Home

Chiesa cattolica – Alieni & Teorie Teologiche

Lascia un commento

Cosa succederebbe alla religione cattolica se annunciano l’esistenza della vita aliena? Credito: Narvii.com / Walkerssk / Pixabay. Edizione: Erick Nielssen.

Cosa accadrebbe alla “religione cattolica” se annunciassero l’esistenza della vita aliena? 

di Erick Nielssen Wonder 07 aprile 2020 dal sito web CodigoOculto

Un ipotetico annuncio dell’esistenza della vita extraterrestre … Potrebbe cambiare la dottrina cattolica su Dio e sulla creazione? Il sacerdote e l’astronomo gesuita esprime la sua opinione.

Il direttore dell’Osservatorio astronomico vaticano, José Gabriel Funes, ha affermato che la fede cattolica non cambierebbe se gli scienziati venissero ad annunciare l’esistenza della vita extraterrestre.

Questo prete e astronomo crede che Yahweh, il dio giudaico-cristiano, potrebbe aver creato forme di vita aliene su esopianeti. Ciò implicherebbe che Dio potrebbe essere in relazione con loro proprio ora. Gli astronomi hanno scoperto molti esopianeti considerati probabilmente abitabili e simili alla Terra.

Un esempio recente è il pianeta GJ 1061D situato a 12 anni luce dal nostro pianeta. È simile alla Terra …

Vita extraterrestre e Chiesa cattolica: teorie teologiche

Un altro esempio è la scoperta del 2017, quando la NASA ha annunciato la presenza di un sistema planetario extrasolare (al di fuori del Sistema Solare).  

La NASA ha affermato che tre di questi esopianeti si trovano in aree abitabili con caratteristiche di supporto vitale (come gli oceani di acqua).

Questi mondi alieni con un potenziale di sviluppo della vita hanno ispirato nella mente degli studiosi e del pubblico la questione di come la scoperta della vita su altri pianeti influenzerebbe le religioni, in particolare il cristianesimo e la Chiesa cattolica 

Cattedrale di San Pietro, Roma.Credito: papannon / Pixabay

Il prete e astronomo gesuita José Gabriel Funes, ex direttore dell’Osservatorio astronomico vaticano, ritiene che la vita extraterrestre non cambierebbe ciò che la Bibbia dice riguardo al dio giudeo-cristiano. 

Il gesuita disse in una dichiarazione:  

“I cattolici non hanno bisogno di cambiare la nostra visione dell’universo (…) Dio, nella sua libertà, avrebbe potuto creare altre creature che sono anche intelligenti e potrebbero far parte della creazione”.  

“Dio” potrebbe essere in relazione con gli alieni 

Secondo il pensiero di Padre Funes, Dio potrebbe aver creato e persino messo in comunicazione o in relazione con questi ipotetici alieni intelligenti. 

Tuttavia, forse “Gesù Cristo” non avrebbe predicato dove lo hanno fatto.

Per gentile concessione: jasonstadlander.com

Da parte sua, il teologo Vesa Nissinen dell’Università di Helsinki in Finlandia crede,  

Secondo gli ebrei, cristiani e il Vaticano, gli esseri umani sono le scelte persone di ‘Dio’ e per questo, sono loro che avrebbero dovuto predicare su Yahweh ad altre civiltà provenienti da altri pianeti. 

L’altra opzione dice che questo dio avrebbe potuto stabilire diversi tipi di salvezza per diverse civiltà.  

Va anche notato che Papa Francesco ha affermato che se alcuni alieni dovessero sbarcare sul nostro pianeta, la Chiesa cattolica non li respingerebbe e li inviterebbe a conoscere la sua dottrina.   

Come possiamo vedere, un annuncio sulla presenza della vita extraterrestre non sembra molto problematico per una parte dei teologi cattolici.  

Tuttavia, Vesa Nissinen ritiene che, dato il fatto che questi alieni portano le loro “credenze religiose”, ciò potrebbe cambiare o “minacciare” la Chiesa cattolica

Riferimenti 

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

***********************************

Correlati:  

“IL DIALOGO” 

La storia della narrazione umana potrebbe non essere come viene raccontata

®wld 

Quattro sorprendenti scoperte astronomiche dell’antica Grecia

Lascia un commento

 

 

Quattro antiche scoperte dell’astronomia greca che ancora confondono gli esperti 

 

Le storie di Erodoto (dal 484 a.C. al 425 a.C.) offrono una straordinaria finestra sul mondo, come era noto all’antica astronomia greca nella metà del 20 ° secolo a.C. Tuttavia, quasi altrettanto interessante di ciò che sapevano è ciò che non sapevano. Ciò pone le basi per notevoli progressi nella loro comprensione nei prossimi secoli, semplicemente facendo affidamento su ciò che potrebbero osservare con i propri occhi.

