Home

Il potere del simbolismo come manifestazione esteriore dell’obbedienza all’ordine tecnocratico.

Lascia un commento

Anthony Fauci: Il perfetto Tecnocrate non responsabile e non eletto 

Postato da: Wesley J. Smith via Epoch Times 

Wesley Smith sottolinea correttamente che la libertà per mano di Technocrats è un ossimoro. La scienza dovrebbe consigliare adeguatamente i leader politici, ma non ha la capacità di determinare o creare politiche pubbliche e non dovrebbe essere autorizzata a dominarla. ⁃ Editor TN 

Negli ultimi mesi, mentre una feroce  pandemia si  diffuse dalla Cina, una tecnocrazia emergente – governata da esperti – ha minacciato di prendere il controllo di gran parte della nostra vita pubblica. 

Quando il Dr. Anthony Fauci, direttore dell’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive,   e altri specialisti in malattie infettive ci hanno incaricato di isolarci da soli, il presidente Donald Trump “ha chiuso il campo [l’economia]”. 

I governatori hanno emesso ordini esecutivi mettendo a fuoco ristoranti e parrucchieri. I sindaci hanno vietato le riunioni private. I funerali – anche a lato della tomba – divennero cerimonie dolorose a cui alla maggior parte fu proibito di partecipare. Per quanto riguarda le spiagge e i parchi pubblici, sono diventati zone fantasma. 

Lo scopo politico dietro il nostro arresto nazionale quasi domestico era quello di “spianare la curva” dei nuovi   casi COVID-19 per evitare che gli ospedali venissero sopraffatti, come accadde terribilmente nel Nord Italia. Se il nostro isolamento nazionale insipidamente “solo insieme” fosse efficace – penso che probabilmente lo fosse – possiamo tutti ringraziare che gli ospedali non sono crollati e che le misure di triage draconiane come l’Italia imposte non sono mai state richieste. 

Ma quel lodevole successo ebbe un terribile tributo. Decine di milioni sono stati espulsi dal lavoro. Nonostante gli sforzi concertati del governo per sostenere l’economia, il settore delle piccole imprese è esploso: alcuni negozi e ristoranti non riapriranno mai. I conducenti di Uber e di taxi persero innumerevoli tariffe. Gli addetti ai parcheggi e i negozianti dell’aeroporto divennero disoccupati. Le grandi società hanno affrontato il fallimento.

Maggiore controllo 

Si sarebbe pensato che i blocchi legali fossero sufficientemente restrittivi. Ma una volta assaporato il potere, la tendenza umana è quella di afferrare un controllo sempre maggiore. 

Presto esperti e politici dei media iniziarono a riferirsi minacciosamente a una “nuova normalità” meno vibrante, prospera e libera. L’appiattimento della curva si è rapidamente trasformato in una misura temporanea per salvare gli ospedali in uno sforzo permanente per impedire a chiunque di ammalarsi. 

“Esperti”, come il bioeticista Ezekiel Emanuel – un architetto principale dell’Affordable Care Act – ci ha detto  con presunta autorità, che non potevamo tornare al modo in cui le cose erano fino allo sviluppo di un vaccino, un tempo che Emanuel stimava essere potenzialmente come fino a 18 mesi. 

Giustificando di ottenere un maggiore controllo sotto il mantra, “se salva solo una vita”, alcuni dei nostri più influenti esperti hanno iniziato a battere il tamburo per rendere un futuro vaccino COVID-19  obbligatorio  per tutti. Un comitato dell’Ordine degli Avvocati di New York ha  sollecitato  l’organizzazione a sostenere la legislazione in tal senso. 

Il professore emerito di giurisprudenza di Harvard Alan Dershowitz è arrivato al punto di  dire a  un intervistatore che “lo stato ha il potere di portarti letteralmente in uno studio medico e di infilarti un ago nel braccio”.

La Confusione della maschera 

Quindi, c’era la questione meno invadente delle  maschere. Inizialmente, Fauci  ha ritenuto  che le maschere facessero poco bene e che dovessero essere indossate principalmente dagli operatori sanitari. Ma presto, il CDC ha cambiato le sue  linee guida  esortando a indossare tutti i rivestimenti in tessuto nei luoghi pubblici. Molti di noi si sono trovati d’accordo. Meglio prevenire che curare, dopo tutto. Volevamo fare la nostra parte.

Ma la sottomissione volontaria non era abbastanza per i nostri aspiranti signori. Molti hanno sollecitato il passaggio di mandati legali. In un co-autore del New York Times, Emanuel – annusando che “la conformità delle maschere da questa parte del Pacifico è stata irregolare” – ha fatto valere l’obbligo di indossare maschere. 

