Home

Nessuno si accorge di nulla

Lascia un commento

In TV non c’è alcuna pubblicità del Natale, nessun torrone, nessun panettone, nessun regalo, nessun albero di Natale…

Possibile che nessuno si accorga di  nulla? Nessuno si accorge che ci stanno togliendo tutto, modificando il nostro modo di vivere, il nostro mondo, ci stanno togliendo le nostre radici, le nostre identità, hanno creato un mondo distopico pieno di menzogne…rovinano l’infanzia dei bambini. Stanno occultando la nostra arte e ci tolgono anche la nostra massima festa religiosa, il Natale, e qualsiasi tipo di festa, con un pretesto di emmergenza sanitaria… 

Mentono sui morti, sugli ospedali pieni e la gente abbocca, fieri di litigare per fare rispettare le regole, per paura di morire e credendo di adoperare il buon senso. 

Non esiste più alcun tipo di rapporto sociale, fisico, amicizia, famigliare, stette di mano, ci si saluta con i gomiti o con i pugni chiusi… 

Vogliono un mondo fatto di uomini e donne sottomessi dai poteri forti e lo fanno con il crimine, con ogni mezzo, con i media, con l’arte della paura. 

Siete complici della massoneria, la massoneria non crede in Gesù Cristo quindi non festeggia il Natale… 

Nemmeno la Cina popolare festeggia il Natale… State avallando il più grande disastro sociale, economico, politico della storia dell’umanità, e per giunta vi costringete a respirate la vostra stessa anidride carbonica invece di aria pura, anche quando siete da soli in strada. Persone intelligenti…si si! Homo Sapiens Sapiens

®wld

Chi ha controllato il passato controlla il presente e chi controlla il presente controlla il futuro

Lascia un commento

Puoi guardare il video o leggere l’articolo QUI 
®wld 

Prima del diluvio universale di Noè

Lascia un commento

Prima del diluvio universale di Noè: ecco 3 storie di diluvio precedenti alla Bibbia 

di Janice Friedman 

Le prove sono state portate avanti da un certo numero di archeologi che sostengono che un enorme diluvio ha spazzato la Terra tra 5.000 e 7.000 anni fa.

Alcuni sostengono che la storica inondazione potrebbe essere avvenuta, ma non su scala globale, poiché c’è chi sostiene che si sia verificata un’inondazione nell’area di quello che oggi è il Mar Nero, un’area che molti definiscono la “culla della civiltà”.

E mentre la storia del diluvio di Noè può essere una delle più popolari, la verità è che non è l’unica storia del diluvio là fuori.

In effetti, ci sono molte storie di inondazioni che precedono il diluvio descritto nella Bibbia.

I miti del diluvio possono essere fatti risalire all’età del bronzo e alla preistoria neolitica. Le storie di inondazioni sono spesso indicate come nuovi punti di partenza nella storia umana.

Antiche tavolette cuneiformi e il diluvio mesopotamico

La traduzione di antiche tavolette cuneiformi scoperte nel XIX secolo suggerisce che il diluvio della Mesopotamia potrebbe essere stato un antecedente del diluvio di Noè menzionato nella Bibbia. Si   ritiene che l’antica tavoletta Sumera Nippur  descriva il racconto più antico del Diluvio Universale e la creazione di uomini e animali sulla Terra. Registra anche i nomi delle città antidiluviane sulla terra e dei rispettivi governanti.

Nell’antica mitologia mesopotamica troviamo storie di inondazioni riguardanti i poemi epici di Ziusudra, Gilgamesh e Atrahasis.

In effetti, la lista dei re sumeri divide la sua storia in periodi di pre-alluvione (antidiluviano) e postflood.

Prima che il diluvio avesse travolto la terra, la Terra era governata da re che avevano una durata di vita mostruosa. Nei miti postflood, queste durate di vita sono state drasticamente ridotte.

Il mito sumero del diluvio è descritto nella tavoletta del diluvio. Narra l’epopea di Ziusudra, che, dopo aver scoperto che gli dei pianificano di distruggere l’umanità con una grande alluvione, costruisce un enorme vascello che alla fine lo salva dalle acque in aumento.

Nella lista dei re sumeri leggiamo della storia dell’umanità, dei suoi dei e dei governanti prima del diluvio.

L’elenco dei re sumeri suggerisce come Eridu sia stata la prima città sulla Terra. Infatti, secondo la mitologia sumera, Eridu era una delle cinque antiche città che furono costruite sulla Terra prima del Grande Diluvio.

