Home

Il tempo che non hai mai avuto oggi ce l’hai

Lascia un commento

 

Visto che siete in casa e di tempo ne avete, vista la quarantena imposta, consiglio di guardarvi in piena libertà questo video sotto esposto, per carità nulla di cui questo blog ne abbia già parlato in dieci anni di attività, ma questo video raccoglie tutto, a partire dalla religione, fino ad arrivare a ogggi, manca solo il #CORONAVIRUS, l’astuta arma per condizionare e obnubilare il cervello, con la paura della morte, paura che insita in tutti gli esseri viventi e non per niente peregrina visto che si muore veramente per questa epidemia, oggi pandemia, pandemia che nei decenni e secoli scorsi si è sempre verificata, falciando migliaia di vite, come le guerre che si sono succedute fin dagli albori della storia umana.

Buona visione 

 

 

®wld

Bestie, Uomini, Dei – Il mistero del Re del Mondo

Lascia un commento

Dipinto del Re di Shambhala di Nicholas Roerichf presso il Museo d'Arte di Zanabazar, Ulaan Baatar, Mongolia

 

IL RE DEL MONDO – IL MISTERO DEI MISTERI

 

di: Dott. Roberto Slaviero

 

“Alt” disse a voce bassa la mia guida mongola, mentre un giorno attraversavamo la pianura nelle vicinanze di Tzagan Luk…

“Avete visto”, mi chiese il mongolo, “come i nostri cammelli muovevano gli orecchi dalla paura?

Come la mandria di cavalli sulla prateria si è fermata improvvisamente attenta, e come le greggi di pecore e di armenti si sono acquattate al suolo?

Avete notato come gli uccelli hanno smesso di volare, le marmotte di correre ed i cani di abbaiare?

L’aria era percorsa da una sommessa vibrazione e portava da lontano la musica di un canto che andava dritto al cuore di uomini, animali ed uccelli.

Il vento non soffiava più ed il sole era immobile…”

“E cosi è sempre, ogni qual volta il Re del Mondo prega nel suo palazzo sotterraneo e vaglia il destino di tutti i popoli della Terra“tratto da Ferdinand A. Ossendowski

 

“Bestie, Uomini, Dei…il mistero del Re del Mondo“

 

Libro di eccezionale durezza e bellezza, che narra veritiere esperienze vissute dallo scrittore, durante la terribile Rivoluzione Civile Russa, dopo la fine della prima guerra mondiale.

Fiumi di sangue e di terribili disgrazie provocate dai bolscevichi.

Ve lo consiglio !

Nella parte finale l’autore narra i suoi fantastici colloqui avuti con vari Lama e Hutuktu, tra la Mongolia ed il confine cinese.

Dove forse è localizzato il famoso  “Regno di Agharti”, dove ci sarebbero i Saggi del Mondo, nascosti ed irraggiungibili dai comuni mortali.

“Il Re del Mondo è in contatto con le menti di tutti coloro che influenzano il destino e la vita dell’umanità intera: con Re, Zar, Kahn, condottieri, Grandi Sacerdoti, scienziati e altri uomini potenti.

Egli conosce tutti i loro pensieri e progetti. Se sono graditi a Dio, il Re del Mondo, in modo invisibile, ne favorisce la realizzazione; se dispiacciono a Dio, il Re ne decreterà la distruzione.

Questo è il potere conferito ad Agharti, dalla misteriosa scienza dell’Om, pronunciando il quale cominciano tutte le nostre preghiere.”

Lo sapete che vi è un sito: http://www.deagel.com/ che tratta soprattutto di mezzi e strategie militari, che nel 2017 ha pubblicato una previsione per il 2025 per i vari paesi del pianeta, riguardanti popolazione e ricchezza.

Lo sfoltimento della popolazione in Europa e Usa avrebbe dell’incredibile.

  •  La Germania da 81 a 28 milioni!!
  •  Gli Usa da 327 a 100 milioni!!