Erodoto sosteneva che l’Africa era quasi completamente circondata dal mare. Come lo sapevi? Racconta la storia dei marinai fenici che furono mandati dal re Neco II d’Egitto (intorno al 600 a.C.) a navigare in senso orario attorno all’Africa continentale, iniziando nel Mar Rosso. Questa storia, se vera, racconta la più antica circumnavigazione conosciuta in Africa, ma contiene anche una visione interessante della conoscenza astronomica del mondo antico.

Il viaggio è durato diversi anni. Dopo aver arrotondato la punta meridionale dell’Africa e aver seguito una rotta verso ovest, i marinai osservarono che il Sole era alla loro destra, sopra l’orizzonte settentrionale. Questa osservazione semplicemente non aveva senso in quel momento perché non sapevano ancora che la Terra avesse una forma sferica e che esistesse un emisfero meridionale.

1. I pianeti orbitano attorno al sole

Pochi secoli dopo, erano stati fatti molti progressi. Aristarco di Samo (dal 310 a.C. al 230 a.C.) sostenne che il Sole era il “fuoco centrale” del cosmo e collocò tutti i pianeti conosciuti nel loro corretto ordine di distanza attorno a loro. Questa è la più antica teoria eliocentrica nota del sistema solare.

Sfortunatamente, il testo originale in cui fa questo argomento è andato perduto nella storia, quindi non possiamo sapere con certezza come l’abbia risolto. Aristarco sapeva che il Sole era molto più grande della Terra o della Luna e avrebbe potuto presumere che dovesse quindi avere la posizione centrale nel Sistema Solare.

Tuttavia, è una scoperta sorprendente, soprattutto se si considera che non è stato riscoperto fino al XVI secolo da Nicolaus Copernicus, che ha persino riconosciuto Aristarco durante lo sviluppo della propria opera.

 

 

Ritratto di Nicola Copernico. Il primo uomo a riscoprire le scoperte di Aristarco dall’antica astronomia greca. (Museo regionale di Toruń / Dominio pubblico)

 

2. La dimensione della luna

Uno dei libri sopravvissuti di Aristarco è sulle dimensioni e le distanze del Sole e della Luna . In questo straordinario trattato, Aristarco presentò i primi tentativi noti di calcolare le dimensioni e le distanze relative al Sole e alla Luna.

Per molto tempo è stato osservato che il sole e la luna sembravano avere la stessa dimensione apparente nel cielo e che il sole era più lontano. L’hanno capito dalle eclissi solari, causate dal passaggio della luna di fronte al sole ad una certa distanza dalla Terra.

Inoltre, nell’istante in cui la luna si trova nel primo o terzo trimestre , Aristarco pensò che il sole, la terra e la luna avrebbero formato un triangolo rettangolo.

Dato che Pitagora aveva determinato come le lunghezze dei lati del triangolo fossero collegate un paio di secoli prima, Aristarco usò il triangolo per stimare che la distanza dal sole era tra 18 e 20 volte la distanza dalla luna. Ha anche calcolato che la dimensione della luna era circa un terzo di quella della Terra, in base all’attento tempismo delle eclissi lunari.


Una riproduzione del X secolo di un diagramma di Aristarco che mostra parte della geometria che ha usato nei suoi calcoli, dimostrando i progressi compiuti nell’antica astronomia greca. (Dominio pubblico)

 

Sebbene la sua distanza stimata dal Sole fosse troppo bassa (il rapporto effettivo è 390), a causa della mancanza di precisione telescopica disponibile al momento, il valore del rapporto tra le dimensioni della Terra e della Luna è sorprendentemente preciso (la Luna è 0,27 volte il diametro della Terra).

Oggi conosciamo le dimensioni e la distanza dalla luna esattamente con una varietà di mezzi, inclusi telescopi precisi, osservazioni radar e riflettori laser che gli astronauti dell’Apollo hanno lasciato in superficie.