La lista dei re sumeri recita:

“Dopo che la regalità discese dal cielo, la regalità era a Eridug. In Eridug, Alulim divenne re; ha governato per 28.800 anni. Alaljar ha governato per 36.000 anni. 2 re; hanno governato per 64.800 anni. Quindi Eridug cadde e la regalità fu portata a Bad-Tibira. A Bad-tibira, En-men-lu-ana ha governato per 43.200 anni. En-men-gal-ana ha governato per 28.800 anni. Dumuzid, il pastore, governò per 36.000 anni. 3 re; hanno governato per 108.000 anni … Poi il diluvio spazzò via.”

Dopo il Diluvio Universale, Kish è menzionata come la prima città degli Dei

“Dopo che il diluvio si era abbattuto e la regalità era scesa dal cielo, la regalità era a Kish”. Un totale di ventidue re governarono per un periodo di 16,480 anni, che compongono la prima dinastia di Kish.

La storia azteca della grande alluvione

Secondo gli antichi aztechi, un’enorme alluvione ha spazzato le terre.

Non importa dove guardiamo, troviamo le descrizioni di un enorme diluvio che ha travolto la Terra in un lontano passato.

Con alcune differenze, possiamo dire che quasi tutte le storie di alluvioni sono simili in un modo o nell’altro.

Il  Grande Diluvio  fu presumibilmente mandato da  Dio  o gli  dèi  sulla terra per distruggere la civiltà come un atto di punizione divina.

Secondo l’antica mitologia:

“Prima del grande diluvio che ebbe luogo 4.800 anni dopo la creazione del mondo, il paese di Anahuac era abitato da giganti, i quali morirono tutti nell’inondazione o furono trasformati in pesci, tranne sette che fuggirono nelle caverne. Quando le acque si abbassarono, uno dei giganti, il grande Xelhua, soprannominato l'”Architetto”, si recò a Cholula, dove, come memoriale del Tlaloc che aveva servito da asilo a se stesso e ai suoi sei fratelli, costruì una collina artificiale a forma di piramide …”

Non lontano dagli Aztechi troviamo un’altra storia di alluvione inviata dagli Dei.

L’Unu Pachakuti è, secondo la mitologia Inca, un’inondazione inviata dal dio Viracocha per distruggere le persone vicino al lago Titicaca. Si dice che questa grande alluvione sia durata 60 giorni e 60 notti.

Prima di creare gli umani, Viracocha ha creato una razza di giganti che abitava la Terra, ma li ha distrutti in un diluvio poiché si sono dimostrati indisciplinati. I giganti furono infine trasformati in pietra.

Viracocha, una delle divinità andine più importanti, decide di salvare solo due persone durante la massiccia alluvione, dando all’umanità un nuovo inizio e portando la “civiltà” nel resto del mondo.

Fonte: https://www.ancient-code.com/

®wld 

Ricordare che: Ogni fine è un nuovo inizio e con ogni fallimento nasce una nuova conoscenza

Lascia un commento

Zoroastrismo – La divinità e la “lotta tra il bene e il male”

di Lydia Serrant dal sito web ClassicalWisdom

Lo zoroastrismo è una delle religioni più antiche del mondo, il cui numero è in declino.

Altrimenti noto come Mazadayasna da coloro che lo seguono, le radici dello zoroastrismo risalgono al secondo millennio a.C. e sono state la religione di stato della Persia e di altri imperi iraniani per più di un millennio.

Le origini dello zoroastrismo


La religione prende il nome dal suo fondatore, Zoroastro (o Zarathushtra) che visse nell’antico Iran (la data esatta è attualmente contestata).

Nato sotto una religione politeista, Zoroastro ricevette una visione di Vohu Manah (approssimativamente inteso come il Dio del Bene ) che lo portò in viaggio verso l’Amesha Spenta, una coorte di entità divine e il Signore dell’Essere e della Saggezza noto come Ahura Mazda – la più alta divinità dello zoroastrismo.


E così è nato lo zoroastrismo …

Zoroastro condannò l’adorazione di molteplici divinità, aprì politicamente il cuneo tra iraniani e ariani indiani nell’antico Iran e storicamente introdusse nel mondo una delle prime fedi monoteiste.

La nascita del bene e del male


Dallo Zoroastrismo, il concetto di un Dio singolare si fece strada nelle Tre Grandi Religioni:

  • cristianesimo
  • Giudaismo
  • Islam

E mentre lo Zoroastrismo faceva del suo meglio per diffondere il concetto di un Dio singolare del Bene e della Saggezza in tutta la civiltà primitiva, un altro concetto si diffuse con esso:

Il male…

Jacob Wrestling with the Angel, Alexandre-Louis Leloir, 1865.