 

Si dirà … sono dei pazzi criminali…può essere…ma…; “non vedo più ponti sul Danubio sopra Regensburg. La grande città di Francoforte; non rimane quasi niente. La valle del Reno sarà devastata per lo più dal cielo…”

Alois Irlmaier contadino e rabdomante bavarese, morto nel 1959, che ebbe visioni apocalittiche sulla Terza guerra Mondiale.

https://translate.google.com/translate?hl=it&sl=fr&u=https://fr.wikipedia.org/wiki/Alois_Irlmaier&prev=search

Due dei segni premonitori di questa apocalisse, saranno il gran caldo e il fatto che le persone parleranno tra loro avvicinandosi alla Scatola nera Zuban; trattavasi all’epoca, di una fabbrica di sigarette di Monaco, nel  cui pacchetto si poteva giocare e parlare…molto simile agli attuali Smartphone.

Parlò inoltre di una corruzione dilagante, di una Apostasia religiosa della Chiesa romana e di altre coincidenze molto attuali, quali un ingresso in Europa di molti immigrati.

Che la popolazione occidentale sia in diminuzione già lo si sa; sempre più morti e nascite sempre meno, soprattutto in Italia. Ne parlai in tempi non sospetti in un mio articolo anni fa https://olisticoaltapusteria.com/articolo.php?melastregata Una diminuzione chiaramente non cosi spaventosa, come quella prevista entro il 2025 dal sito sopra citato.

Anche nella Apocalisse di Giovanni Evangelista, alla fine di una terribile guerra tra il Bene e il Male, pochi resteranno ed andranno a vivere nella Nuova Gerusalemme.

Si dirà…di apocalissi ne sono già successe tante in 2000 anni, ma comunque oggi con i sistemi tecnologici e militari avanzatissimi, la catastrofe avrebbe risvolti sempre più drammatici.

Non parliamo delle armi Batteriologiche e Chimiche!! Scrivo il 30.01.2020 nel pieno del nuovo Virus cinese ammazza tutti. L’allarmismo dei media mondiali è scandaloso; tale e quale al discorso del riscaldamento antropico del pianeta.

 

Prove mediatiche di Pandemia!? Guerra commerciale!?

 

I morti segnalati ad oggi (circa 150) su una popolazione di decine di milioni di persone è irrilevante da un punto di vista statistico.

In Italia per la normale influenza muoiono annualmente migliaia di persone, per lo più anziani e deboli, per complicazioni cardiopolmonari!Abbiamo già visto in passato casi mediatici pompati dai media.

E poi ricordiamoci della macchina da guerra delle vaccinazioni; spaventiamo la popolazione e promuoviamo campagne vaccinatorie. La realtà vera è come sempre una; mantenere il più possibile il sistema immunitario vigile ed efficace.

Il Creatore non ha predisposto vaccinazioni per tutti gli umani; sono i soliti genetisti malati…già lo sappiamo.Se poi invece i dati che ci forniscono le autorità, sono sottostimati e parliamo di milioni di morti, allora le cose cambierebbero.

Ricordate sempre in medicina la linea guida per la salute: rapporto rischio e beneficio!! Il problema principale è che la maggior parte delle persone non crede alla Creazione Divina e quindi sbeffeggia veggenti, profeti e divinità.

“State dunque svegli poiché non sapete in quale giorno il vostro Signore verrà…perciò anche voi state pronti, perchè nell’ora che non immaginate il Figlio dell’Uomo verrà“ Matteo 24 – e non senza tribolazioni…aggiungo io!!

“Ogni cosa al mondo, disse il Gelong, è in uno stato di perenne cambiamento e transizione; popoli, scienze, religioni, leggi e costumi.L’unica cosa che non cambia mai è il Male, lo strumento degli Spiriti Maligni.”

Tratto sempre da Bestie, Uomini, Dei di Ossendowski

Stiamo vivendo in un sistema completamente impazzito; dove l’immoralità, le perversioni, l’abuso dei minori e dei più deboli, la pedofilia dilagante e lo sfregio alla Creazione con il Genderismo, ha raggiunto il suo culmine e  dove solo il dio denaro con lo sfruttamento della popolazione ed il potere di pochi, regna sovrano.

Il Reset finale si avvicina, non ci possono essere più dubbi!! Sempre è stato e sempre sarà cosi, purtroppo, nella storia del mondo. A noi cosa resta da fare se vogliamo evitare o ridurre le catastrofi?

Essere onesti con se stessi e con gli altri e dire la verità dei nostri pensieri  ed agire quando serve; non siate ignavi, pigri, indolenti e codardi per mancanza di forza spirituale.