3. La circonferenza della Terra

Eratostene (dal 276 a.C. al 195 a.C.) fu capo bibliotecario della Grande Biblioteca di Alessandria e grande sperimentatore. Tra i suoi numerosi successi vi fu il primo calcolo noto della circonferenza terrestre. Pitagora è generalmente considerato il primo difensore di una Terra sferica, sebbene apparentemente non abbia le sue dimensioni. Il famoso e semplice metodo di Eratostene si basava sulla misurazione delle diverse lunghezze di ombre proiettate da pali catturati verticalmente nel terreno, a mezzogiorno nel solstizio d’estate, a diverse latitudini.

Il Sole è abbastanza lontano che ovunque i suoi raggi raggiungano la Terra, sono effettivamente paralleli, come Aristarch aveva precedentemente mostrato. Quindi la differenza nelle ombre ha mostrato quanto la superficie della Terra si curvasse. Eratostene usò questo per stimare la circonferenza della Terra in circa 40.000 km (24.856 miglia). Questo è entro un paio di percento del valore reale, come stabilito dalla moderna geodesia (la scienza della forma della Terra).

Più tardi, un altro scienziato di nome Posidonio (dal 135 a.C. al 51 a.C.) usò un metodo leggermente diverso e trovò quasi esattamente la stessa risposta. Posidonio visse sull’isola di Rodi per gran parte della sua vita. Lì osservò che la stella luminosa Canopo si sarebbe trovata molto vicino all’orizzonte. Tuttavia, quando si trovava ad Alessandria, in Egitto, notò che Canopo sarebbe salito a circa 7,5 gradi sopra l’orizzonte.

Poiché 7,5 gradi sono 1/48 di un cerchio, ha moltiplicato la distanza da Rodi ad Alessandria per 48 e ha anche raggiunto un valore di circa 40.000 km.

4. Il primo calcolatore astronomico

Il calcolatore meccanico sopravvissuto più antico del mondo è il meccanismo Anticythera. Il sorprendente dispositivo fu scoperto in un antico naufragio al largo dell’isola greca di Antikythera nel 1900.

 

 

Questo dispositivo, il meccanismo Anticythera, è considerato il computer più antico del mondo. Attraverso una serie di ingranaggi, è stato utilizzato per prevedere posizioni astronomiche ed eclissi per scopi calendari e astrologici. (Turisti del fine settimana / CC BY 2.0)

 

Il dispositivo ora è frammentato nel tempo, ma quando intatto sarebbe apparso come una scatola che ospita dozzine di ruote dentate in bronzo finemente lavorate. Quando viene ruotato manualmente da una maniglia, la distanza dei segni degli ingranaggi all’esterno mostra le fasi lunari, i tempi delle eclissi lunari e le posizioni dei cinque pianeti conosciuti (Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno) su diversi periodi dell’anno. Questo spiega anche il loro movimento retrogrado, un cambiamento illusorio nel moto dei pianeti attraverso il cielo.

Non sappiamo chi l’abbia costruito, ma risale a qualche tempo tra il III e il I secolo a.C. e potrebbe anche essere stato opera di Archimede. La tecnologia degli ingranaggi con la raffinatezza del Meccanismo Anti-Cythera non è stata vista da mille anni.

Sfortunatamente, la stragrande maggioranza di queste opere è andata perduta nella storia e il nostro risveglio scientifico è stato ritardato di millenni. Come strumento per introdurre la misurazione scientifica, le tecniche di Eratosthenes sono relativamente facili da eseguire e non richiedono attrezzature speciali, consentendo a coloro che hanno appena iniziato il loro interesse per la scienza di capire, sperimentare e, in definitiva, seguire le orme di alcuni dei primi scienziati.

Si può ipotizzare dove potrebbe essere la nostra civiltà ora se questa antica scienza avesse continuato senza sosta. 

 

Immagine di copertina: l’astronomia dell’antica Grecia ha confuso gli esperti per secoli: come facevano a sapere ciò che sapevano tanto tempo fa? Queste quattro scoperte lo incarnano. Nell’immagine: vista della Terra, della Luna e del Sole dagli elementi spaziali (immagine originale della NASA). Fonte: vovan / Adobe stock

 

L’articolo “Quattro scoperte dell’antica astronomia greca ancora sconcertanti per gli esperti” di Gareth Dorain e Ian Whittaker è stato originariamente pubblicato come “Quattro sorprendenti scoperte astronomiche dell’antica Grecia” in The Conversation ed è stato ripubblicato sotto licenza Creative Commons.