Sebbene non siano adorati dalle principali religioni, il Male e gli spiriti che rappresentano il Male erano certamente considerati come divinità nello Zoroastrismo e sono ancora oggi nelle Tre Grandi religioni sotto forma di,

  • Demoni
  • Jinns
  • Dybukks

Come nelle principali religioni odierne, lo zoroastrismo si occupa principalmente della battaglia tra il Bene e il Male, per cui gli spiriti e le forze di entrambe le parti fanno del loro meglio per influenzare l’umanità e manifestarsi nel mondo materiale attraverso le azioni degli esseri mortali.

Il male e il concetto che l’accompagna di tentazione , svolgono un ruolo vitale nella morte e nella formazione dell’Aldilà.


La battaglia tra il bene e il male porta alla luce che la maggior parte delle fedi monoteiste sono religioni della dualità.

L’influenza del monoteismo dualistico è evidente nello sviluppo del Paradiso e dell’Inferno, dove risiedono gli Dei della Luce e dell’Oscurità, che si immischiano nelle vite degli uomini finché tutto non è distrutto nei giorni del Giudizio Finale.

L’aldilà e l’evoluzione del paradiso

Ci sono alcune prove che suggeriscono che questi temi si siano fatti strada nel giudaismo e nelle religioni successive che derivano dagli insegnamenti giudaici, dopo la liberazione degli ebrei dall’imperatore persiano Ciro il Grande .

Poco dopo e durante questo periodo emersero divinità come Belzebù , una figura che in seguito divenne Satana del cristianesimo e Sheytan dell’Islam.


Dopo la conquista persiana dei territori greci, anche la filosofia greca iniziò ad adottare alcune caratteristiche del pensiero zoroastriano.

Fino all’influenza persiana, i greci credevano che gli esseri umani fossero semplicemente marionette degli dei e che il corso della propria vita fosse scandito dagli dei del destino.

Dopo che lo zoroastrismo persiano raggiunse le loro coste, i greci iniziarono a parlare del potere dell’individuo e di come le scelte che facciamo nella vita abbiano avuto un impatto sulla qualità della nostra morte .

Guide alate


Gli dei del bene e del male spesso si affidano agli agenti per interagire con l’umanità per eseguire i loro ordini.

Quando viene chiesto di pensare a un agente degli dei, spesso vengono in mente immagini di angeli piumati o demoni con ali simili a pipistrelli .

Ma,

Da dove vengono queste immagini?

Qual è il legame tra volo e divinità?

Peri Banu e Price Ahmed, Edmund Dulac 1882


Peri, (o Pari) sono belle donne ajlate della mitologia persiana.

Potrebbero essere paragonati agli angeli del cristianesimo, tranne che per la loro origine.

Inizialmente vietato entrare in paradiso fino a quando non è stata pagata la giusta penitenza, i Peri rappresentano gli spiriti che vagano tra i mondi.

Mentre inizialmente venivano descritti come spiriti del male, una volta introdotti nell’Islam e incorporati nella mitologia turca e armena, Peri divenne spiriti benevoli che si opposero a Jinn , Div e altri spiriti delle tenebre.


Da lì in poi, Peri è diventata la guida dell’umanità.

I testi religiosi parlano di Peri sia in termini psicologici che fisici, descrivendo casi di esseri umani rapiti da Peri per partecipare a eventi sociali divini, o Peri che appare nei sogni per trasmettere messaggi importanti.

Anche il matrimonio era ritenuto possibile tra umani e Peri.

In una leggenda, si crede che la regina di Saba sia il prodotto di tale unione.

Tuttavia, a causa dell’oscurità naturale che risiede in tutti gli uomini, è scritto che il rapporto tra Peri e l’Umanità è destinato a fallire.


Le immagini di ibridi umani e uccelli, o uccelli simpatici per l’uomo, non sono affatto rare nella mitologia antica.


Un ulteriore esempio è Simurgh, un antico uccello del folclore persiano, moderno iraniano e curdo che si diffuse in gran parte dell’Impero Romano d’Oriente con i persiani.

Il volo di Simurgh c.1590 Collezione Sadruddin Aga Khan

Simurgh è spesso raffigurato come un uccello con la testa di un uomo o di un leone, tuttavia, l’uccello è considerato una dea, figura materna e guaritrice.

Simile al Peri, è una messaggera che viaggia tra il cielo e la terra, offrendo la guida divina a coloro che hanno la fortuna di intravedere sua maestà.