Per evitare un popolare “contraccolpo”, Emanuel ha  implorato le  nostre celebrità dell’intrattenimento neo-patrizie, le star dello sport e i politici di modellare indossare la maschera come mezzo per normalizzarlo tra noi plebei. Alcuni governatori hanno prontamente salutato ed emesso ordini obbligatori di “indossare maschere”. 

Queste imposizioni delle maschere sono necessari dal punto di vista medico? Secondo l’ultima “scienza”, per la maggior parte di noi, sembrerebbe di no, il più delle volte. Ad esempio, un rapporto recentemente  pubblicato  dal New England Journal of Medicine che parla del mascheramento nel contesto delle strutture sanitarie, conteneva anche informazioni illuminanti sulle nostre circostanze generali: 

“Sappiamo che indossare una maschera al di fuori delle strutture sanitarie offre una protezione minima, se non nulla, dalle infezioni. Le autorità sanitarie pubbliche definiscono un’esposizione significativa a COVID-19 come contatto faccia a faccia entro 6 piedi con un paziente con COVID-19 sintomatico che viene sostenuto per almeno alcuni minuti (e alcuni dicono più di 10 minuti o anche 30 minuti). La possibilità di prendere il Covid-19 da un’interazione di passaggio in uno spazio pubblico è quindi minima.” 

Ops. Quindi, quale potrebbe essere lo scopo di indossare maschere quando non è una profilassi efficace? “Il maggior contributo dei protocolli di mascheramento estesi”, ha scritto lo scienziato, “potrebbe essere quello di ridurre la trasmissione dell’ansia”. 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità sembrò assestare  un altro colpo  contro la necessità di imporre mandati tecnocratici quando uno scienziato dell’OMS dichiarò che la trasmissione da parte di pazienti asintomatici “è molto rara”. Ciò significherebbe che il numero di potenziali trasmettitori del virus in un dato momento è molto più basso di quanto si pensasse inizialmente, il che ha grandi implicazioni per le politiche pubbliche. 

Apparentemente, anche la classe tecnocratica ha compreso quel potenziale. Il giorno dopo, dopo aver urlato molto da parte dell’establishment, la scienziata  ha ripreso la  sua caratterizzazione “molto rara”, affermando ora che circa il 16 percento delle persone infette sono asintomatiche e “in grado di trasmettere il virus”. (La confusione dell’OMS – un altro “esperto” dell’OMS ha detto: “C’è molto che non si sa” – non cambia il punto di questo saggio, ma solleva la questione se possiamo fidarci di “esperti”, considerando la parte giocato da pressioni politiche in tali dichiarazioni. Ma questa è una domanda che dovrà aspettare un altro saggio.)

La Tentazione della tecnocrazia  

Questi cambiamenti e le espressioni confuse su – la nostra comprensione scientifica dovrebbero fermare la spinta verso mandati tecnocratici. I nostri leader non governano. Governano. Tranne che in circostanze di stretto contatto personale per un lungo periodo in strutture sanitarie e in altri luoghi rischiosi, le maschere che richiedono legalmente – quando fornisce scarsi benefici profilattici – significherebbe semplicemente sfruttare il potere del simbolismo come manifestazione esteriore dell’obbedienza all’ordine tecnocratico. Questo non è uno scopo proprio delle politiche pubbliche. 

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato su: https://technocracy.news/

®wld 

Capire quanto prima di essere ingannati

Lascia un commento

 
Prima che l’acqua arrivi alla gola, è tempo di dire le cose come stanno


di: dammilamanotidounamano Scritto il


Aprire quanto prima gli occhi è fondamentale prima che ci turino completamente il culo, constatando che l’attuale Governo con a capo l’ArConte e la compiacenza del Capo di Stato Mattarella stanno svendendo l’Italia!

Un’accusa questa verificabile non certo perché lo dico io, ma se avrete la pazienza di visualizzare il video presente nel post odierno, viene ben spiegata la differenza tra chi all’interno dello Stato da semplice cittadino è a conoscenza dei fatti ed ha peraltro le specifiche tecniche di farlo avendo a cuore la Nazione Italia e tra chi, come chi è oggi al Governo baipassa persino l’ovvietà, per fare poi i giochi del Grande Capitale internazionale piuttosto che mantenere fede al giuramento fatto prima di diventare Ministri dello Stato, anche perché come è prevedibile, stravolgere un giuramento equivale a “tutto tondo” a un evidente tradimento verso lo Stato che si amministra e la Cittadinanza tutta ormai tutta con l’acqua alla gola.