Fonte: https://www.ancient-origins.es/

 

®wld

Trasformazione globale

Lascia un commento

1024px-Grizzly_Bear_Ursus_arctos_ssp.-777x437Wikimedia Commons, Gregory “Slobirdr” Smith 

Aumento della tecnocrazia: l’orso di Troia della trasformazione globale 

Postato da: Patrick Wood

Sì, questo è un gioco di parole tratto dal titolo del mio libro del 2014,

Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation, ma si adatta perfettamente.

Con il coronavirus come fattore scatenante, tutti i mercati azionari globali sono ora entrati in un mercato ribassista, in calo del 20% rispetto ai picchi più recenti. Lo shock finanziario di staccare fino a $ 30 trilioni di dollari in azioni è stato appena avvertito, ma gli analisti stanno già avvertendo di importanti difetti strutturali che potrebbero rivelarsi esistenziali per gli attuali sistemi finanziari ed economici globali.

In altre parole, il collasso del sistema economico esistente lascerebbe un vuoto che alla fine dovrebbe essere colmato, ma la grande domanda è, riempita di cosa?

I tecnocrati sono pronti a rispondere a questa domanda: sviluppo sostenibile, noto anche come tecnocrazia. Lo sviluppo sostenibile è la versione di Technocracy delle Nazioni Unite, originariamente definita come un sistema economico basato sulle risorse che dipende dal controllo totale su risorse, produzione e consumo e in cui l’energia è la valuta principale. I concetti di domanda e offerta vengono eliminati e ogni cosa viene valutata in base all’energia che ha investito nella sua produzione.

Per tutti coloro che pensano che questa sia una follia, considera che questo è esattamente ciò di cui parla la cosiddetta ideologia del New Deal verde. Grazie al persistente incoraggiamento delle Nazioni Unite, il colore “verde” è già stato stampato su ogni nazione sulla terra.

Quando a tutti questi pensatori verdi viene presentato questo vuoto di capitalismo collassato e libera impresa, cosa pensi che richiederanno? Una ricostruzione dello stesso sistema?

Quasi. Daranno invece la colpa al capitalismo e alla libera impresa di ottenere ciò che meritava per “distruggere” il mondo in primo luogo. Dopotutto, credono che sia stato il motore dell’esacerbazione del riscaldamento globale da parte dell’uomo. Il capitalismo diventerà un paria e le richieste di qualcosa di “nuovo” saranno gridate dai tetti delle case (e dai grattacieli).

La ricaduta economica risultante dall’attuale tracollo globale vedrà i governi e le banche centrali spargere carichi di finanziamenti di nuovi incentivi forniti dai contribuenti per riprendersi dalla spirale discendente. Guarda dove vengono spesi i soldi. Sarà per “lavori verdi”, infrastrutture verdi e altri progetti di sviluppo sostenibile.

Proprio come l’11 settembre ha dato vita allo stato di sorveglianza totale, il coronavirus introdurrà un nuovo sistema economico. Mentre ciò sta avvenendo, lo stato di sorveglianza totale sarà ulteriormente rafforzato dalla spesa per l’Internet of Things, i progetti di ingegneria sociale, l’intelligence geospaziale, ecc.

Anche il testo della famosa ballata di Bob Dylan si adatta perfettamente: The Times They Are a-Changin’:

Venite intorno gente
dovunque voi siate
ed ammettete che le acque
attorno a voi stanno crescendo
e accettate che presto
sarete inzuppati fino all’osso.
E se il tempo per voi
significa qualcosa
fareste meglio a cominciare a nuotare
o affonderete come pietre
perché i tempi stanno cambiando.
Venite scrittori e critici
che profetizzate con le vostre penne
e tenete gli occhi ben aperti
l’occasione non si ripeterà
e non parlate troppo presto
perché la ruota sta ancora girando
e non c’è nessuno che può dire
chi sarà scelto
dato che il perdente di adesso
sarà il vincitore di domani
perché i tempi stanno cambiando.
Venite senatori, membri del congresso
rispondete alla chiamata
e non rimanete sulla porta,
non bloccate l’atrio
perché quello che si farà male
sarà colui che ha cercato di impedirci l’ingresso
c’è una battaglia fuori
e sta infuriando
Presto scuoterà le vostre finestre
e farà tremare i vostri muri
perché i tempi stanno cambiando.
Venite madri e padri
da ogni parte del paese
e non criticate
quello che non potete capire
i vostri figli e le vostre figlie
sono al dì la dei vostri comandi
la vostra vecchia strada
sta rapidamente finendo.
Per favore spostatevi dalla nuova
se non potete dare una mano
perché i tempi stanno cambiand
La linea è tracciata
La maledizione è lanciata
Il più lento adesso
sarà in seguito più veloce
e cio che ora è il presente
diventerà passato
L’ordine sta rapidamente
scomparendo.
E il primo di adesso
sarà l’ultimo
perché i tempi stanno cambiando.