È noto che Simurgh adotta uomini umani e, considerando il suo ruolo di Grande Madre, non ci sono rapporti sul fatto che abbia dato alla luce qualcosa di diverso da se stessa.

Simurgh è il precursore della Fenice, un uccello di fuoco che rinasce dalle sue ceneri.

È la somma di tutta la conoscenza, avendo visto molte volte la distruzione e la rinascita del mondo.

Altre interpretazioni di Spirits of Paradise compaiono nei successivi testi islamici sotto forma di Houri, belle donne che accompagnano i morti nell’aldilà.

Gli Houri ricordano anche le Valchirie, antichi spiriti norreni descritti come belle donne che accompagnano coloro che sono morti in battaglia nel Valhalla.

Le Valchirie sono raffigurate con le ali o in groppa a cavalli alati.

Sebbene Houri non abbia le ali, alla morte uno spirito umano riceve un Houri come ricompensa per ogni giorno di digiuno o per una buona azione compiuta nella vita.

Con l’Houri, vediamo l’evoluzione del dare ricompense e la promessa che le azioni compiute nella vita saranno ricompensate – o punite – nell’aldilà e che la buona fortuna è un dono del cielo.

L’Huma, un uccello divino della mitologia Sufi e Diwan e “Uccello del paradiso” nella leggenda ottomana, elargisce doni a coloro che sono ritenuti degni e può predire o conferire la regalità.

Questo è forse un primo esempio della fede nel diritto divino dei re

Particolare del mosaico dell’uccello Huma alla Madrasa Nadir Divan-begi a Bukhara, Uzbekistan Preso da RK

.

L’Huma è androgino, con attributi sia maschili che femminili.

Ancora una volta, il filo conduttore della dualità riemerge, e ci viene presentata una creatura simbolica che incarna armonie maschili e femminili che si riproducono da sole, rappresentando ulteriormente il ciclo della rinascita.


Le rappresentazioni di ibridi di uccelli e umani sono simboliche delle forze del bene e del male e di altre dualità in natura, che per ogni azione c’è una reazione e questo processo è un elemento essenziale della creazione stessa.

Questo, credo, è il messaggio dello zoroastrismo e delle religioni che lo hanno seguito.

Le ali degli Angeli, Peri e altre creature alate rappresentano il Volo dell’Anima , la Soppressione dello Spirito e la Mente Umana , in contrasto con il mondo fisico, il materialismo e la natura, rappresentati dalle caratteristiche umane, dalle simpatie e dalle unioni .

La simbologia parla di uno spirito umano che non nasce buono o cattivo, ma è modellato dalle scelte che fa nel corso di una vita (o molte vite, secondo i buddisti).

L’Huma, Phoenix, e Simurgh non solo rappresentano il ciclo della vita e della morte, ma anche la dualità del maschile e energie femminili.

La natura non può esistere senza questi elementi riproduttivi …

Pertanto, gli uccelli del paradiso sono il collegamento tra la vita e la morte e servono a ricordare che ogni fine è un nuovo inizio e con ogni fallimento nasce una nuova conoscenza.

Questi sono archetipi vecchi come il tempo …

Le rappresentazioni zoroastriane di creature simili a uccelli si sono sviluppate per fare appello alla natura interiore dell’umanità.

La scelta personale è centrale nel testo zoroastriano, poiché uno deve guadagnarsi il proprio posto in paradiso e la responsabilità personale per le proprie azioni non potrebbe esistere senza un concetto di base di libero arbitrio.

Lo zoroastrismo riconosceva che sia il Bene che il Male sono centrali per la natura umana, e ora, come allora,

siamo vulnerabili a forze esterne che ci sfidano a scegliere tra i due

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

************************************

Consigliato: Shahmaran – La regina dei serpenti

®wld

Paura – un’arma e un veleno per il cervello

Scritto il Pubblicato inAntropologia , ATTUALITA’ , Canzoni & Musica , Costume & Società , Internet , Psicologia , Salute & Medicina , sapere , Tecnocrazia , Web

Il caustico salario della paura perpetua 

Postato da: Paul Rosenberg tramite Free-Man’s Perspective

I primi tecnocrati che svilupparono la “scienza dell’ingegneria sociale” studiarono artisti del calibro di Saint-Simon, Pavlov, BF Skinner, Edward Bernays, ecc., E conoscevano perfettamente gli effetti della paura sulle persone e sulle società. Oggi è il loro strumento più utile. ⁃TN Editor 

Ho parlato a lungo sulla paura che rende gli esseri umani stupidi, e persino sul fatto che sia un’arma e un veleno per il cervello. Ma a volte mi sono anche chiesto se le persone avrebbero colpito la stanchezza della paura … quel punto in cui le persone hanno semplicemente avuto abbastanza paura e se ne sono andate.

