privacy & anonimato sul web dal 2004.

Quando il governo degli Stati Uniti ha richiesto accesso ai dati sulle caselle lavabit – il fondatore ha preferito disattivare completamente il servizio per tutto il 2013 per poi rientrare in gioco con una crittografia end-to-end nel 2014.

Come nel caso di Protonmail, Lavabit è Opensource.

Era la posta elettronica cifrata usata da Edward Snowden, il whistleblower che ha avuto il merito di far conoscere al mondo la sorveglianza di massa e indiscriminata portata avanti dall’Agenzia per la sicurezza nazionale statunitense (Nsa). Usato da Edward Snowden per le sue operazioni contro il governo degli Stati Uniti.

Fonte: https://disinformazione.it/

®wld

Older Entries