Fonte:  https://www.technocracy.news/

Nicola Porro 

https://www.instagram.com/tv/B9qzGlsoMWc/?igshid=1tft56faog5sf

https://altrarealta.blogspot.com/

 

®wld

Peste a Milano

Lascia un commento

peste-milano-monatti

Leggete la lettera scritta da un preside milanese ai suoi studenti.

AGLI STUDENTI DEL VOLTA

“La peste che il tribunale della sanità aveva temuto che potesse entrar con le bande alemanne nel milanese, c’era entrata davvero, come è noto; ed è noto parimente che non si fermò qui, ma invase e spopolò una buona parte d’Italia…..”

Le parole appena citate sono quelle che aprono il capitolo 31 dei Promessi sposi, capitolo che insieme al successivo è interamente dedicato all’epidemia di peste che si abbatté su Milano nel 1630. Si tratta di un testo illuminante e di straordinaria modernità che vi consiglio di leggere con attenzione, specie in questi giorni così confusi. Dentro quelle pagine c’è già tutto, la certezza della pericolosità degli stranieri, lo scontro violento tra le autorità, la ricerca spasmodica del cosiddetto paziente zero, il disprezzo per gli esperti, la caccia agli untori, le voci incontrollate, i rimedi più assurdi, la razzia dei beni di prima necessità, l’emergenza sanitaria…. In quelle pagine vi imbatterete fra l’altro in nomi che sicuramente conoscete frequentando le strade intorno al nostro Liceo che, non dimentichiamolo, sorge al centro di quello che era il lazzaretto di Milano: Ludovico Settala, Alessandro Tadino, Felice Casati per citarne alcuni. Insomma più che dal romanzo del Manzoni quelle parole sembrano sbucate fuori dalle pagine di un giornale di oggi.

Cari ragazzi, niente di nuovo sotto il sole, mi verrebbe da dire, eppure la scuola chiusa mi impone di parlare. La nostra è una di quelle istituzioni che con i suoi ritmi ed i suoi riti segna lo scorrere del tempo e l’ordinato svolgersi del vivere civile, non a caso la chiusura forzata delle scuole è qualcosa cui le autorità ricorrono in casi rari e veramente eccezionali. Non sta a me valutare l’opportunità del provvedimento, non sono un esperto né fingo di esserlo, rispetto e mi fido delle autorità e ne osservo scrupolosamente le indicazioni, quello che voglio però dirvi è di mantenere il sangue freddo, di non lasciarvi trascinare dal delirio collettivo, di continuare – con le dovute precauzioni – a fare una vita normale. Approfittate di queste giornate per fare delle passeggiate, per leggere un buon libro, non c’è alcun motivo – se state bene – di restare chiusi in casa.

 

Non c’è alcun motivo per prendere d’assalto i supermercati e le farmacie, le mascherine lasciatele a chi è malato, servono solo a loro. La velocità con cui una malattia può spostarsi da un capo all’altro del mondo è figlia del nostro tempo, non esistono muri che le possano fermare, secoli fa si spostavano ugualmente, solo un po’ più lentamente. Uno dei rischi più grandi in vicende del genere, ce lo insegnano Manzoni e forse ancor più Boccaccio, è l’avvelenamento della vita sociale, dei rapporti umani, l’imbarbarimento del vivere civile. L’istinto atavico quando ci si sente minacciati da un nemico invisibile è quello di vederlo ovunque, il pericolo è quello di guardare ad ogni nostro simile come ad una minaccia, come ad un potenziale aggressore. Rispetto alle epidemie del XIV e del XVII secolo noi abbiamo dalla nostra parte la medicina moderna, non è poco credetemi, i suoi progressi, le sue certezze, usiamo il pensiero razionale di cui è figlia per preservare il bene più prezioso che possediamo, il nostro tessuto sociale, la nostra umanità. Se non riusciremo a farlo la peste avrà vinto davvero.

Vi aspetto presto a scuola.