A quanto pare, tuttavia, ero un po’ ottimista sulla paura della fatica. Ho letto l’ultimo libro di Robert Sapolsky,  Behave: The Biology of Humans at Our Best And Worst, e sono rimasto deluso nell’apprendere ciò che la migliore nuova ricerca mostra sull’applicazione a lungo termine della paura. (O, nella terminologia accademica,  stress sostenuto.)

La mia delusione, tuttavia, fu presto mitigata da due cose:

  1. Ho ottenuto informazioni su come funziona l’avvelenamento da paura.
  2. Quella neurologia umana è immensamente variabile, che ci sono eccezioni a tutto, e che se l’intero quadro fosse effettivamente oscuro come le scoperte più preoccupanti, molto tempo fa ci saremmo trasformati in nient’altro che scimmie assassine.

Ho a malapena bisogno di dirlo, ma il 2020 è stato l’anno della paura. Sono un po’ stupito dalla sua portata. C’è un certo fascino nell’assorbire tutte le storie di paura in tempi normali – la nostra capacità di guardare male negli occhi ci fa sembrare vibranti – ma il 2020 si è spinto ben oltre quel livello. Quello che stiamo incontrando è molto più del semplice porno della paura e ci sono alcuni punti vendita (compresi i siti Web) che posso solo descrivere come osceni.

Questo è più distruttivo di quanto le persone credano.

Cosa ci fa la paura perpetua 

Cito da Sapolsky, che è uno dei migliori neuroscienziati del nostro tempo. Modificherò un po’ per semplificare e rimuovere i riferimenti all’area cerebrale, e seguirò i passaggi con alcune elaborazioni.

Durante lo stress prolungato, abbiamo più paura, il nostro pensiero è confuso, valutiamo male i rischi e agiamo impulsivamente per abitudine, piuttosto che incorporare nuovi dati”.

Sotto un lungo flusso della paura (come titoli spaventosi), il nostro pensiero si rompe. Mettiamola in modo molto semplice: potresti essere molto intelligente in sostanza, ma quando consumi ore di paura ogni giorno, diventi stupido. E per favore cerca di capire:  questo è biologico. Le tue operazioni cerebrali diventano quelle di una persona stupida. (E sì, sto usando “stupido” in modo molto antiscientifico.)

Ricorda anche che la paura funziona. Le persone che vendono la paura in TV, pagine web e social media vengono ricompensate per questo. Sono diventati, usando i miei termini liberamente ma non ingiustamente, spacciatori di droga, vendendo materiale dannoso da cui le persone diventano dipendenti. Inoltre, questi sono professionisti. Le società di social media sono pienamente consapevoli che i loro modelli di business dipendono dalle persone che ne sono dipendenti. Stanno attenti a mantenerli dipendenti.

Le paure che le persone consumano, quindi, provengono da persone che ne traggono profitto.

Lo stress indebolisce le connessioni che sono essenziali per incorporare nuove informazioni che  dovrebbero  spingere a passare a una nuova strategia, rafforzando al contempo le connessioni con i circuiti cerebrali abituali”.

In altre parole, la paura ti blocca nelle tue abitudini e nelle tue scelte precedenti. Riduce letteralmente i percorsi cerebrali che ti consentono di cambiare idea.

Questo è serio e sospetto che tu abbia già visto esempi di questo.

“In condizioni di stress prolungato elaboriamo le informazioni importanti dal punto di vista emotivo rapidamente e automaticamente, ma in modo meno accurato. La memoria di lavoro, il controllo degli impulsi, il processo decisionale, la valutazione del rischio e lo spostamento dei compiti sono compromessi.”

Ancora una volta, la paura prolungata blocca le persone in qualunque percorso si trovino già. E ancora, questo è biologico. I circuiti cerebrali sono direttamente interessati.

Da tutto quello che ho scritto sopra (e ci sono altri effetti sgradevoli come la violenza domestica), sembrerebbe che siamo condannati; che i nostri vicini che hanno bevuto profondamente dal fiume della paura sono bloccati dal cervello e finché il flusso della paura continua (non sembra esserci una fine in vista), diventeranno sempre più rigidi nei loro pregiudizi e quella violenza continuerà e aumenterà.

E per alcune persone tutto quanto sopra sarà vero. La paura distrugge nel modo più diretto: biologicamente.