Einstein mi pare, disse che non sapeva con che armi sarebbe stata combattuta la terza guerra mondiale, ma sicuramente sapeva con quali, sarebbe stata combattuta la quarta guerra: con bastoni e sassi!!

Tornando al rabdomante bavarese egli disse che la “guerra non durerà molto“ e che ci saranno, come affermano quasi tutti i profeti e veggenti, 72 ore di buio totale e tutto ciò che sarà nell’aria sarà velenoso.

Dopo i tremendi eventi vi sarà un tempo felice e “quelli che saranno sopravvissuti si rallegreranno e si stimeranno fortunati. Ma devono ricominciare da dove iniziarono i loro Nonni.“

Corsi e ricorsi storici, vista la protervia di pochi e l’ignavia di molti!!

“Il Re del Mondo apparirà al cospetto di tutte le genti quando per lui verrà il momento di guidare tutti i popoli buoni del mondo, contro i cattivi; ma questo tempo non è ancora giunto.

Il più malvagio degli uomini non è ancora nato “Parole scritte cento anni fa!!“

In seguito, mentre attraversavo la Mongolia orientale diretto a Pechino pensai spesso: cosa succederebbe se…? Se interi popoli di colore, religioni e razze diverse, cominciassero a migrare verso l’Occidente?

E adesso mentre scrivo queste ultime righe, i miei occhi si volgono involontariamente verso lo sconfinato Cuore dell’Asia, sul quale si srotolano le tracce serpeggianti delle mie peregrinazioni attraverso bufere di neve e tempeste di sabbia dei Gobi…”

Ma il più grande Mistero dei Misteri mantiene il suo profondo silenzio!!

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

®wld

Uomo di vimini – Toro di bronzo

Lascia un commento

 

 

Pene capitali orribili e prolungate nei tempi antichi

di Micki Pistorius 

Tutti hanno familiarità con il rogo delle streghe e dei criminali – che spesso sono morti per asfissia o arresto cardiaco prima che la loro carne fosse consumata dalle fiamme – ma fin dall’antichità l’ingenua ingenuità dei torturatori ha ispirato misure sorprendentemente orribili per punire i trasgressori e prolungare le loro morti angoscianti e lancinanti, spesso per gratificare i piaceri sadici dei loro carnefici.

 

Depiction1

Raffigurazione di un uomo di vimini, rifornito di vittime da bruciare. (Archivista / Adobe Stock)  

 

Arrostiti vivi e piombo fatto ingerire 

 

Secondo la leggenda, i druidi celtici tenevano prigionieri i legionari romani in cestini di vimini, e poi li incendiavano, come sacrifici per i loro dei. Sebbene Cicerone, Tacito e Plinio il Vecchio, abbiano commentato il sacrificio umano tra i Celti, è solo Giulio Cesare nel suo Commentario delle Guerre Galliche, che attribuisce questa particolare pratica ai druidi. Esiste la possibilità che i cestini di vimini possano essere stati spinti dai romani per alimentare la paura e il disprezzo della popolazione romana nei confronti dei viziosi nemici celtici e per giustificare le invasioni delle terre celtiche. Tuttavia, potrebbe esserci della verità in quanto un commento molto più tardi si trova nel Commenta Bernensia del X secolo ((o Berna scholia conservato nella Burgerbibliothek di Berna, Svizzera) in riferimento al poema epico di Lucano De Bello Civili Pharsalia, che descrive la combustione delle genti fatta dai Celti in un’effigie di legno come sacrificio a Taranis, dio del tuono.

 

La costruzione di Perillos dove è stato chiuso con l’inganno in un toro di bronzo che fece costruire per Falaride da Pierre Woeiriot (circa 1562) (dominio pubblico)

 

Diodoro Siculo, nella sua Bibliotheca Historica, racconta del toro siciliano, un toro di bronzo inventato da Perilli di Atene per Falaride, il tiranno di Akragas, in Sicilia. I prigionieri furono maneggiati attraverso un chiavistello aperto sul lato del toro di metallo e poi fu fatto un fuoco sotto di esso, per arrostire lentamente in vita le vittime intrappolate all’interno. Perillos disse a Falaride di aver progettato un dispositivo acustico impiantato all’interno del toro che avrebbe convertito i lamenti pietosi delle vittime nel “melodioso muggito” di un toro, per uscire, insieme all’incenso, attraverso il naso aperto del toro di bronzo. Falaride ingannò Perillos in una dimostrazione, lo chiuse a chiave all’interno del toro e accese il fuoco.