… e butta la TV…

Posso comprendere che eventuali argomenti economici non siano alla portata di tutti, ma essendo argomenti trattati da personaggi ormai conosciuti a gran parte di persone che frequentano la rete o ascoltano e visualizzano i video di Radio Radio e di Bioblu, che rispondono al nome di Micalizzi, Scardovelli, Grossi e Galloni che in maniera esaustiva argomentano nel video che mi appresto a presentare, soluzioni alternative oltre che efficaci e che non comportano alcun debito, per non incorrere a eventuali trappole europee nelle quali chi guida oggi l’Italia vuole tirarci non si sa perché dentro, in ogni caso viste le esperienze pregresse, sappiamo già chi tirandosene per tempo fuori andrà a cavarsela visto che li conosciamo bene più o meno tutti, come d’altronde succede sempre in tali frangenti e proprio per questo so’ anche, che è proprio grazie alle disgrazie propinate da chi attualmente ci governa, che questo ha fatto si che, sempre più persone spenta la TV, aperta la rete e con essa la mente, diventano poi persone che giorno dopo giorno e con fare bulimico chiedono sempre più quello che il main stream appositamente omette, per poi dare notizie nefaste a fatti avvenuti. 
C’è da dire che fortunatamente che, chi capisce di essere in procinto di essere quanto prima ingannato, inevitabilmente una volta resosi conto dell’inganno stesso, apre non solo i propri occhi ma cerca di aprire anche quelli dei suoi familiari, amici e vicini mostrando a tutti che se sino a ieri siamo stati ingannati a scambiare un giardino per una discarica, diventa poi palese, che il giardino è stato reso una “discarica” dai stessi “giardinieri” che lo avevano in cura!
Non so ora se tale “metafora” sia vi sia giunta chiara e concisa. Per chi invece ha bisogno del “disegnino” non si faccia remore di lasciare il suo quesito nei commenti, nei quali proverò a colmare la lacuna.

acqua alla gola

…ma soprattutto guardati dai traditori
Per chi non ha ancora compreso quale è il pericolo che si profila dietro l’angolo, a questo quesito risponde il Capo della task force voluta dall’ArConte, il quale prendendo come il suo capo gli italiani per imbecilli, cosa mette questi sul tavolo per gestire la crisi? Ovviamente niente di quanto si qui presentato, ma da operatore del Bilderberg quale sappiamo egli essere, ha presentato una “bozza” nella quale inizialmente “consiglia” non solo la svendita di quanto di valore è rimasto in casa italia, ma addirittura mettere mano in anticipo l’uso delle riserve auree impoverendoci oltremodo, questo farebbe poi si che, nel caso la Nazione si trovasse con l’acqua alla gola prima del previsto non saprebbe più come rimediare, dimostrando cosi in tal senso, che di una task force del genere possiamo farne volentieri a meno, risparmiandoci anche gli 800 € al giorno che questi ignobili incassano per cassare la Nazione, più che darsi da fare per recuperala. Non siete d’accordo?

Fonte: https://dammilamanotidounamano.altervista.org/

®wld

L’Innominato

Lascia un commento

Il peggior virus italiano? È l’ultracasta

di Postfataresurgo per il Blog Saker 

Anni fa, mentre il mercato immobiliare italiano stava crescendo a spirale dopo l’entrata in vigore dell’euro, mi sono sforzato di essere di aiuto a una coppia di amici della Bay Area che avevano deciso di diventare proprietari di case in Toscana.

Dopo aver letto quello che era diventato un libro popolare tra ioscoscenti toscani su una donna che compra una casa abbandonata nel sud della Toscana e intraprende il progetto di riportarla in vita, con tutte le relative sfide di vivere in un paese straniero e trattare con la gente del posto senza parlando la lingua, i miei amici avevano almeno una mezza dozzina di agenzie immobiliari che cercavano tutti gli angoli della Toscana alla ricerca del posto giusto. 

Nel libro alla fine la signora riesce nel suo progetto, nonostante la moltitudine di incomprensioni, battute d’arresto e differenze culturali. La proprietà che aveva scelto era stata trascurata per molti anni a causa di una posizione non così favorevole che la rendeva piuttosto poco attraente a prima vista.

Questo non era il caso della proprietà di cui i miei amici si sono innamorati, una casa colonica in cima alla collina con ampie vedute della campagna toscana e diversi ettari di terreni agricoli adiacenti.