Eppure … la biologia non è mai semplice, soprattutto a livello umano. Mentre le cose di cui sopra sono generalmente vere, ci sono sempre delle eccezioni; a volte molti di loro. Ed sono proprio quelle eccezioni che ci hanno salvato, di volta in volta.

I salari della paura perpetua sono menti polarizzate e bloccate. E questo porta a un’opposizione istintiva, violenza e omicidio. Lo stiamo vedendo ora e continuremo a vederlo per un po’ di tempo. Il mondo, a quanto pare, è diventato dipendente dalla paura.

Eppure, molti di noi lo rifiutano, e questo è ancora lontano.

Due giorni fa c’è stata una festa nel mio quartiere: musica, parlare, suonare, ridere e così via. È stato il primo rumore gioioso che ho sentito in pubblico da molto tempo.

La vita trova un modo, e soprattutto la vita umana. 

Leggi la storia completa qui … 

Postato su: https://www.technocracy.news/

®wld

Trump e Q sul nemico invisibile – il fattore Extraterrestre

Lascia un commento


by Michael Salla
July 01, 2020 from Exopolitics Website

Ci sono stati più riferimenti a un “nemico invisibile” del presidente Donald Trump e “Q” (alias QAnon ), che White Hats nella comunità dell’intelligence militare americana sta attualmente combattendo in una “guerra dell’informazione”.

Mentre i principali organi di informazione sostengono che Trump si sta semplicemente riferendo a COVID-19 come il “nemico invisibile” che ha afflitto gli Stati Uniti e il resto del pianeta, ciò che emerge dall’esame del contesto più ampio delle sue osservazioni e dei post su “Q” è che il vero il nemico a cui Trump allude è uno stato profondo che,

ha una dimensione non umana che sta dietro la “pandemia” …

I ripetuti riferimenti di Trump al nemico invisibile sono stati notati dai media più diffusi come un semplice sviluppo retorico nella lotta contro il virus COVID-19 .

Ad esempio, Jack Shafer, scrivendo come Politico, ha dichiarato il 9 aprile:

Da quando il presidente Donald Trump ha lanciato il suo bootleg sul coronavirus a metà marzo, concedendo finalmente l’entità della pandemia, ha tentato di marchiare il contagio come un “nemico invisibile“.

Trump ha usato la frase per la prima volta in una conferenza stampa della task force del coronavirus del 16 marzo, dicendo:

“Non importa dove guardi, questo è qualcosa: è un nemico invisibile.”

Ovviamente una monetazione consapevole progettata per aggiungere il condimento di Trumpian ai titoli, il presidente si è assicurato di tornare alla frase circa un minuto dopo, dicendo:

“Dico solo questo: abbiamo un nemico invisibile.”

Da allora, Trump ha usato l’espressione in lettere, commenti, interviste, tweet, video blog, ma soprattutto negli addetti ai lavori in stile campagna sul virus che ha messo in scena quasi ogni giorno dalla sua inversione di tendenza.

Secondo il database Factbase, Trump ha sfruttato l’espressione almeno 44 volte in quello che sembra il suo sforzo di antropomorfizzare il virus in una cosa senziente con cattive intenzioni sull’umanità.

È questo ciò che Trump sta facendo con i suoi ripetuti riferimenti a un “nemico invisibile” alludendo semplicemente a qualcosa di così piccolo che non può essere visto?

O si riferisce a un nemico invisibile che ha orchestrato l’emergere di COVID-19?

I ripetuti riferimenti di Trump (sotto il video – minuto 6:10 in poi) alla Seconda Guerra Mondiale in vista della seguente citazione forniscono un contesto che suggerisce che si sta riferendo a qualcosa di molto più sinistro dietro il virus globale rispetto a un semplice evento naturale accidentale:

Nella seconda guerra mondiale i giovani durante l’adolescenza si sono offerti volontari per combattere.

Volevano combattere così tanto perché amavano il nostro paese. I lavoratori si sono rifiutati di tornare a casa e hanno dormito nei piani della fabbrica per mantenere in funzione le linee di assemblaggio …

Dobbiamo sacrificarci insieme perché siamo tutti in questo insieme e arriveremo insieme. È il nemico invisibile .

Questo è sempre il nemico più duro: il nemico invisibile . Ma sconfiggeremo il nemico invisibile . Penso che lo faremo anche più velocemente di quanto pensassimo.

E sarà una vittoria completa.