 

Immagine in alto: i santi Savino e Cipriano vengono torturati (circa 1100) Chiesa abbaziale di Saint-Savin-sur-Gartempe (dominio pubblico)

 

Per saperne di più

 

Fonte:  https://www.ancient-origins.net/

 

®wld

La Verità storica sul Medioriente

Lascia un commento

La Verità storica sul Medioriente. La volete sentire SI o NO?

 

di  

 

Quando succede qualcosa in Siria, in Libano, in Israele (o decapitano qualche sfortunato come appena accaduto alle due ragazze scandinave in Marocco) spuntano come funghi ipotesi sulle cause dei mali del medioriente. Si tratta di cause metastoriche, che mescolano espisodi veri a leggende inventate di sana pianta, oppure che prendono per le corna una questione che andrebbe presa per la coda. Alla fine, i lettori di queste analisi concludono dicendo cose del tipo “si ammazzano tra di loro”, “non sanno andare d’accordo”, “gli abbiamo rubato il petrolio”, e cose così.

 

Allora proviamo a fare chiarezza, ma senza perderci nei mille rivoli dei sunniti, sciiti, palestinesi e partito Baath.

 

Bene. Si parte.

 

Iniziamo dicendo che tutto il casino ha una data d’inizio e un luogo d’origine. La data d’inizio è il 1916, in piena Guerra Mondiale, il luogo è Londra. Se sfrugugliate su wikipedia leggerete una fesseria assoluta, e cioè che il petrolio fu scoperto in Arabia Saudita nel 1938. In verità gli inglesi sapevano benissimo che l’Arabia sonnecchiava su un mare di petrolio fin dalla Prima Guerra Mondiale e voleva dunque impossessarsene. Sia delle materie prime dell’attuale Arabia Saudita, sia di quelle dei paesi limitrofi (dall’Egitto all’Iran)!

 

Nel 1916 la situazione era questa: esisteva un impero musulmano, l’impero ottomano, guidato da un califfo che era il capo politico dei turchi di Istanbul e di tutte le aree del medioriente. Oltre che un capo politico, però, questo califfo era anche il capo spiriturale, cioè una sorta di “Papa” dei musulmani. L’impero Ottomano era all’epoca in guerra contro Francia e Inghilterra e le cose si stavano mettendo male. Gli inglesi, che avevano i piedi ben piantati in mezza Africa, dall’Egitto a Città del Capo, volevano mettere le mani su quest’area mediorientale per sfruttarne le enormi ricchezze. Così anche i francesi, seppur nei  limiti logistici loro propri in quel frangente, visto che avevano i tedeschi del Kaiser ai confini in Europa.

 

Gli inglesi, nel 1916, già stavano pensando a come mettere a posto le cose in caso di loro vittoria, peraltro sempre più probabile. La loro difficoltà era legata proprio al fatto che qualora avessero vinto i turchi, non sapevano come fare per sostituirlo, perchè un conto è sostituire un capo di stato con un fantoccio di comodo, un altro è sostituire un capo religioso e spirituale in grado di tenere assieme tutto l’Islam.

 

La figura che gli inglesi individuarono era quella di un principe nato a Istanbul e che aveva studiato in Inghilterra e che conosceva bene l’inglese, cioè che lo parlava fluentemente.

 

Costui poteva rappresentare il degno sostituto del Califfo turco non solo e non tanto per la sua ampia cultura, ma anche perchè nel 1916 era il custode dei luoghi sacri in Arabia della Mecca e di Medina. Come se qui da noi ci fosse un cardinale con poteri speciali e molto riconosciuto dei fedeli in lizza per diventare il futuro Papa. Il nome di questo Principe era Hussein (al-Ḥusayn ibn ʿAlī in arabo), ed aveva il ruolo, appunto di Sceriffo della Mecca. Insomma, amici, stiamo parlando del pretendente ideale a prendere le redini del califfato: un principe arabo molto colto, conoscitore dell’Inghilterra e della fede musulmana. Non solo, tenetevi forte, costui era anche discendente del profeta Maometto!!! 