La proprietà era stata altamente raccomandata da un’agenzia immobiliare che sosteneva di avere il diritto esclusivo di vendita da parte del proprietario, uno svizzero che la possedeva da soli due anni, ha avviato il progetto di restauro e poi si è fermato del tutto. 

Il prezzo richiesto sembrava essere ragionevole, in effetti così ragionevole che mi sono offerto di fare una visita e di fare una chiacchierata amichevole con l’agente prima che i miei amici prendessero il prossimo volo per la Toscana per fare un’offerta scritta.

 L’agenzia immobiliare si trovava in una di quelle pittoresche città medievali toscane ancora evitate dalle folle di turisti che leccavano il gelato dove i locali sanno qualcosa di tutti gli altri. La conversazione con l’agente è durata solo poco tempo, poiché ho sentito che c’era qualcosa da dire su questa proprietà da parte di qualcuno non direttamente coinvolto nella vendita.

Per quanto riguarda la mia domanda diretta sui motivi della vendita da parte degli svizzeri, l’agente è rimasto piuttosto ambiguo e sibillino, come per un dettaglio insignificante di cui non vale nemmeno la pena parlare: aveva avuto alcuni “problemi di salute” che alla fine gli hanno impedito di continuare il suo progetto iniziale di un lussoagriturismo. 

Ho deciso di pranzare in una trattoria locale che sembrava essere anche il ritrovo locale, e dove ero sicuro di avere alcune risposte alle mie domande. Quelle risposte arrivarono sotto forma dell’aspetto sardonico che i locali si scambiarono quando sentirono la proprietà menzionata: “nessuno lo Svizzero ha resistito con quel vicino” scherzò un ragazzo più anziano.

Persino gli svizzeri non ce l’hanno fatta con un simile vicino. Quindi lo svizzero era l’ultimo di una lunga lista di proprietari che, nel corso degli anni, avevano acquistato la proprietà, avevano avviato tutti i tipi di progetti di restauro e si erano arresi, perdendo alla fine una grande quantità di denaro. 

Quindi, chi era questo triste vicino che è riuscito a respingere tutti coloro che hanno cercato di vivere un’esistenza serena e serena nella Toscana per antonomasia? Mi ha ricordato il cosiddetto Innominato, un personaggio di I promessi sposi di Alessandro Manzoni, che si riferisce a una persona così potente che non poteva nemmeno essere chiamata con il suo vero nome.

L’Innominato in questo caso era un potente giudice della Corte Suprema italiana, che apparentemente aveva usato il suo potere discreto nel corso degli anni per la semplicissima ragione per cui non voleva che i lavori di restauro in corso lo disturbassero quando sarebbe stato presente nella sua proprietà adiacente , a circa un chilometro di distanza, molto meno altri turisti che guidavano avanti e indietro sulla stessa strada sterrata che considerava la sua. 

Come ha usato il suo potere? Molto semplicemente, avendo l’italiano notoriamente strabiliante nella burocrazia nella sua massima estensione. Quando i nuovi sfortunati proprietari hanno iniziato il lungo e complicato processo di richiesta di tutti i restauri necessari e – nel caso degli svizzeri – i permessi dell’agriturismo, hanno incontrato tutti i tipi di difficoltà, inconvenienti, ritardi, lo chiami. Soprattutto nelle zone rurali, a meno che tu non sia un semplice turista, la vita in Italia può essere complicata. A meno che, ovviamente, non conosca le persone giuste o le stringhe da tirare. 

E le stringhe per attirare il potente giudice romano devono averne avuto parecchi, poiché nessuno è riuscito a realizzare i loro progetti, dopo aver visto le loro richieste respinte da tecnicismi insondabili e incomprensibili, o innumerevoli ispezioni da parte di tutti i tipi di agenzie statali e locali che controllano ogni potenziale irregolarità con il progetto o i lavoratori presenti sul sito, minacciando sia il proprietario che gli appaltatori in loco con multe rigide e / o l’arresto immediato del progetto del tutto. 

Questo aneddoto è solo un piccolo esempio di come può diventare brutta la vita se all’improvviso stai trattando – come potenziale vittima – con il sistema giudiziario italiano, in una qualsiasi delle sue forme, che potrebbe essere, come in questo caso, un giudice unico . Chiunque abbia avuto a che fare con le aule di tribunale italiane in cerca di “giustizia” invariabilmente disporrà questo commento lapidario: “stai lontano, punto”. 

Un’edizione affidabile di un dizionario di lingua inglese cita, tra gli altri, il significato della parola casta come segue : “una divisione della società basata su differenze di ricchezza, rango o privilegio ereditato, professione o occupazione”. 