Il più ampio contesto delle osservazioni di Trump sull’invisibile nemico lo indica come lo Stato profondo, che lui e la sua amministrazione hanno combattuto anche prima della sua inaugurazione presidenziale.

La guerra civile tra l’amministrazione Trump e lo stato profondo è una battaglia tra coloro che vogliono liberare l’umanità da un gruppo oppressivo di controllori globali che ha schiavizzato l’umanità attraverso il suo dominio di,

i media principali e le istituzioni politiche, finanziarie, culturali e religiose per secoli, se non per millenni …

Autori come Jim Marrs, Rule by Secrecy (2001) e William Bramley, Gods of Eden (1993), hanno presentato prove convincenti esponendo i controllori globali / Deep State come famiglie di stirpi al potere che riportano i loro antenati ai coloni extraterrestri banditi da Terra millenni fa.

Entrambi rivelano che nel lontano passato dell’umanità,

gli extraterrestri governarono direttamente sull’umanità, e quindi installarono ibridi umano-alieni per governare come delegati come descritto in documenti storici come “King’s List” di Sumer e la cronaca di Manetho dei sovrani egiziani pre-dinastici.

Questi sovrani proxy ibridi si sono evoluti per diventare le famiglie di stirpi dominanti che hanno controllato l’umanità da dietro le quinte usando antiche conoscenze e tecnologie tramandate dai loro signori extraterrestri – entità rettili, secondo Marrs e altri.

Negli anni ’30 e ’40, queste famiglie di linee di sangue ottennero l’accesso a tecnologie extraterrestri più recenti e potenti acquisite attraverso visitatori fuori dal pianeta attratte dalla rapida industrializzazione della Terra e dallo sviluppo incombente di armi atomiche.

Primo,

Germania, Italia, quindi Stati Uniti, Gran Bretagna, Unione Sovietica / Russia e Cina,

… tutti hanno avuto accesso a tecnologie extraterrestri che sono diventate i segreti più altamente classificati nei rispettivi complessi industriali militari.

Le tecnologie avanzate sono state tutte sviluppate in programmi compartimentati controllati da élite al potere che non avevano intenzione di condividere tali tecnologie con il resto dell’umanità, ma semplicemente appropriarsi di esse per il loro uso esclusivo.

Negli Stati Uniti, queste tecnologie extraterrestri di nuova acquisizione sono state utilizzate per promuovere le agende di controllo nazionali e globali delle famiglie di sangue al potere.

I leader nazionali influenti che non sostenevano l’agenda del controllo d’élite, come il primo segretario alla Difesa degli Stati Uniti, James Forrestal e il presidente John F. Kennedy, furono eliminati in un suicidio organizzato e assassinati in pubblico per mettere in guardia gli altri leader nazionali dal resistere alla agenda di controllo globale attuata dallo Stato profondo.

In Kennedy’s Last Stand, viene spiegato come e perché sia ​​Forrestal che Kennedy, che hanno goduto di una calorosa amicizia,

furono uccisi dallo Stato profondo per i rispettivi sforzi per rivelare o ottenere l’accesso a tecnologie extraterrestri classificate e rivelare le figure e le entità principali dietro i loro rispettivi omicidi.

Oggi la Cina è stata pesantemente infiltrata dallo Stato profondo che ha compromesso le sue principali istituzioni scientifiche e militari.

Non è un caso che l’epicentro dell’emergenza del virus COVID-19 sia la Cina, che il Deep State sostiene segretamente dalla Rivoluzione Comunista.

Questo ci porta al presidente Trump, che è stato reclutato dalla comunità dell’intelligence militare americana nel 2015 per aiutare gli Stati Uniti a liberarsi dal potere dello Stato profondo, di cui abbiamo discusso in precedenza .

Trump si circondò di figure di “Deep State” e di “White Hats” per mascherare le sue vere intenzioni.

Gli sforzi inventati dallo Stato profondo per impedire prima che Trump venisse eletto, e poi rimuoverlo dall’incarico, sono ben illustrati nella bufala della Russia Collusion , l’indagine falsa del suo primo consigliere per la sicurezza nazionale, il tenente generale Michael Flynn , e l’Ucraina inventata accuse di impeachment.

Mentre ci avviciniamo alle elezioni del 3 novembre 2020, Deep State ha finalmente lanciato il suo mazzo di carte di controllo globali per impedire a Trump di vincere la rielezione.

La “plandemica ” Covid-19 e i disordini civili attraverso una guerra razziale forzata sono entrambi guidati da una narrativa mediatica incessante condotta dallo Stato profondo per manipolare il grande pubblico nel rinunciare alle proprie libertà civili. Immagine del calendario 2020 …!