 

Insomma, un taccone decisamente meglio del precedente… gli inglesi avevano trovato la soluzione ideale.

 

Durante la Grande Guerra, al-Ḥusayn ibn ʿAlī (Hussein) si era a dire il vero inizialmente alleato con gli Ottomani e la germania, ma fu poi convinto a mutare decisamente orientamento da una corrispondenza durata dall’estate 1915 all’inizio 1916 che ebbe con l’Alto Commissario britannico al Cairo, Sir Henry McMahon (che fu poi improvvidamente resa pubblica dal figlio Faysal davanti al Consiglio supremo inglese anni dopo). Gli inglesi, alla ricerca di una figura che si ponesse a capo dell’insurrezione araba, dettero la garanzia a Hussein che sarebbe stato ricompensato con un “Grande regno arabo” che avrebbe abbracciato il territorio intero fra Egitto e Persia, con l’eccezione dei possedimenti imperiali britannici e di quelli sotto tutela francese.

 

Qualcuno ha mai visto il film Lawrence d’Arabia con Peter O’Toole e Omar Sharif? Beh… è quella storia lì e non è affatto inventata, sono ancora custodite le lettere degli accordi presi tra il Principe Hussein e gli inglesi e si possono leggere integralmente.

 

ATTENZIONE: Hussein non era uno sprovveduto e non stava affatto svendendo il popolo arabo e turco (che NON sono la stessa cosa, peraltro). Hussein leggeva il Times tutte le mattine e aveva capito benissimo il potenziale delle risorse del medioriente, cioè di Siria, Libano, Arabia ecc ecc, ma sapeva anche che avrebbe avuto bisogno degli occidentali perchè aveva bisogno delle tecnologie e degli ingegneri per estrarre e realizzare grandi infrastrutture per il suo popolo. Quindi l’accordo era molto intelligente e fu semmai sciocco il Califfo ottomano di allora a preferire i tedeschi e quindi posizioni di retroguardia.

 

Ad un certo punto gli inglesi fecero la loro offerta a Hussein. La proposta prevedeva di accedere al suolo dei paesi del “nuovo” califfato pagandogli delle royalties. Ora, cari lettori, immaginatevi Hussein che prende la calcolatrice dalla mensola della cucina, che si fa una bella risata e che dice agli algidi interlocutori: “tornate un’altra volta con una proposta almeno dieci volte più alta e ricominciamo a parlarne”.

 

Gli inglesi, però, non tornarono un’altra volta.

Fecero tutt’altro.

 

OCCHIO ORA che siamo arrivati al punto: gli inglesi presero la tribù più sporca e retriva di tutta l’area, i wahabiti e li misero sul trono del nuovo califfato al posto di Hussein. 

 

Cosa dire dei wahabiti, oltre al fatto che ovviamente accettarono le condizioni di sfruttamento del medioriente?

 

Per due secoli il Wahhabismo è stato il credo dominante nell’attuale Arabia Saudita. Esso costituisce una forma estremamente rigida di Islam sunnita, che insiste su un’interpretazione rigida e molto discussa del Corano. I wahhabiti credono che tutti coloro che non praticano l’Islam secondo le modalità da essi indicate siano nemici dell’Islam. I critici affermano però che la rigidità wahhabita ha portato a un’interpretazione quanto mai erronea e distorta dell’Islam, ricordando come dalla loro linea di pensiero siano scaturiti personaggi come Osama bin Laden e i Ṭālebāni. L’esplosiva crescita del Wahhabismo ha permesso l’insorgere di scuole (madrasa) e moschee wahhabite in tutto il mondo islamico… i fenomeni più terribili vengono da qui: da Al Quaeda e dalla sua variante oggi tanto di moda, l’Isis.

 

Quali sono le abitudini dei wahabiti in Arabia Saudita? Beh, tagliano le mani ai ladri, lapidano le donne, non le lasciano guidare l’automobile, ad esempio. Cosette simpatiche, insomma, che però nulla di nulla hanno a che fare con la grande cultura araba di filosofia e matematica nè con i sogni aulici di Mille e una Notte che tutti abbiamo letto da bambini.