Nessuna parola migliore potrebbe descrivere il sistema giudiziario italiano o, meglio ancora, la madre di tutte le caste. Un vero stato all’interno dello stato, un formidabile apparato di potere senza nessun altro apparato in grado – o disposto – di avere alcun controllo o equilibrio su di esso. In Italia è assolutamente irrilevante chi vince le elezioni, fintanto che è possibile tirare le corde di questo ultracaste nessuno è mai stato in grado di controllare o portare alla realtà. 

Il sistema giudiziario italiano è stato ripetutamente classificato da statistiche internazionali e affidabili come il meno efficiente e il più costoso del mondo occidentale.

In termini di efficienza, si colloca insieme ai paesi dell’Africa sub-sahariana. Ma in termini di costi e privilegi per i suoi membri è senza dubbio il migliore al mondo, senza fare domande. E le sedi di questo famigerato sistema si trovano nel suo Consiglio Superiore della Magistratura, o CSM.

Puoi essere un politico eletto popolare eletto con un ampio mandato, ma se sei nella lista nera di qualcuno all’interno del CSM i tuoi giorni sono contati e, proprio come un proprietario di una casa straniera in Toscana, alla fine lancerai le braccia e ti dimetterai. 

Il CSM è, in breve, il vero potere all’interno della magistratura italiana e l’ultima parola dovrebbe essere una prerogativa del Presidente della Repubblica italiana, ai sensi dell’art. 104 della Costituzione italiana. Il Presidente dovrebbe quindi essere consapevole di ciò che sta accadendo con il sistema giudiziario italiano, ma ovviamente è troppo impegnato con tutte le altre questioni statali per preoccuparsi di dettagli minori come l’integrità della magistratura italiana, in particolare la sua assoluta equità. 

In questi giorni i principali media italiani stanno facendo del loro meglio per minimizzare – o non menzionare del tutto – una storia che farebbe notizia in qualsiasi altro paese (normale) o che qualsiasi cittadino rispettoso della legge sia preoccupato per l’integrità del paese nel suo insieme. La storia parla di un potente magistrato, proprio come l’Innominato– che è stato intercettato sul suo cellulare e sembra essere il personaggio principale di una storia che ha fatto notizia nell’estate del 2018.

Matteo Salvini, allora ministro degli Interni italiano, è formalmente accusato dal procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio per una varietà di crimini atroci – incluso il rapimento di minori – a causa del suo rifiuto di consentire a terra “migranti salvati in mare” da una delle tante navi il cui compito è di trasportare i “migranti” dalla Libia alle coste italiane, in questo caso l’ONG tedesca Seawatch, che riceveva comunque ordini che dal governo tedesco, come ammesso da un ex direttore dell’intelligence tedesca. 

Ma questa volta Innominato intercettato ha un nome ed è ampiamente riconosciuto come un motore e uno shaker all’avanguardia all’interno dell’apparato, con una carriera glamour e – cosa più importante – un’impressionante rete di connessioni con politici all’interno del PD (Partito Democratico): il suo nome è Luca Palamara. 

Quando Salvini nell’estate del 2018 stava diventando sempre più popolare tra gli italiani, a Palamara viene “assegnato il compito” di attaccarlo, qualunque cosa accada. Quando un altro magistrato – nelle registrazioni intercettate – obietta che Salvini sta semplicemente facendo il suo lavoro come ministro degli interni, applicando le leggi esistenti, quindi non infrangendo nessuno di essi, la risposta di Palamara è: “ Lo so, ma dobbiamo farlo comunque, dobbiamo fermarlo”.

Immagina di scatenare l’inferno se Salvini, o qualsiasi politico per quella materia, fosse stato sorpreso a fare tali osservazioni nei confronti di un giudice. Ma questa è solo una piccola parte di ciò che emerge da questa storia. L’intero quadro sembra un racconto in cui anche un bambino può facilmente percepire che Palamara si sente a dir poco onnipotente, navigando tra sua moglie, la sua amante, altri magistrati che gli chiedono tutti i tipi di favori e cosa no. 

Tecnicamente, in un paese normale, ti aspetteresti un briciolo di reazione ufficiale – o azioni – dai superiori diretti di Palamara, vale a dire il Ministero della Giustizia e il Presidente dell’Italia. Ma ciò non sta accadendo, poiché entrambi sembrano essere interessati ad altre questioni. Gli italiani vorrebbero sapere – tra le altre cose – a chi si riferisce Palamara, quando dice ” dobbiamo fermarlo”. Il “noi” in questo caso si riferisce a magistrati affiliati al PD (Partito Democratico d’Italia)? 