Domenico Squillace

Attivismo per la fine dell’antropocene

Lascia un commento

 

La professoressa occultista e femminista britannica chiede l’estinzione umana per combattere i cambiamenti climatici

 

HAF

 

Mentre la maggior parte dei venditori ambulanti di isteria climatica grideranno dai tetti che il loro obiettivo è quello di evitare l’estinzione umana, altri proclamano abbastanza orgogliosamente che la decimazione della razza umana è l’unico modo per salvare il pianeta. 

 

Alla fine di gennaio, Bloomsbury Academic ha pubblicato un libro della “attivista della morte” e della professoressa femminista goth Patricia MacCormack intitolato” The Ahuman Manifesto: Activism for the End of the Anthropocene

 

MacCormack, professore di filosofia continentale alla Angelia Ruskin University, offre ai lettori una soluzione sicura per il riscaldamento globale, “eliminando gradualmente la riproduzione” e permettendo all’umanità di morire.

 

 

“Questo è così che possiamo pensare attivamente e vivere visceralmente, con connettività (attuale non virtuale), e con passione e grazia, verso un nuovo mondo.”

 

Credo sia quello che i bambini chiamano “insalata di parole”.

 

Nel suo libro, che indubbiamente è un gran casino di parole d’ordine svegliate come la sua descrizione, MacCormack presenta “l’apocalisse come un inizio ottimista” per tutte le altre specie che fioriranno sulla Terra una volta che gli esseri umani saranno fuori dai piedi.

 

Secondo Cambridge News, “sostiene che a causa del danno arrecato ad altre creature viventi sulla Terra, dovremmo iniziare gradualmente a eliminare gradualmente la riproduzione”.

 

“Sono arrivato a questa idea da un paio di direzioni”, ha detto MacCormack al Cambridge News.

 

“Mi è stata introdotta la filosofia a causa del mio interesse per il femminismo e la teoria queer, quindi i diritti riproduttivi [l’aborto] sono stati a lungo un interesse per me – questo mi ha portato di più a conoscere i diritti degli animali, che è quando sono diventato vegano.

 

“La premessa di base del libro è che siamo nell’era dell’Antropocene, l’umanità ha causato problemi di massa e uno di questi sta creando questo mondo gerarchico in cui le persone bianche, maschili, eterosessuali e abili hanno successo, e le persone di razze, generi, sessualità diversi e quelli con disabilità stanno lottando per ottenerlo”.

 

“Il libro sostiene anche che dobbiamo smantellare la religione”, ha continuato, “e altri poteri prevalenti come la chiesa del capitalismo o il culto di se stessi, in quanto fa sì che le persone agiscano secondo regole imposte anziché rispondere pensosamente alle situazioni di fronte loro.”

 

Quindi l’eliminazione graduale della riproduzione non implicherebbe regole “applicate” ma sarebbe invece una risposta volontaria, “ponderata” ai cambiamenti climatici? Considerando le inclinazioni dei governi totalitari per il controllo forzato della popolazione, ne dubito.

 

Come ricercatrice che ha “pubblicato nelle aree della filosofia continentale … femminismo, teoria queer, teoria postumana, film horror, modificazione del corpo, diritti degli animali / abolizionismo, cinesexuality [un termine che ha coniato per le persone che provano” un’attrazione intensa per il cinema “] ed etica”, possiamo affermare con sicurezza che MacCormack non dovrebbe essere considerato una fonte di saggezza e credibilità.

 

Ciò non ha impedito al suo libro di raccogliere le lodi degli accademici di tutto il mondo.

 

“Questo libro è una deliziosa provocazione e un invito: immaginare un mondo senza umani e pensare a cosa possiamo fare per arrivarci”, recita una recensione di Christine Daigle, professore di filosofia e direttore del Posthumanism Research Institute presso la Brock University in Canada.

 

“È un invito urgente all’azione. Una chiamata gioiosa, lucida, ferventemente intelligente ai lettori per sperare e lavorare per un futuro non per se stessi, ma per la prosperità di tutta la vita non umana. Impegnarsi in questo libro sarà un’esperienza trasformativa. Non si può vedere il mondo o se stessi allo stesso modo dopo averlo letto.”

 

Questo è disgustoso, ma sicuramente non è sorprendente. Questa è l’ideologia alla radice della sinistra oggi. Il movimento pro-aborto, il movimento pro-LGBT, la spinta al controllo della popolazione, tutto questo. È un rifiuto dell’ordine creato da Dio e un abbraccio al male e alla morte. Questa è solo la cultura della morte senza maschera. 

 

Di Elizabeth Johnston, scrittrice ospite

 

Fonte: https://humansarefree.com/

 

®wld 

Older Entries