 

Da quando gli occidentali, prima gli inglesi e i francesi e, dopo la seconda Guerra, anche gli americani, hanno scelto i wahabiti a fare da padri spiriturali nell’area – nonchè reali d’Arabia –  sono successi i veri casini. Le loro colpe sono di gran lunga peggiori di quelle di Israele, che pure ne ha, e di molto gravi.

 

Il terrorismo islamico, dalla Cenenia russa alla Siria, dalla Libia alla Nigeria di Bocho Aram ha come unica matrice spirituale e finanziamento materiale l’Arabia Saudita dei wahabiti alleati degli americani. I sauditi, nostri alleati, presero il posto di Hussein alla guida dell’Islam e ancora oggi consentono la speculazione delle multinazionali sulle materie prime a vantaggio solo loro, che sono numericamente in pochi abitanti e a tutto svantaggio del resto del cosiddetto Islam.

 

Quindi, se in Occidente volessimo risolvere per sempre la questione (sia per noi, che per i musulmani di tutto il mondo) dovremo lavorare con gli altri arabi  per ridimensionare o abbattere il regime wahabita che governa da decenni in Arabia. Tutto il resto, le bombe di mia nonna in cariola, Putin che aiuta Assad, Obama che aiuta Erdogan, l’Iran che se la fa con i russi … i bambini morti per colpa di Tizio e di Caio sono specchietti per le allodole, falsi macroscopici ad uso e consumo del lobotomizzato cittadino occidentale, delle grosse tette di Selvaggia Lucarelli e del piccolo cervello di Saverio Tommasi 

 

Fonte articolo: http://micidial.it/

 

Consiglio: leggere anche i commenti all’interno del post originale

 

®wld  

 

L’albero di Natale e le sue leggendarie origini storiche

Lascia un commento

Portada-Arbol-de-Navidad1

 

È una casa rara che non è adornata in questo momento con un abete di Natale. In questi tempi familiari, piccoli e grandi di solito trasformiamo il nostro albero di Natale nell’asse centrale della nostra casa: ai tuoi piedi appariranno i regali il 25 dicembre e accanto a lui ci incontreremo, assaporando deliziosi piatti e dolci. Ci siamo abituati così tanto alla sua presenza magica, che non ricordiamo nemmeno – o molte volte sappiamo – i motivi per cui, anno dopo anno, diventa il protagonista del nostro Natale.

Tuttavia, sebbene la documentazione storica sull’abete natalizio appaia solo pochi secoli fa, è vero che le leggende e le tradizioni che ci raccontano risalgono a tempi molto antichi. Tradizioni e leggende frutto di culture, epoche e usanze molto diverse: alcune di origine strettamente cristiana e altre molto precedenti alla nascita del cristianesimo. 

 

Il simbolismo dell’albero nel corso della storia

 

Gli alberi sono sempre stati considerati un simbolo di vita, specialmente per quelle culture strettamente legate alle forze della natura. Dalla preistoria gli uomini primitivi introdussero piante perenni e tutti i tipi di fiori nelle loro caverne e rifugi ai quali conferirono un significato magico e / o religioso. Mentre Greci e Romani decoravano le loro case con edera, i Vichinghi e altri popoli nordici preferivano farlo con il vischio e altre piante sempreverdi come alloro, agrifoglio e rami di varie conifere.

 Lamina-Acebo2

I popoli nordici decoravano le loro case con agrifoglio e altre piante perenni. Illustrazione di una pianta di agrifoglio disegnata da Otto Wilhelm per il suo libro “Flora di Germania, Austria e Svizzera” (1885). (Dominio pubblico)

Gli antichi abitanti del nord Europa hanno celebrato la nascita di Frey, dio del sole e della fertilità, adornando un albero perenne vicino al solstizio d’inverno. Questo albero rappresentava il divino Yggdrasil (Albero dell’albero dell’universo supporto dei Nove mondi), nella cui corona era il cielo in cui era Asgard (la dimora degli dei), e all’interno di Asgard el Valhalla (sala di Odino nella che ha ricevuto eroi vichinghi uccisi in combattimento). Al contrario, le loro radici profonde affondarono in Helheim, il regno dei morti. La celebrazione di quel giorno era decorarla con torce che rappresentavano le stelle, la luna e il sole. Intorno a lui, danza e canta in onore di Frey. Dopo l’evangelizzazione di quella parte del vecchio continente, i nuovi cristiani hanno adottato l’idea dell’albero sacro per celebrare la nascita di Cristo.