Per inciso, tre dei “migranti” hanno permesso a terra e ammessi come “richiedenti asilo” grazie ai servizi della ONG tedesca Seawatch, sono stati appena accusati di una serie di crimini come la cospirazione per contrabbandare e schiavizzare esseri umani, stupri, torture, omicidio. Ma la gentile capitana tedesca Carola Rackete era così impegnata nel suo nobile tentativo di salvare vite umane e, per inciso, speronare una nave della polizia italiana che si trovava sulla sua strada, come avrebbe potuto notare simili simpatici compagni? 

Se pensi che sia qualcosa di nuovo nella scena politica italiana, ripensaci. Come affermato in precedenza, i veri motori e gli agitatori dietro le tende – i poteri esterni – sanno fin troppo bene chi deve controllare in Italia. Anche se un movimento politico prende temporaneamente il potere verso un possibile cambiamento, finché la magistratura italiana è dalla tua parte, nessuno può batterti, non importa quanto popolare. In paesi come l’Italia, la fortuna di un politico può cambiare come il vento, come la storia ci mostra ripetutamente. 

L’economia italiana nei primi anni ’90 è stata robusta e in crescita, nonostante la diffusa corruzione dei suoi politici, in realtà così robusta che deve essere diventata abbastanza attraente per qualcuno nel mondo. Il completo annientamento di un’intera generazione di politici è stato eseguito in modo impeccabile da una squadra di incorruttibili e la fine della cosiddetta Prima Repubblica è stata raggiunta.

In definitiva, il piano generale era quello di impossessarsi, a prezzo di svendita, delle attività statali italiane proprio come era stato fatto con Eltsin nella Russia post-sovietica o con Menem in Argentina. Dèja-vu con Berlusconi che è stato finalmente costretto a dimettersi nel 2011, dopo quasi due decenni di instancabili attacchi da parte della magistratura. Quando hai a disposizione un ultragusto di intoccabili che è sicuro che non perderà in ogni caso i suoi privilegi e benefici, non importa quanto il Paese soffra, sei sicuro di controllare l’Italia. 

Fonte: http://thesaker.is/

®wld

TELEFONO OBBLIGATORIO?

Lascia un commento

 

Di: Dottor Roberto Slaviero collaboratore

21.04.20

Ho cercato sulla Carta Costituzionale, l’articolo di legge che preveda per ogni cittadino italiano, il possesso di un telefono cellulare, magari smart: con mio grande stupore non l’ho trovato! Infatti, anche se siamo in uno stato di golpe silenzioso, la Carta Costituzionale dei nostri Padri  Costituenti del dopoguerra, è ancora valida.

Che sia stata stracciata, in nome di un virus cinese, che comunque nel mondo, ha fatto meno morti della normale influenza stagionale, dovremo chiederlo in seguito a chi occupa i posti di garanzia costituzionale, nel nostro paese!

E dovranno rendercene conto; il popolo è sovrano e non come lo intendono i falsi oppositori di prima e di oggi…partiti politici in primis chiaramente!

Comunque, notizia di ieri, il Gov Zaia, renderà obbligatoria la App Immun, per tutti i cittadini residenti in Veneto; altrimenti non si potrà girare liberamente…il cattivo Covid vi aspetta in tutti gli angoli di piazze e bar, ristoranti e spiaggie e come una pulce vi salterà adosso!

Sull’applicazione di tale App e sui problemi di privacy etc, vi invito a guardare il video qui sotto:

https://www.youtube.com/watch?v=mqKyVj50T3c&feature=youtu.be

Mi sembra che vogliano adottare la stessa modalità di Singapore, mentre la Corea del Sud ha usato il sistema a Gps…in Cina non lo so.

Con tutto il rispetto per le popolazioni sopra citate, una domanda; VOLETE RIDURRE IL PAESE DELLA PIU’ GRANDE STORIA LETTERARIA, PITTORICA, RINASCIMENTALE UMANISTICA, A DEGLI AUTOMI CONTROLLATI ATTRAVERSO APP E DRONI?

Ma voi politici responsabili eletti, chi cazzo siete, a chi rispondete, a che interessi tirate la corsa?

State portando la nazione sul baratro, avete gestito malamente l’emergenza e adesso, che sapete che i soldi stanno finendo, perché se chiudi tutto, non entrano nelle casse, Iva ed imposte varie, per pararvi il culo e per riaprire tutto, causa fallimento, volete obbligare i cittadini alla delazione e tracciamento!