The Deep State ha anche organizzato le principali piattaforme di social media per censurare i giornalisti cittadini e i media alternativi, che sono sempre più visti come rivelatori di verità da parte del pubblico in fase di risveglio che sono disgustati dalla paura continua del porno generato dai media mainstream.

Qui è dove ‘Q’ e il movimento globale che ha generato diventano importanti per comprendere il “nemico invisibile” che è bloccato in una lotta dietro la scena della vita e della morte con l’amministrazione Trump.

La maggior parte di coloro che seguono ‘Q’ accettano che rappresenti un gruppo di individui collegati alla comunità dell’intelligence militare e funzionari strettamente legati al presidente Trump.

Le immagini multiple fornite da “Q” sono originali tratte all’interno dell’ufficio ovale di Trump e dell’Air Force One che confermano che il presidente è direttamente coinvolto.

Molti credono che una delle firme usate da ‘Q’, ‘Q +’, sia Trump stesso.

“Q”, come Trump, ha fatto riferimento al “nemico invisibile” che sta tentando di schiavizzare l’umanità.

In un post del 29 giugno (# 4545) “Q” ha scritto :

Se l’America cade, lo stesso vale per il mondo.


Se l’America cade l’oscurità seguirà presto.


Solo quando stiamo insieme, solo quando siamo uniti, possiamo sconfiggere questo nemico oscuro fortemente trincerato …


Viviamo in tempi biblici.


Figli della luce contro figli dell’oscurità.


Uniti contro il nemico invisibile di tutta l’umanità.
‘Q’

Chiaramente, “Q” non si riferisce al virus COVID-19, ma sta invece descrivendo un potente gruppo di individui e organizzazioni, i “figli dell’oscurità”, ovvero lo Stato profondo .

‘Q’ cita inoltre in toto una lettera indirizzata a Trump dall’ex nunzio papale negli Stati Uniti, l’arcivescovo Carlo Maria Vigano che allo stesso modo si riferisce allo “Stato profondo” come un nemico invisibile che tenta di schiavizzare l’umanità:

Ci sono fedeli pastori che si prendono cura del gregge di Cristo , ma ci sono anche infedeli mercenari che cercano di disperdere il gregge e consegnare le pecore per essere divorate da famelici lupi.

Non sorprende che questi mercenari siano alleati dei figli delle tenebre e odiano i figli della luce:

così come esiste uno stato profondo, esiste anche una chiesa profonda che tradisce i suoi doveri e rinuncia ai propri impegni davanti a Dio .

Quindi il nemico invisibile, contro il quale i buoni sovrani combattono negli affari pubblici, viene anche combattuto dai buoni pastori nella sfera ecclesiastica …

Uniti contro il nemico invisibile di tutta l’umanità, benedico te e la First Lady, l’amata nazione americana e tutti gli uomini e le donne di buona volontà.

Vigano identifica una “Chiesa profonda” demoniaca che esercita un’influenza corruttiva sugli onesti sacerdoti che vogliono servire l’umanità, con lo Stato profondo che fa lo stesso con il servizio ufficiale del governo.

Significativamente, ‘Q’ ha accennato a un’influenza extraterrestre rettiliana sul Vaticano in un post del 3 aprile 2018 (1002) che conteneva un meme con un serpente e la domanda:

“Se i satanisti conquistassero il Vaticano, noteresti …?”

In un articolo che esamina il post di Q, è stato spiegato come le immagini dei serpenti si adattino a molteplici affermazioni interne di extraterrestri rettiliani che controllano segretamente il Vaticano.

Dall’esame dei ripetuti riferimenti del presidente Trump a un nemico invisibile , e riferimenti simili di “Q” e dell’arcivescovo Vigano, emerge chiaramente che si sta riferendo allo Stato profondo come la vera minaccia per l’umanità.

Un esame degli individui e dei gruppi che compongono lo Stato profondo rivela un significativo fattore extraterrestre nelle sue origini e operazioni.

Se Trump e White Hats riusciranno a sconfiggere il Deep State , l’umanità si sarà liberata da un antico nemico invisibile che ha manipolato gli affari umani attraverso eventi globali inventati per secoli, se non per millenni.

Viviamo veramente in tempi biblici, come afferma l’Arcivescovo Vigano, dove i figli della luce sono chiusi in una guerra spirituale contro i figli delle tenebre

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

*********************************************************

Ti potrebbero interessare:

GDO: Riprogrammazione genica

Ti fidi di loro per dirti cosa fare?

®wld

Older Entries