Per i Celti l’albero era considerato un elemento sacro e venerato dai Druidi. Era un mezzo per celebrare il “culto della luce” nel giorno del solstizio d’inverno, la notte più lunga dell’anno. Dal solstizio d’inverno fino all’inizio di gennaio i Celti hanno bruciato rami di quercia (simbolo dell’anno che muore) nella convinzione che le scintille prodotte porterebbero a nuovi giorni luminosi, mentre le ceneri si spargevano attraverso i campi per favorire il Colture future

Esistono innumerevoli culture in cui l’albero rappresenta il mezzo di unione tra cielo e terra. Pertanto, specialmente nelle culture orientali, l’albero è un simbolo dell’incontro con il sacro: un punto d’incontro tra esseri umani e divinità. Per millenni gli alberi sono stati per l’uomo un simbolo di saggezza, fertilità, longevità e crescita. Quindi, ci sono così tante leggende che ruotano attorno agli alberi e al loro rapporto con gli umani.

Decoracion-abeto-Navidad3

Giovane donna che decora il suo albero di Natale nel “Natale” (1898), di Marcel Rieder (1862-1942). (Dominio pubblico) 

 

L’albero di Natale cristiano

 

L’albero di Natale simboleggia per il cristianesimo la speranza di rinascita nella notte più buia dell’anno e l’invocazione della luce attraverso la nascita di Gesù di Nazaret. Inoltre, ricorda l’albero del Paradiso di cui mangiarono i frutti Adamo ed Eva e da dove proviene il peccato originale. D’altra parte, la sua forma triangolare (perché si usa generalmente una conifera) simboleggia la Santissima Trinità: Padre, Figlio e Spirito Santo.

Secondo una popolare tradizione tedesca, San Bonifacio (675-754) – vescovo inglese che viaggiò in Frisia e Germania per evangelizzare i suoi abitanti, si sentì molto ferito nel Natale del 723 quando vide che i tedeschi erano tornati alla loro vecchia idolatria e si prepararono a celebrare il solstizio d’inverno sacrificando un giovane sotto la sacra quercia di Thor. Tale era la sua delusione e rabbia che, prendendo un’ascia, andò a tagliare quell’albero. La leggenda narra che, al primo colpo dell’ascia, una forte raffica di vento abbatté immediatamente la quercia. La gente del posto, sorpresa e spaventata, riconobbe l’intervento della mano di Dio in un simile evento e implorò San Bonifacio di spiegare come avrebbero dovuto celebrare il Natale.

Quindi, il sacerdote notò un piccolo abete che, miracolosamente, rimase intatto accanto ai resti della quercia caduta. Lo vide come un simbolo dell’amore di Dio e lo adornava con mele – frutti di tentazioni peccaminose – e con candele che rappresentano la luce di Cristo che nasce per illuminare il mondo. Alla fine, poiché aveva familiarità con l’usanza pagana di decorare case con foglie e rami di piante perenni durante l’inverno, chiese a ogni famiglia di portare un abete a casa.

San-Bonifacio-Fritzlar4.jpg

Statua di San Bonifacio a Fritzlar, Germania, raffigurante il santo che porta un’ascia dopo aver abbattuto la quercia di Thor. (Dominio pubblico)

 

A poco a poco, la tradizione si è evoluta, cambiando mele per palline colorate e candele per faretti e luci lampeggianti. Ma, nonostante questi cambiamenti, le sfere colorate simboleggiano ancora le preghiere fatte durante il periodo dell’Avvento cristiano: il tempo di preparazione fino alla nascita di Gesù.

In questo modo, le palle blu simboleggiano le preghiere di pentimento, quelle d’argento corrispondono alle preghiere per dire grazie, quelle dorate sono un simbolo delle preghiere di lode e le sfere rosse delle richieste rivolte a Dio. Allo stesso modo, la stella con cui è sormontato l’abete di Natale rappresenta la fede e la luce che dovrebbero guidare ogni buon cristiano, ricordando alla stella che, secondo il credo cristiano, ha guidato i Magi a Betlemme.