VERGOGNATEVI! E agli italiani che vi seguiranno dico; VERGOGNATEVI ANCORA DI PIU’… PECORE IDIOTE!

Non si baratta la libertà e la sacra indipendenza personale, per qualsiasi motivo, tanto più per una FALSA PANDEMIA!

Non siamo in guerra, svegliatevi! E se invece lo fossimo, allora giustizia morale direbbe di adottare, come negli Usa il Secondo emendamento;

 

«Essendo necessaria, alla sicurezza di uno Stato libero, una milizia ben regolamentata, il diritto dei cittadini di detenere e portare Armi non potrà essere infranto.»

https://it.wikipedia.org/wiki/II_emendamento_della_Costituzione_degli_Stati_Uniti_d%27America

 

Ieri Trump, lo ha evocato negli Usa per alcuni Stati, dove la popolazione è scesa nelle strade per protestare contro la chiusura da covid e alla perdita di lavoro!

Con rammarico si cominciano a vedere scene di forza pubblica, che entra nelle Chiese per bloccare le Messe o che inveisce su anziani per i 20 minuti di “aria libera“, che segue con i droni, gente che corre nei prati e che picchia ed arresta italiani incazzati e stufi, che scendono nelle strade ed alzano la voce.

Ma ragazzi, che cazzo succede, voi dovete stare dalla parte della popolazione per difenderla, non per offenderla!

Speriamo siano casi isolati di pochi facinorosi, teste calde ci sono dappertutto e tutti sono umani.

Abbassate i toni ed anche se siete stressati e vi pagano gli straordinari una vergogna, non incazzatevi con la gente comune, ma cercate di aiutarla.

Non contribuite a far cadere il paese nel caos e nella ribellione.

Se purtroppo abbiamo al comando gente incapace ed impreparata, casomai rivolgetevi a loro e fateli capire che le loro decisioni sono irrealizzabili o pericolose per l’ordine pubblico!

Lo capite che questa orribile farsa è orchestrata dalle multinazionali dei vaccini e della tecnologia estrema delle dittature mediatiche?

Volete schifarvi un pochettino e vedere in un audizione al Parlamento, cosa hanno trovato dei biologi nei vaccini, che inoculano da alcuni anni obbligatoriamente ai bambini? Prego signori, accomodatevi, c’è anche del Dna di scimmia nei vaccini

https://www.youtube.com/watch?v=QbYBfPZC62k&feature=youtu.be

Dovrebbe essere immediatamente sospesa la legge in vigore ed indagate le case produttrici e chi in Italia, non ha controllato bene ed analizzato, prima di decidere la dittatura vaccinale … ma nessuno fa e dice niente.

E adesso, sempre con la scusa di un virus, vi hanno rinchiuso in casa e vi vogliono rovinare finanziariamente e psichicamente!

Non avete reagito prima …dicevate…ma va dai…è giusto: bisogna proteggere tutti dai virus e batteri cattivi!

Ve l’ho già detto;

 

STATE DISPREZZANDO LA CREAZIONE ED IL VOSTRO SISTEMA IMMUNE!

AVETE PERSO LA FEDE NELLA VITA E NEL SUO MISTERO CRISTICO!

 

Il tempo stringe, tic tac…tic tac…l’orologio della distruzione del nostro modo di vivere e della nostra libertà procede inesorabilmente: e guardate che non arriva nessuno dal cielo per salvarvi, su nuvole od astronavi e sapete perché: perché la maggior parte di voi crede solo al dio denaro ed è corrotto e senza scrupoli, soprattutto chi gestisce la Res Publica

È utile partire, per comprendere il concetto di res publica, dalla definizione proposta da uno dei più grandi pensatori dell’età repubblicana, Marco TullioCicerone, nel suo trattato politico de re publica (I, 25, 39): «La res publica è cosa del popolo; e il popolo non è un qualsiasi aggregato di gente, ma un insieme di persone associatosi intorno alla condivisione del diritto e per la tutela del proprio interesse»[1].

https://it.wikipedia.org/wiki/Res_publica

DEL DIRITTO E PER LA TUTELA DEL PROPRIO INTERESSE

AVETE CAPITO?

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

®wld

Tra le mele marce del covid-19

Lascia un commento

Qui sotto: Covid-19! Seguite i Soldi. Seguite le Famiglie. Storyline Parte 2 – la perte uno la trovate QUI

 

 

Intervista al Dr Rashid Buttar – sottotitolata in italiano qui sotto. -L’intervista al dott. Shiva, che detiene 4 lauree al MIT, discute dell’attuale pandemia globale la trovate QUI

 

mela-marcia-28007664

“Le mele marce” Una cosa che potremo fare nel video qui sotto

 

 

 ********************************

 

WALTER RICCIARDI, Una storia italiana. Di successo.

“L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha diffuso in serata una nota per prendere le distanze dalle opinioni del professor Gualtiero Walter Ricciardi e per chiedere ai media di “evitare espressioni che potrebbero suggerire che il professor Ricciardi lavori e/o rappresenti l’OMS” .

Ansa:

Coronavirus: Oms prende le distanze da Ricciardi
‘Sue opinioni non dovrebbero essere attribuite a Oms’

Leggi l’articolo QUI

********************************

 

 

Il 4 maggio l’UE ospita la conferenza internazionale per finanziare il vaccino

Marcello Pamio
“Il 4 maggio l’UE ospiterà una Conferenza internazionale per finanziare il vaccino”. L’annuncio arriva dalla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, proprio colei che vorrebbe tener segregati i vecchi pensionati italiani in casa fino all’anno prossimo!
I burocrati ci tengono a fare sapere ai sudditi che “ci vorrà ancora del tempo perché tutto possa tornare alla normalità”. Semmai torneremo alla “normalità”…
La Commissione ragiona alla rimozione delle misure d’emergenza prese dagli Stati membri, ma è evidente (per loro) che senza un vaccino non si potrà ritornare al punto di partenza.
Proprio per questo motivo il 4 maggio prossimo ci sarà una videoconferenza “per il finanziamento delle spese per il vaccino”.
Gli ospiti invitati: Global Preparedness Monitoring Board, Wellcome Trust, Gavi e CEPI e l’immancabile Fondazione Bill and Melinda Gates.
Li abbiamo già conosciuti più volte in passato, ma è bene capire chi sono:
  • Global Preparedness Monitoring Board (GPMB) è un organismo indipendente nato per gestire le crisi sanitarie globali e composto da leader politici, direttori di agenzia ed esperti a livello mondiale. Tra i membri figurano il dott. Chris Elias, presidente del Programma di Sviluppo Globale della Fondazione Bill & Melinda Gates che mira ad accelerare la consegna di vaccini. Tale programma si concentra su cinque aree: Pianificazione familiare (leggasi aborti); salute materna, neonatale e infantile; nutrizione; polio e ovviamente vaccini per tutti. Il dottor Anthony S. Fauci, direttore dell’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive (NIAID) presso il National Institutes of Health degli Stati Uniti. È uno dei principali consiglieri della Casa Bianca e del Dipartimento della salute e dei servizi umani e uno dei massimi esperti che spinge alla vaccinazione di massa.
  •  Wellcome Trust è una fondazione politicamente e finanziariamente indipendente che supporta le ricerche sulla salute. Dispone di un portafoglio di investimenti di 26,8 miliardi di sterlire. Nel 2017, il Trust ha stretto una partnership con il BARDA, Ricerca biomedica avanzata del governo degli Stati Uniti e Autorità per lo sviluppo, con il Ministero federale tedesco per l’Educazione e la ricerca (BMBF), con il Dipartimento di Sanità e assistenza sociale (DHSC) del governo britannico e con la Fondazione Bill & Melinda Gates
  •  Gavi the Vaccine Alliance è un’organizzazione internazionale nata nel 2000 con lo scopo ufficiale di vaccinare l’intero pianeta. I suoi principali partner sono l’OMS, l’UNICEF, la Banca mondiale e la Fondazione Bill & Melinda Gates.
  •  CEPI (Coalition for Epidemic Preparedness Innovations) è una fondazione nata a Davos nel 2017 che usa i finanziamenti di organizzazioni pubbliche, private, filantropiche per finanziare progetti di ricerca indipendenti per lo sviluppo di vaccini. Viene finanziato dalla Fondazione Bill and Melinda Gates.
Ricapitolando e riassumento, le cinque organizzazioni invitate alla conferenza internazionale per finanziare il vaccino sono: Bill Gates, Bill Gates, Bill Gates, Bill Gates e infine Bill Gates.
Quindi un unico e pericoloso individuo è praticamente in mezzo a tutti i gruppi e organizzazioni che lavorano per sfornare un vaccino che sarà poi inoculato a miliardi di persone in tutto il mondo! Fonte: https://disinformazione.it/

 ********************************

 

 

L’altra TV Ascolta i   Video Blog di Claudio Messora

Older Entries