Per quanto riguarda il resto delle figurine con cui è decorato l’albero di Natale, rappresentano le buone azioni e i sacrifici che i cristiani offrono in dono a Gesù per il suo “compleanno” il 25 dicembre.

Bolas-Navidad5

Tutti gli ornamenti natalizi in abete hanno un profondo significato simbolico. (Kris de Curtis-CC BY 2.0) 

 

Origini dell’albero di Natale moderno

 

Oggi non sappiamo quale sia stata la prima copia dell’albero di Natale nella storia, dal momento che ci sono diverse città del nord Europa che contestano questo onore. Ad esempio, a Riga, in Lettonia, c’è una targa che afferma che il primo albero fu adornato in quella città nel 1510. Tuttavia, ci sono anche testimonianze che affermano che era nella Brema tedesca, nel 1570, quando fu decorato per la prima volta un albero a base di noci, frutta secca e nastri di carta.

Nonostante quanto sopra, sono gli spettacoli medievali – che rappresentavano misteri e passaggi biblici – che, secondo gli esperti, forniscono gli indizi più importanti sulla vera origine del moderno albero di Natale. Questi spettacoli hanno adempiuto alla funzione di insegnare la religione cristiana alle persone che, per la maggior parte, erano composte da individui analfabeti. Queste opere sono diventate molto popolari e diffuse in tutta Europa. Così, alla vigilia di Natale, il 24 dicembre, era rappresentato il passaggio del peccato originale di Adamo ed Eva. Durante tutto il lavoro, l’albero biblico del bene e del male ha occupato il centro della scena. In linea di principio si pensava di usare un melo, ma non sarebbe stato adatto in inverno, quindi si decise di far adornare un abete con mele, wafer e dolci per bambini dai quali, secondo gli esperti, sarebbero derivati ​​i nostri attuali alberi di Natale.

Arbol-de-Navidad-artificial6.jpg

Secondo gli esperti, è stato sulla riva occidentale del Reno, nella regione dell’Alsazia, dove “la moda” di decorare un albero di Natale è emersa nel 16° secolo. (Dominio pubblico)

 

Secondo gli esperti, è stato sulla riva occidentale del Reno, nella regione dell’Alsazia, dove “la moda” di decorare un albero di Natale è emersa nel 16° secolo. (Dominio pubblico)

Questi stessi esperti suggeriscono anche che si trovava sulla riva occidentale del Reno, nella regione dell’Alsazia, dove “la moda” dell’albero di Natale è emersa nel XVI secolo. Una delle prime prove documentali di ciò è la documentazione della città di Schlettstadt dell’anno 1521, che include l’ordine di fornire una protezione speciale alle foreste nei giorni prima di Natale, essendo i ranger responsabili della punizione Chiunque abbia tagliato un albero per decorare la propria casa. Inoltre, un altro documento informa che, a Strasburgo, capitale dell’Alsazia, gli abeti furono venduti sul mercato, per portarli a casa e decorarli. Dall’Alsazia la tradizione si diffuse nel resto della Germania, poi in tutta Europa e, infine, nel resto del mondo cristiano. 

Immagine di copertina: particolare del dipinto ad olio “L’albero di Natale” (1911), di Albert Chevallier Tayler. (Dominio pubblico)

Autore: Mariló T. A. 

 

riferimenti

 

L’albero di Natale: origini e senso cristiano. http://www.primeroscristianos.com/index.php/origenes/item/791-el-arbol-de-navidad-sus-origenes-y-sentido-cristiano/791-el-arbol-de-navidad-sus- Origenes-e-senso-cristiana

Fernandez, Tere. Natale e le sue tradizioni: l’albero di Natale. http://es.catholic.net/op/articulos/18260/la-navidad-y-sus-tradiciones-el-rbol-de-navidad.html

Castelli, Eleonora. L’abete come albero di Natale: origine, storia e leggenda. http://galakia.com/abeto-arbol-de-navidadorigenhistoria-leyenda/

Gómez Fernández, Francisco José. Breve storia del Natale. Edizioni Nowtilus.

 

Fonte articolo: https://www.ancient-origins.es/

 

®wld

Older Entries